Home / Fantascienza / Recensione: “Firebird – La caccia” di Claudia Gray

Recensione: “Firebird – La caccia” di Claudia Gray

Trama viola

Marguerite Caine è cresciuta respirando intorno a sé le teorie scientifiche più all’avanguardia. I suoi genitori, infatti, sono due famosi scienziati che sono riusciti a realizzare la macchina più stupefacente di tutti i tempi: il Firebird. Si tratta di un congegno che permette di viaggiare in dimensioni parallele, basandosi sulla teoria che esistono infiniti universi, che sono poi quelli delle possibilità. Ciò che non è stato in questo mondo si è certamente realizzato in uno degli altri.
Il padre di Marguerite, però, è misteriosamente scomparso. Sembra che a ucciderlo sia stato Paul, uno degli assistenti, che è poi fuggito impunito in un’altra dimensione, portando via con sé tutti i dati relativi al Firebird. Marguerite si lancia alla ricerca del padre e grazie a Theo, uno studente di fisica che l’aiuta nell’impresa, riesce a ingaggiare una caccia all’uomo pluri-dimensionale, tra una Londra del futuro, una Russia ai tempi dello Zar e un mondo sottomarino… Le vite sono mille. Mille le possibilità. Ma il destino è uno soltanto.

Recensione viola

Voi cosa fareste se aveste la possibilità, con un piccolo strumento al collo, di rincorrere la verità attraverso diverse dimensioni? Beh Marguerite non se l’è fatto dire due volte prima di azionare il Firebird. Libro fantastico sulla possibilità che il genere umano viva in mondi paralleli in base alle scelte prese; e la voglia di una ragazza di sapere di più sulla misteriosa morte del padre. Ma nelle pagine non ho trovato solo questo, anche la conoscenza di se stessi nelle diverse situazioni scoprendo sempre di più su di sé e sulle persone che ci circondano. Gli amici potrebbero non essere tali, oppure esserlo solo nell’involucro ma non l’individuo al suo interno. Ricco di misteri, Firebird mi ha tenuta col fiato sospeso durante la ricerca del padre e di Paul, il ragazzo sospettato dell’omicidio e della cancellazione dei dati sul dispositivo. Si passa da una lettura leggera e veloce, a una trama che s’infittisce sempre di più. Quando pensavo di avere la risposta sotto gli occhi ecco che due righe dopo dovevo rimangiarmi tutto.

Infine troviamo una Marguerite con sentimenti contrastanti. Chi è Theo per lei, è solo un amico e compagno di viaggio inter dimensionale, oppure un’occasione da non perdere?

Ed ecco che ci catapultiamo in Russia alla corte dello Zar Alessandro e il mio cuore si scioglie.

L’idea che Paul stia ancora pensando a proteggere lei per prima, al di là di tutto, anche al di là di me, mi lascia interdetta. Ma potrei aspettarmi qualcosa di diverso da lui? Più gentilmente, Paul aggiunge: “voglio che entrambe siate libere”. “Con questo fai di me la sua prigione”.

Il libro cambia nuovamente si concentra sui sentimenti della famiglia e dell’amore, quello vero. Quello che mi ha fatto battere forte il cuore, che mi ha fatto commuovere, senza il quale queste parole non avrebbero senso.

Come fai a non odiarmi?” “Tu non sei la mia Marguerite. Eppure… lo sei. L’essenza che condividete, la vostra anima, è quella che amo.” “Ti amerei in qualunque forma, in qualunque mondo, con qualsiasi passato. Non dubitarne mai.”

Ormai con gli occhi arrossati, ecco che il ritmo cambia ancora. Vengo spedita in un’altra dimensione dove i pezzi del puzzle s’incastrano e iniziano a dare un senso a tutto. Ma l’autrice deve avere uno strano senso dell’umorismo perché quando s’intravede la fine di questa bellissima avventura le pagine sono terminate. A questo punto non vedo l’ora di leggere il seguito perché devo assolutamente sapere come continua questa storia meravigliosa.

Fiamme-Sensualità-Lieve NUOVA

Violenza-Lieve

Recensione a cura di:

Bettybu

Editing a cura di:

LadyLightmoon1

Acquistabile qui

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Review Party: “Annegare” di Marni Mann & Gia Riley

Buongiorno fenicette, oggi partecipiamo al review party di ...