Home / Made in Italy autori italiani famosi ed emergenti / Recensione: “Himogen (Signori delle Ombre VOL 3)” di Maddalena Cafaro

Recensione: “Himogen (Signori delle Ombre VOL 3)” di Maddalena Cafaro

Trama arancio

Il passato torna a bussare nella mente di Himogene, aprendo spiragli su oscuri segreti, la speranza è flebile quanto sono forti le catene che la imprigionano. E mentre la disperazione si fa strada nel suo cuore i Pyrox si lanciano in una corsa contro il tempo dove tenteranno il tutto per tutto in un macabro gioco al rilancio.

Recensione arancio

Il terzo volume della serie Signori delle Ombre, inizia esattamente dove ci aveva lasciato Pyrox, con Himogene nei guai. Nella sua ricerca di un’amica scomparsa, la ragazzina si è fatta catturare.
Il brevissimo romanzo racconta della sua ricerca da parte dei suoi amici Pyrox, che nel frattempo stanno conducendo un’indagine sulle sparizioni sospette di tante ragazze.
Come avevo già notato nei libri precedenti, Maddalena Cafaro scrive bene (anche se ci sono alcune imperfezioni che forse nascono da un po’ di fretta di pubblicare) e riesce anche in poche pagine a creare un futuro originale e a far entrare il lettore nel suo mondo nel quale i demoni costituiscono parte accettata e regolamentata della società.

Droga, magia, maledizioni, rune demoniache: erano solo dei mezzi che i demoni utilizzavano per rendere la mente delle persone debole, confusa. La legge umana aveva stabilito che il libero arbitrio era una cosa bellissima, per cui se volevi vendere l’anima al diavolo, e ne eri cosciente, nessuno commetteva un reato, ma fatta la legge trovato l’inganno. Provare che al momento della vendita la persona fosse in grado di intendere e volere non era una cosa facile, soprattutto dopo aver firmato.

Le scene sono descritte in maniera efficace, i dialoghi sono ben caratterizzati e vivaci, ma, a mio parere, c’è troppa carne al fuoco. Ogni libro è un gruppo di capitoli di un romanzo di lunghezza standard, non ha vita propria, non porta a termine nessuna vicenda, è funzionale al seguito.
I personaggi, ben rappresentati in rapide pennellate, non hanno il tempo di essere approfonditi. Qui in pratica conosciamo solo Bea, un ibrido umano demone davvero interessante e abbiamo di contorno Adam, protagonista di Ombre, Rogue, protagonista del quarto volume (non ancora pubblicato) e tanti altri personaggi appena tratteggiati.
Per un tipo di lettore come me che non apprezza particolarmente le storie molto brevi, troppe domande rimangono irrisolte.
È comunque una lettura piacevole e coinvolgente che ti spinge ad andare avanti (anche qui il finale è apertissimo) e che lascia la sensazione di essere davanti a una buona idea e a un lavoro curato. Se amate le storie veloci questo libro sicuramente è per voi.

Fiamme-Sensualità-Nulla NUOVA

Violenza-Nulla

Recensione a cura di:

Lucrezia

Editing a cura di:

Gioggi

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione: “La ragazza del faro” di Alessia Coppola

Buongiorno Fenici oggi la nostra Cristiana ha recensito ...