Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Film: “The King” (2019)

Recensione Film: “The King” (2019)

The King è uno degli ultimi film recuperati dalla nostra Barbara e ce ne parla in questa nuova recensione.

The King

Progetto grafico a cura di MG

 

Titolo originale: The King

Lingua originale: Inglese

Paese di produzione: Australia, Stati Uniti d’America

Anno: 2019

Durata: 140 min

Genere: drammatico, storico, biografico

Regia: David Michôd

Soggetto: William Shakespeare

Sceneggiatura: Joel Edgerton, David Michôd

Produttore: Joel Edgerton, Dede Gardner, Jeremy Kleiner, Brad Pitt, David Michôd, Liz Watts

Casa di produzione: Netflix, Plan B Entertainment, Porchlight Films, Blue-Tongue Films, Pioneer Stilking Films

Distribuzione in italiano: Netflix

Fotografia: Adam Arkapaw

Montaggio: Peter Sciberras

Musiche: Nicholas Britell

Scenografia: Fiona Crombie

Costumi: Jane Petrie

 

Interpreti e personaggi

Timothée Chalamet: Re Enrico V

Joel Edgerton: John Falstaff

Robert Pattinson: Luigi, delfino di Francia

Ben Mendelsohn: Re Enrico IV

Sean Harris: William Gascoigne

Lily-Rose Depp: Caterina di Valois

Tom Glynn-Carney: Henry Percy

Thomasin McKenzie: Filippa di Lancaster

Dean-Charles Chapman: Tommaso di Lancaster

Andrew Havill: Arcivescovo di Canterbury

Ivan Kaye: Lord Scrope

 

The King (2019)

 

 

Hal, principe ribelle e riluttante erede al trono britannico, ha voltato le spalle alla vita di corte preferendone una tra la gente comune. Alla morte dell’autoritario padre, Hal viene proclamato re col nome di Enrico V e obbligato a vivere quell’esistenza che in passato aveva cercato di abbandonare.

Il giovane re deve destreggiarsi tra la politica di palazzo, il caos e la guerra ereditati dal padre, e fare i conti con i legami emotivi della sua vita precedente, tra cui il rapporto con il suo più caro amico e mentore, l’anziano baronetto alcolizzato John Falstaff.

 

 

Ho iniziato a guardare The King per caso, e ammetto di esserne rimasta entusiasta.

Se cercate un film d’amore o sentimentale lasciate perdere: quei sentimenti, qui, non esistono, piuttosto troviamo l’odio, l’onore e il peso di dover portare una corona per forza.

Le immagini in interno per alcuni versi risultano oscure e cupe, questo perché, fin dai primi minuti, si è catapultati nella vita del giovane Hal, della sua spensieratezza che nel giro di poco tempo sparisce per lasciare posto a doveri mai voluti.

A differenza di molti re, Hal vuole la pace, e non vuole assolutamente rischiare la vita dei suoi uomini.

 

The King (2019)

 

Sulla sua strada incrocerà il Delfino di Francia interpretato da un bravissimo Robert Pattinson (non sono una sua fan, anzi) che riesce nel suo ruolo di cattivo in maniera perfetta, grazie forse anche alla bruttezza (scordatevi il vampiro sexy).

Violento e permaloso come non pochi, non esita a uccidere bimbi innocenti per istigare Enrico a fare guerra.

Guerra che porterà alla morte del Delfino, supponente e arrogante ma con poca intelligenza fino alla fine.

 

The King (2019)

 

Per raggiungere la pace Enrico dovrà sposare Caterina di Valois (interpretata dalla figlia del divino Johnny Deep) che assieme a lui fonderà una nazione potente nei secoli.

Il debutto della principessa di Hollywood, Rose Deep, è stato breve ma intenso, abbastanza da renderle grazia come bellezza, che sicuramente le permetterà, oltre al nome, di fare strada nel mondo del cinema.

 

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Eve

Eve

Lascia un Commento