Home » Recensione libri » Recensione: “Fuori controllo” di Jen McLaughlin

Recensione: “Fuori controllo” di Jen McLaughlin

Trama

Brava ragazza, studiosa ed impegnata nel sociale, lei. Aria spavalda, amante del surf e muscoli tatuati, lui. Ma, come spesso accade, gli opposti si attraggono ed è colpo di fulmine fin dal loro primo incontro. Ma le cose non sono così semplici…
Carrie è sempre vissuta sotto lo stretto controllo del padre, un politico di spicco al quale è impossibile dire di no. Giunta al college, la ragazza è convinta di essersi finalmente liberata delle ingombranti guardie del corpo che l’hanno accompagnata sin dall’infanzia: ormai sente di poter decidere della propria vita da sola. Alla prima festa studentesca incontra Finn, un ragazzo che sa come infrangere le regole. Tra i due scoppia un’attrazione immediata, ma Carrie non può prevedere quale scherzo le stia riservando il destino e soprattutto chi sia in realtà Finn…

Recensione

Quando ho cominciato questo libro, ho subito pensato ecco l’ennesimo new adult con i soliti clichè ormai letti e riletti.
Lei da brutto anatroccolo si trasforma in una bella ragazza ma, a causa delle sue insicurezze non ne è consapevole; lui è il classico cattivo ragazzo che qui è nelle vesti di un militare tatuato e amante del surf.

Aveva una specie di tatuaggio nero sul bicipite contratto. Un attimo. Fermi tutti. Aveva dei tatuaggi che salivano dai gomiti ricoprendogli le spalle e i pettorali. Sexy. Davvero sexy. Quello era il tipo di soggetto da cui papà mi aveva sempre tenuta alla larga. Era come se avesse addosso un cartello con scritto “cattivo ragazzo”.

Beh, mi sono dovuta ricredere. Certo, l’inizio del libro è simile a molti già letti ma, a mano a mano che uno prosegue, la storia conquista sempre di più e si arriva alla fine senza accorgersene e, soprattutto, con la voglia di sapere come continua. Perché, come in tutte le trilogie il libro finisce (o meglio si interrompe) sul più bello.
Carrie è la figlia di un senatore, un uomo maniaco del controllo fino all’eccesso. Arrivata all’università, pensa di essersi liberata finalmente delle guardie del corpo e del controllo del padre ma non sa quanto si sbaglia. Infatti, a sua insaputa, il padre le ha messo alle costole un ragazzo che la sorvegli.
Finn pensa di essere lì per svolgere un semplice lavoro e controllare quella che pensa essere la figlia viziata del senatore, ma lei si dimostra una persona diversa e, soprattutto, tra di loro c’è un’attrazione a cui lui cerca di resistere in tutti i modi. Ma ci riuscirà davvero?

Vedere quell’uomo che le puntava un coltello alla gola mi aveva fatto provare qualcosa di strano. Sarei stato uno stupido a negare che significava qualcosa per me. Qualcosa di enorme, reale e inarrestabile. Come una forza della natura, solo più forte. Per quanto ancora sarei riuscito a tenerla lontana? Per quante volte sarei riuscito a negare i sentimenti che chiaramente provavo prima di smettere di provarci?

Ma un amore, anche se pieno di passione, può crescere se è basato su una bugia?
Infatti, Carrie non sa chi sia Finn in realtà, anzi Finn non è nemmeno il suo vero nome. Inoltre, una volta scoperta la verità, riuscirà ad accettarla e soprattutto a fidarsi ancora di lui?

«Non ha nessuna importanza, no? Non avevamo speranze fin dall’inizio».

Forse dovevo fare un passo indietro e smetterla di recitare la parte del fidanzato ultraprotettivo. Non ero suo e lei non era mia.

Come ho detto all’inizio il finale è aperto. Ora va tanto di moda, cosa che, confesso, mi fa arrabbiare parecchio. Speriamo solo che non ci mettano molto a pubblicare il seguito, anche se, visto che sono curiosa, sono andata a sbirciare nel sito dell’autrice.
Non vi dico nulla. Vi lascio solo con questa citazione che mi ha fatto definitivamente innamorare di Finn; sono sicura che sarà così anche per voi:

«Voglio essere il tuo uomo. Mostrarti quanto posso renderti felice. Ti prometto, con tutto il cuore e l’anima, che non sto mentendo. Non mi sto inventando niente. Non più».
«Finn…».
«Mi sto innamorando di te, Rossa». Le baciai il naso. «Cavoli, chi voglio prendere in giro? Sono già innamorato. Non sono propriamente abituato a questo sentimento. Se vuoi che me ne vada, allora me ne andrò. Potresti innamorarti di qualcuno molto più adatto a te. Se vuoi che resti, passerò il resto della vita a renderti felice, oppure morirò provandoci. La scelta è tua».

Fiamme Sensualità Medio

Recensione a cura di:

LadyEryn

Editing a cura di:

Babila

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Veronica.Lady Shanna

Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento