Home / Otaku per passione / Cartoni Animati / Recensione: “Holly e Benji”

Recensione: “Holly e Benji”

Nome originale: Capitan Tsubasa (Yaputen Tsubasa).
In Italia è arrivato con il nome di Holly e Benji.

Genere: Spokon sul calcio ideato da Yoichi Takahashi nel 1981

Anime arrivato in Italia nel 1986, è la storia di un fuoriclasse Giapponese che dopo essere cresciuto, a 15 anni lascia il Giappone per imparare nel Brasile il calcio. Li diventa professionista e poi va in Europa.

Il manga si compone di 5 volumi:

Captain Tsubasa

World Youth

Road to 2002

Golden 23

Rising Sun

Le prime tre serie hanno dato vita ad un anime (Holly e Benji, i due fuoriclasse), film e volumi speciali. Questo manga ha contribuito ad incrementare la voglia di praticare il calcio. Edito in Italia dalla Star Comics.

Tsubasa Ozora (Oliver Hutton, Holly), ha un obiettivo, vincere il mondiale. Si trasferisce a Fujisawa e si iscrive alla scuola pubblica Nankatsu. Dopo aver conosciuto Ryo Ishizaki (Bruce Harper), capitano della squadra di calcio della scuola, decide di sfidare l’imbattibile portiere della rivale Shutetsu (Saint Francis), Genzo Wakabayashi (Benjamin Price, Benji) battendone il primato sino ad allora indiscusso.

Per una coincidenza fortuita conosce Roberto Hongo (Roberto Sedinho), grande giocatore brasiliano di origini giapponesi:  Hongo stava per togliersi la vita ma fu salvato dal padre di Holly.E’ merito di quell’incontro se Hongo diventerà allenatore personale del ragazzo e in seguito della squadra. La strada di Holly verso il campionato mondiale ha inizio.

La Nankatsu (Niuppi) riesce a cavarsela durante gli scontri con le altre squadre. In seguito al campionato delle scuole medie e superiori, abbiamo quello nazionale. Holly è la punta del Nankatsu (ora New Team) e trascina la squadra verso la vittoria finale contro la Meiwa (Muppet) di Mark Lenders (Kajiro Hyuga) grazie all’aiuto della squadra e del suo migliore amico Benji.

Convocato per la nazionale Under 15, vince il torneo di Parigi. Guida la sua squadra contro la Germania ovest guidata da Karl Heinz Schneider.

Arriva infine a disputare la sua prima partita nella nazionale maggiore e si fidanza e in seguito sposa con Sana Nakazawa (Patty) per poi partire alla volta del Brasile.

In questo manga/anime ci sono i valori tipici della cultura giapponese.

Amicizia, cameratismo, lotta reale, devozione, rispetto e lealtà. Tutti esagerati e portati all’esasperazione.

Hanno un senso del sacrificio estremo mettendo a repentaglio la loro vita e la loro salute (Vedi Julian Ross). Le partire di calcio sembrano delle guerre. Il gioco di squadra e gli individualismi sono molto presenti.

I personaggi cattivi e sleali, dopo aver giocato e conosciuto Holly, vengono convertiti. L’eroe che converte i malvagi è tipico del genere shonen.

Ma la cosa che caratterizza Capitan Tsubasa e l’irrealtà. Tiri potentissimi che spaccano portieri e bucano le reti, salti e scivolate che durano secoli, rovesciate che mettono a dura prova la forza di gravità. Acrobazie degne di circhi. Campi chilometrici. Partite infinite.

Come posso esprimere una risata scrivendola?

Se Mila e Shiro mi faceva ridere per le azioni assurde, Holly e Benji mi fanno sganasciare. Tutti lo abbiamo visto e rivisto. Tutto abbiamo visto i campi infiniti di calcio nei quali c’erano le colline.

Tiri impossibili, come dimenticare il tiro della tigre di Lenders che spaccava le reti o lasciava segni nelle pance degli avversari.

I mitici gemelli Derrick. Abbiamo tutti visto la catapulta infernale dove uno scivolava di schiena sull’erba e l’altro saltava sui piedi del fratello colpendo la palla di testa.

Assurdo, ma divertente. Utopistico se ci pensate. Il Giappone che vince il mondiale di calcio? Sul serio?? Solo nei fumetti può succedere.

La vostra Mal è cresciuta con questi cartoni e li vede ancora volentieri.  Amicizia, spirito di sacrificio, lealtà. Questo è Holly e Benji, i due fuoriclasse.

Personaggi

 

Oliver “Holly” Hutton (Ozora Tsubasa)

Centrocampista/attaccante. Nella sua carriera ha giocato in tutti i ruoli e aspira a vincere il mondiale con il giappone.

I suoi migliori amici sono il pallone, il campo da gioco, Taro Misaki con quale forma la coppia d’oro, Ryo Ishizaki. Sposato con Sana che gli darà due gemelli.

 

Benjamin “Benji” Price (Genzo Wakabayashi)

Portiere numero uno del Giappone, imbattibile. Solo alcuni sono riusciti a fargli gol, vedi Holly.

 

 

 

 

Tom Baker (Taro Misaki)

Miglior amico di Oliver, fa parte della coppia d’oro.

 

 

 

 

Mark Lenders (Kojiro Hyuga)

Ha avuto un’infanzia difficile, ha lavorato per aiutare la famiglia. È orgoglioso, tenace e forte. Fidanzato con Maki Akamine.

 

 

 

 


Philip Callaghan (Hikaru Matsuyama)

Julian Ross (Jun Misugi)

Ed Warner (Ken Wakashimazu)

James e Jason Derrick (Kazuo e Masao Tachibara)

E gli innumerevoli giocatori inglesizzati dal giapponese per il mercato europeo.

 

Si, rivedetelo. Alla prossima, un saluto dalla vostra Mal

 

A cura di

Francesca

Francesca
x

Check Also

Recensione “Silvia rimembri ancora?” AA.VV.

Autore: AA.VV. Illustratore: S. Not Editore: Einaudi Ragazzi ...