Home » Recensione libri » Made in Italy » Recensione Free fall Monica Lombardi

Recensione Free fall Monica Lombardi

 

 

 

 

FreeFall-Monica-Lombardi

Jaime “Jet” Travis è sparito nel nulla. Nel suo appartamento deserto è rimasto solo il cellulare. Nessun messaggio, nessun segno di colluttazione, nessuna traccia. A parte una, e punta il dito contro un membro del team. Un team già ferito, che ora viene colpito al cuore. Nicole Kelly ha soffocato per anni i suoi sentimenti per Jet e ora è disposta a tutto pur di ritrovarlo e stanare il nemico che ha ordito una sanguinosa vendetta.
Fra scenari esotici, labirinti informatici, vecchie ferite e amori taciuti troppo a lungo, si snoda un’altra avventura del GD Team. Perché non importa quanti siano i nemici, sono gli amici che contano. Soprattutto quando sono disposti a dare tutto per salvarti.
Dopo Vertigo e Nicky, Monica Lombardi regala alle amanti del romantic suspense un nuovo incalzante capitolo della serie dedicata al GD Team.

Recensione

Una premessa, anzi due. Primo: Monica sei più che perdonata per ‘quell’accidenti’ che mi hai fatto prendere alla fine di “Vertigo”, lo testimonia il sorriso a 32 denti che ha accompagnato la fine di “Free fall”. Secondo: mannaggia e rimannaggia sei riuscita di nuovo a incastrarmi nel vortice delle tue serie, e questa è talmente corale che non riesco a disinteressarmi di nessuno dei personaggi, manco quelli secondari. È il tuo grande merito, la tua grande prerogativa di affascinare i lettori e tenerli in sospeso fino al libro successivo. Qui ho sofferto, pianto, esultato e tremato per Nicole e Jet, ma adesso che l’ansia è alle spalle mi hai lasciato con il fiato sospeso per tutto il resto, e in fondo ti ringrazio proprio per questo.
jetVeniamo allo specifico. Chiudiamo “Vertigo” con Jet steso dal taser e scomparso nel nulla… e lo ritroviamo così:

Dormire.
Non l’avrebbero mai slegato, non l’avrebbero mai liberato, lo sapeva. Tutto ciò che chiedeva in quel momento era che lo facessero dormire. Da quante ore, da quanti giorni non glielo permettevano?
Secondo voi il mio livello di ansia dove poteva essere schizzato se non alle stelle? Io che in questo libro cercavo rassicurazioni, per più di metà sono entrata in simbiosi con Nicole, le sue preoccupazioni, i suoi incubi
«Niente ancora?» le chiese subito lui.
Lei fece segno di no con la testa, andandogli incontro. Si ritrovò tra le sue braccia.
Non si era resa conto di quanto avesse bisogno della presenza di Buck lì con lei finché il suo
free fall nicky lombardicorpo forte non la strinse, nell’abbraccio accogliente e rassicurante di un fratello maggiore.

 

Monica nella prima parte del libro ci ha trasmesso perfettamente quel senso di impotenza che aleggiava sulla squadra. Amare una persona e non riuscire ad aiutarla, addirittura non sapere dove si trova, perché sia sparito, chi lo voleva… tutte domande che tormentano il GD team e che possono offuscarne le capacità. Intanto Jet perde sempre più il controllo della sua mente, che vaga tra presente e passato oppresso da torture psicologiche, droghe, mancanza di sonno. Cosa posso fare per aiutarlo? Il senso di impotenza opprime anche me, non ce la faccio ad essere distaccata, con i libri intriganti e belli non ci riesco mai, viaggio tra le pagine con i personaggi in perfetta simbiosi. Eccomi quindi seguire i loro passi senza poter intervenire, testimone silenzioso delle loro azioni. Michelle e GDMi passano davanti volti nuovi, nuovi protagonisti che spero non spariscano nel nulla, aiuti validissimi per questo team, chissà se la nostra autrice ha fantasticato su un loro inserimento, sarebbe un modo per non perderli di vista, per viverli ancora, per avere delle risposte. Si perché un personaggio come Hogan non può occupare solo poche pagine, lo rivoglio vedere assolutamente, i maschi alfa non si mollano! Per non parlare dell’Olandese, mi fai arrivare ad un nome, ad una vaga descrizione fisica , mi dici che è un amante a 5 stelle e poi? È un criminale o anche lui è legato a qualche servizio segreto? E la vedova allegra? Nel prossimo libro la faranno secca? E a chi pensa GD, chi è quell’individuo misterioso che ha attraversato come un lampo i suoi pensieri? Monica non lasciarmi con tutte queste domande! Ma Dig riuscirà a vedere oltre i suoi schermi? E Megan lo aspetterà? Per non parlare del vero team leader :GD sveglia! Telefonatine e sms mi sembrano un po’ riduttivi!! Certo la seduzione qui passa attraverso il non detto, ma mentre Michelle mi pare aver chiaro il desiderio, il Great David brancola ancora nel buio, uffffff.
Ho esaurito spazio e tempo, tocca a voi Nicole e Jet. Sono due libri che aspetto, vi decidete a mettere da parte paranoie inutili ed a seguire i vostri corpi? Perché, parliamoci chiaro, le menti traballano, ma i corpi sanno bene cosa vogliono e come lo vogliono, mettete da parte ragionamenti e lasciatevi andare. Vi appartenete così tanto che il vostro mondo andrebbe in frantumi senza l’altro.
Come poteva non soffrire? Era stato drogato con chissà quali schifezze, aveva ancora un proiettile in corpo, che avrebbe dovuto essere rimosso non appena arrivati alla clinica, e aveva bisogno di punti di sutura anche sullo zigomo e sulla spalla.
Era conciato male, ma almeno era lì con lei, il suo Jaime.
Il suo Jaime.

10839732_10204842820777638_525252145_oIncapace di resistere alla tentazione, Nicole mosse ancora le dita, avvicinandosi. Le braccia di Jet si strinsero attorno a lei, la trascinarono e Nick si ritrovò sopra di lui, pelle contro pelle. Il respiro le si bloccò in gola. Impossibile dire chi cercò chi, le loro bocche si trovarono, incapaci di resistere oltre a un richiamo che arrivava da lontano, che li aveva accompagnati e tormentati per anni e che ormai era impossibile ignorare.

 

“Ti voglio da un sacco di tempo” le confessò in un sussurro contro l’orecchio, prima di afferrarle il lobo tra i denti.

“Io di più”

“Dall’Italia?” la incitò. Doveva saperlo. Doveva sapere se anche lei veniva da anni di autofustigazione, come lui. “Da prima, anche se non volevo ammetterlo.” 

“Da prima anch’io. Ma in Italia mi hai mandato fuori di testa.”
Ci arrivano finalmente, e il fuoco esplode carico di aspettative e di passione, brucia intenso e lascia il posto ad un calore rassicurante. L’ho detto il finale ti strappa un sorriso a 32 denti tanto è bella l’immagine che lascia. Non dico altro per non rovinare la lettura dei loro progressi. Dico solo che, Monica anche questa volta hai colto nel segno, forse più che con “Vertigo”, brava, brava, brava. Attente signore, questa donna da dipendenza.

 

Madau
Editing : Tayla

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

Lascia un Commento