Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: Hausen – Miniserie completa

Recensione: Hausen – Miniserie completa

Hausen è una miniserie made in Germany, girata nell’estate del 2019 nell’ex ospedale governativo della RDT nel quartiere Buch di Berlino. Per l’occasione, sono stati ricreati diciassette appartamenti. Il regista si è ispirato al film del 1981 intitolato Possession, anch’esso girato a Berlino.

Hausen

Progetto grafico a cura di Vita Firenze

Ciao a tutti, amanti delle serie TV!

Juri è un sedicenne taciturno e ombroso, segnato da un grande dolore: la madre è morta nell’incendio della loro casa.

Iniziamo bene vero?

Il giovane si trasferisce con il padre Jaschek in un nuovo condominio presso il quale l’uomo ha accettato un lavoro come portinaio e manutentore.

I due non fanno in tempo a sistemarsi nel nuovo appartamento che già iniziano a succedere cose strane!

Hausen Miniserie

Poca roba eh… cassette della posta che si aprono da sole, voci ululanti dolore che si diffondono attraverso i corridoi, pitbull che scappano dagli appartamenti e che scompaiono attraverso le pareti.

Olé!

Il lavoro di Jaschek si presenta subito molto difficile: le tubature sono perennemente intasate e dai rubinetti sgorga una densa sostanza nera. Ve lo ricordate il programma Blob? Ecco, una cosa simile… con tanto di glu glu glu di sottofondo.

Nel condominio abitano vari personaggi la cui personalità oscilla tra bipolarismo, misoginia, falso moralismo, perversione sessuale, misantropia.

Ah che immensa gioia!  

In mezzo a cotanta marmaglia, viene dato particolare risalto a Cleo e Scherbe, una giovane coppia di sposi che ha avuto da poco un bambino al quale non hanno però dato alcun nome.

Difatti, lo chiamano semplicemente “piccolo”… ma come si fa!?

Il pupo piange in continuazione… e ci credo! A sentire sti due che lo chiamano piccolooooooooooo per poco non scoppiavo in lacrime pure io.

Come indurre una crisi di identità quando sei ancora in fasce.

Hausen - Miniserie

Un giorno, Scherbe decide di elemosinare qualche soldo sfruttando il suo bambino e facendo leva sulla pietà degli altri condomini.

Con quei soldi, l’uomo ci rimedia qualche pillola per sballarsi e se ne va a zonzo per i corridoi col bebé in braccio.

Sballa di qua, sballa di là, il padre dell’anno entra in un narcotico turbinio di non so che cacchio sta succedendo ma è tutto bellissimo e… si perde il pupo nella canna di caduta della spazzatura!

Prima che pensiate di aver visto il peggio dovete sapere che… il bambino NON si trova, da nessuna parte, né morto né vivo… come se fosse sparito nel nulla.

Ora, inizierete a vedere il peggio.

Hausen - Miniserie

Credevo fosse un horror e invece era proprio una ca*** una grande cazza***… !

Hausen ripropone il tema, ormai spolpato fino all’osso, della “Casa Infestata” offrendoci una storia… meh!

Il regista si è ispirato a Possession… uhm, ma davvero?

Era un po’ che non lo guardavo e nel dubbio sono andata a rivedermelo; vogliamo definire ispirazione l’aver scopiazzato lo scenario di un’abitazione fatiscente che fa impazzire le persone provocando la liberazione del proprio Doppelgänger?

E sia! Peccato che il risultato sia solo la cugina sgraziata di una storia inquietante, perversa e straordinariamente patologica.

Possession è un horror di prima scelta e fare qualunque paragone con Hausen non fa che rendere quest’ultimo un obbrobrio ben peggiore di quanto già non sia.

Tinte oscillanti tra il fosco e il buio pesto, interrotte di colpo da luci accecanti… dialoghi recitati al minimo udibile per poi esplodere in urla disumane.

Straodinario sulla carta, sciatto nella sua realizzazione.

L’eterno conflitto tra bene e male, l’edificio che si nutre del dolore dei propri residenti, il doppio malvagio che si sbarazza della sua controparte buona – dunque debole – vengono buttati alla rinfusa in un calderone di nulla assoluto.

Un vero peccato!

Il trailer comunque invoglia … e molto.

Vi auguro di trovare spasso nella visione di questa miniserie. Al peggio, non è da disdegnare come sonnifero. 😂

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

StaffRFS

Lascia un Commento