Home » Recensione libri » Recensione “Il Cavaliere senza nome” Fabiola D’Amico

Recensione “Il Cavaliere senza nome” Fabiola D’Amico

Autore: Fabiola D’Amico
Titolo: Il Cavaliere Senza Nome
Editore: elit Harliquin
Formato: Digitale
Genere: Erotico Fantasy

ROMANZO VINCITORE DI CATEGORIA: HISTORICAL ROMANCE -eLove Talent Seconda Edizione
Regno di Sicilia, 1130.
Fosco, abbandonato in fasce davanti a un monastero con in mano solo un anello, unico indizio riguardo alle sue origini sconosciute, è diventato cavaliere alla corte di re Ruggero II di Sicilia. Qui, tradito da una donna che pensa esclusivamente al proprio bene, il giovane perde fiducia nel genere femminile e decide di mettere da parte l’amore e i sentimenti, scegliendo una vita ricca di piaceri. Tuttavia, in quanto prediletto del Re, Fosco è chiamato a sposare la nipote del sovrano per proteggerne la buona reputazione, anche se il rapporto tra i due non potrebbe partire con piede più sbagliato: fin da subito infatti Serena si dimostra una fanciulla ribelle, che ama la propria libertà e dedicarsi a passatempi maschili e non una moglie sottomessa al volere del marito. Ma sostenersi e accettare le proprie differenze è l’unico modo per restare uniti e proteggersi da un misterioso passato che continua a imperversare nel presente…

Buongiorno care Fenici, oggi vi parlerò di un historical romance: Il cavaliere senza nome di Fabiola D’amico.

È giusto dirvi che leggo pochi romanzi di questo genere, delle volte, però, sento il bisogno di allontanarmi dalla routine e così decido di dare una possibilità ad alcuni libri che mi intrigano. È esattamente quello che è successo con “Il cavaliere senza nome”. La prima cosa che ha catturato la mia attenzione è stata la copertina, davvero molto carina, la seconda la trama e l’ambientazione.

Ci troviamo catapultati nel 1136 nel regno di Sicilia dove faremo conoscenza con Serena, nipote di re Ruggero II, dai capelli di fuoco e dal carattere testardo e ribelle, è una donna insolita per quei tempi; avvezza ai passatempi maschili come il tiro con l’arco, non crede che le donne debbano essere solo madri e mogli, ma siano molto di più. Giustissimo e veritiero, secondo me, però, un pensiero troppo moderno per quell’epoca.

E con chi mai potrà convolare a nozze la nostra guerriera di fuoco?! Ovviamente con un forte e testardo cavaliere come lei: Fosco Da Benevento. Chiamato anche “Il senza nome” a causa delle sue origini incerte, è nato e cresciuto sapendo di non appartenere a niente e a nessuno. È un uomo che si è fatto da solo, guadagnandosi la stima del suo Re e dimostrando il suo valore indipendentemente dalle sue umili origini. Non conosce e non accetta amore, Fosco è un personaggio forte ma un po’ troppo capriccioso, almeno all’inizio. Nonostante avesse dei buoni motivi per essere diffidente, avrei preferito si comportasse in maniera più fredda e distaccata invece di riversare le sue insicurezze su Serena. Per fortuna a metà del libro ci sarà una piacevole svolta.

Il libro procede in fretta, ma senza creare problemi. Ci saranno degli intoppi a rovinare il nido d’amore dei due protagonisti: mezze verità, un cavaliere misterioso in cerca di vendetta, un traditore innamorato di Serena e che farà di tutto per averla e, come se non bastasse, il mistero che aleggia sulle origini di Fosco. Ma niente di tutto questo basterà a fermare il loro amore che ne uscirà più forte di prima.

In sintesi: è un libro carino, si legge volentieri senza troppe pretese. Presenti in maniera misurata e mai volgari le scene erotiche, la scrittura dell’autrice è quasi poetica. Ho apprezzato molto il personaggio di Ayman, il saraceno protettore della protagonista. Il loro rapporto mi è piaciuto molto. È un peccato che l’autrice non abbia approfondito il rapporto di Serena con i suoi familiari. Che, nonostante il finale chiaramente conclusivo, l’autrice ci regali un altro romanzo su questi due insoliti personaggi?! Ci spero.

A presto Fenici, alla prossima.

ladykira

ladykira
Babyladykira Admin founder RFS

Lascia un Commento