Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione film cult: Star Wars episodio VII Il risveglio della Forza

Recensione film cult: Star Wars episodio VII Il risveglio della Forza

Carissime fenici, oggi la nostra Federica ci riporta indietro nel tempo e ci parla di uno dei film della saga dedicata a Star Wars… siete pronti a leggere e commentare?

Trent’anni dopo la battaglia di Endor, l’Impero è caduto e dai suoi resti è nato il Primo Ordine. La Repubblica tenta di tenere la leadership e la Resistenza di contrastare la sua crescente egemonia.
Il Generale Organa è alla ricerca di suo fratello Luke, scomparso misteriosamente. Purtroppo, anche il Primo Ordine è sulle sue tracce.
Leia ha mandato il suo più valente pilota, Poe Dameron, su Jakku, per cercare un indizio importante che l’aiuti a trovare il fratello. Indizio custodito da Lord San Tekka, che lo consegna al giovane, giusto in tempo prima che i soldati del Primo Ordine arrivino sul pianeta. Il pilota e il suo astrodroide tentano di scappare, ma senza successo.
Uno dei soldati, FN 2187, ha una crisi di coscienza, quando viene perpetuata la strage di innocenti del villaggio. A quel punto, entra in scena Kylo Ren, il braccio armato del Leader Supremo Snoke, ossessionato dal voler trovare a tutti i costi il Jedi perduto; Tekka viene ucciso da Ren, che poi cattura Poe.
BB8 scappa.

Su Jakku, vive Rey, una ragazza di 19 anni, che per sopravvivere fa la “Scavenger”, cioè la scava rottami tra i rifiuti, unico espediente per vivere in quel deserto infuocato.
All’avamposto di Niima, Rey baratterà quello che ha trovato con del cibo da Unkar Plutt. È sola e spera che un giorno i suoi genitori vengano a prenderla per portarla via di lì; intanto, continua a vivere nella carcassa di un AT-AT e a sognare. Ed è proprio lei a salvare BB-8.

Su uno degli Star Destroyer, intanto, Kylo, usando la Forza, tortura Poe, dato che con i metodi normali non riesce a ottenere nulla. Oltre a lui, c’è il Generale Armitage Hux, capo dell’esercito del Primo Ordine che disprezza Ren, i suoi modi di fare, e odia tutto quello che è connesso alla Forza, una pratica desueta e assurda. Roba da stregoni.
FN 2187 libera Poe e lo battezza Finn, scappano con un Tie fighter per poi schiantarsi, però, su Jakku.
Finn si trova da solo a quel punto e non sa che fine abbia fatto Poe, così si avventura nel deserto fino ad arrivare a Niima e incontra Rey.

Mentre Kylo e Hux discutono, perché tra di loro non corre buon sangue, Finn si rende conto che Rey non ha bisogno di nessun aiuto, né di protezione. Le mente, dicendo di appartenere alla Resistenza e, assieme al droide, scappano dal Primo Ordine per finire con il ritrovare la “ferraglia” lì, su quel pianeta inospitale. Il Millennium Falcon può finalmente tornare a dare del filo da torcere ai Tie Fighter.
Rey lo guida spericolatamente e istintivamente, usando proprio la Forza, anche se non ha idea di cosa sia questo “potere”.

Intanto, sulla Supremacy, Kylo apprende che il droide non è stato ancora recuperato e si lascia andare all’ira, usando la sua spada laser rossa dal Kyber incrinato, sintomo che la sua anima sanguina in qualche modo a noi ancora sconosciuto.
Riesce però a scoprire che il droide è con una ragazza.
Il Falcon viene preso da un’altra nave più grande e scopriamo che a bordo ci sono Han e Chewbecca, che, con somma sorpresa, vedono il Falcon.

“Chewbe, siamo a casa”, dice Han Solo.

(Questa scena per me, è stata commovente)

Han è Han. Deve liberarsi dai soci, non propriamente tali, e aiutare i due ragazzi ad arrivare alla Resistenza. Fortunatamente riescono a scappare tutti.
Vediamo anche per la prima volta Snoke, un’entità aliena che parla ai suoi sottoposti. In seguito Snoke resta da solo con Kylo. Lui è il figlio di Han, Ben Solo è il suo nome. Perfetto equilibrio tra luce e oscurità, anche se ha perso la via virando verso quest’ultima.
Luke è andato via perché uno dei suoi apprendisti si è rivoltato contro di lui, ha scelto l’esilio per espiare alla sua colpa. Han sa che esiste la Forza e tutto quello che a essa è collegato, perché ha visto.

Takodana.
Qui trovano l’aiuto di Maz Kanata, una pirata vecchia amica di Han, della Resistenza e vecchia forse più della stessa Galassia.
Kylo è combattuto, sente sempre la chiamata della Luce, mentre parla a una maschera deforme e bruciata, quella di Vader.

“E io finirò ciò che tu hai iniziato, nonno”, sostiene Kylo Ren.

Al castello di Maz, Rey sente delle voci e ha visioni del passato e del futuro, quando tocca la spada di Anakin. Da qui capiamo che la spada ha scelto lei.
La Star Killer è l’arma del Primo Ordine. Più grande e più potente della Morte Nera, perché inglobata in un pianeta e usa l’energia dei soli che prosciuga. Pronta per essere adoperata contro chi sostiene la Repubblica. quando accade, dimostra tutta la sua distruttività.
Rey scappa nella foresta, impaurita per quello che ha visto, mentre il Primo Ordine arriva su Takodana.
I due giovani si incontrano per la prima volta, l’uomo sente che la ragazza è particolare e che apprende facilmente, quindi l’addormenta e la porta via con sé. Gli altri, ormai prigionieri, vengono salvati dalla Resistenza.
Han rivede Leia e subito parte il loro tema principale, quella musica inconfondibile che fa da sottofondo. Anche Finn e Poe si rivedono.
Han dice a Leia di aver incontrato Ben, parlano di cose futili, ma anche di quello che è successo tra di loro. Avevano entrambi paura perché Ben era diverso, potente nella Forza e molto simile a suo nonno.

“C’è ancora luce in lui”, è il moto di speranza, che pervade di Leia, nei confronti del figlio.

Kylo interroga Rey, in maniera diversa rispetto a Poe. Si avvicina a lei togliendosi l’elmo che ricopre il suo viso, per creare subito un contatto visivo, e Rey ne rimane piacevolmente colpita: non è brutto, anzi…

La ragazza resiste alla sonda mentale, fattale con la Forza da Kylo, e riesce a contrastarla fino a far tentennare il giovane uomo.

Tu… tu hai paura. Hai paura di non diventare forte quanto Darth Vader”

Kylo è sconvolto: chi è questa ragazza così forte nella Forza e senza nessun addestramento?

La base Star Killer viene presa di mira dalla Resistenza, mentre sta prosciugando l’ennesimo sole da usare contro altri pianeti. Rey è in fuga e intanto il Falcon arriva sulla base, con la missione di disattivare gli scudi.

Han ferma suo figlio, tentando di farlo ragionare ma è del tutto inutile.

Cosa può fare l’amore di un padre per il proprio figlio perduto??

Io so cosa bisogna fare, ma non so se ne ho la forza”, dice Kylo Ren

Ben, alla fine, uccide suo padre. Leia lo avverte attraverso la Forza, Chewbe spara a Ben, ma non lo uccide.

Siamo nella foresta, innevata, della base Star Killer; Kylo mette K.O. Rey e dà una lezione di spada al traditore Finn. Cerca di richiamare la spada, ma questa non viene a lui e va da Rey. I due duellano. Rey ha la meglio su di lui, sfregiandolo, e il pianeta si spacca in due grazie anche all’intervento della Resistenza.

Il Falcon porta via i sopravvissuti fino alla base. R2 si risveglia dal suo sonno e con BB 8 ricompone la mappa per ritrovare Luke. Così è Rey che, con Chewbe e il Falcon, va alla sua ricerca.

Rey, alla fine, trova Luke su un pianeta fatto d’acqua e di isole.

Considerazioni

Film diretto da JJ Abrams del 2015, fa parte della trilogia sequel.

Cast

Oltre agli attori originali, nei ruoli di Han, Luke e Leia – ovvero Ford, Hamill e Fisher -, si sono aggiunti nuove leve e altri vecchi interpreti dalle trilogie passate.

Adam Driver nel ruolo di Kylo Ren/Ben Solo.

Daisy Ridley come Rey.

John Boyega come Finn.

Oscar Isaac è Poe Dameron.

Lupita Nyong’o, Maz Kanata.

Domhnall Gleeson intepreta Hux.

Andy Serkis dà vita a Snoke.

Anthony Daniels è C3PO.

Chewbecca è interpretato da Mayhew e da Suotamo

Lord San t

Tekka da Max Von Sydow.

Gwendoline Christie è il Capitano Phasma.

Billie Lourd veste i di Connix (la Lourd è la figlia di Carrie Fisher).

La colonna sonora viene sempre affidata a Williams e non cambia nello stile: si capisce subito che si parla della saga più amata della storia del cinema. Bello il sottofondo ad alcuni momenti salienti, come il tema di Rey o di Kylo e le riprese di vecchi brani, come quello che ha sempre accompagnato Leia.

Una piccola curiosità: nel doppiaggio italiano, Ottavia Piccolo riprende la voce di Leia dopo 32 anni, mentre quella di Ford è cambiata. Non è più quella di Satta Flores, scomparso nel 1985, bensì l’inconfondibile timbro di Michele Gammino, già voce di Ford in parecchi suoi film. Stesso dicasi per Luke, un tempo la sua voce era quella di Capone, ora è quella di Francesco Prando.

Cosa penso di questo film?

Ok, la vostra Mal non lo aveva visto al cinema, ma ne ha recuperato la visione in Blue Ray e… caspita!!!

Parliamo di un film che si colloca trent’anni dopo Endor, dove tutto è cambiato e dove nuovi personaggi vengono alla luce. A mio avviso, quelli principali sono Rey e Kylo, gli altri, secondari o comprimari, ruotano attorno alle vicende dei protagonisti.

Sono rimasta piacevolmente colpita da questo sequel. Rivedere Luke, Han e Leia mi ha fatto un certo effetto, così come sapere che avevano un figlio. E che figlio, caspiterina!

Adam Driver ha il suo perché, in quanto a fisico, e a livello recitativo lo adoro! Ha reso suo Kylo in una maniera perfetta, mostrando a tutti come si sentono la sua anima e il suo io.

Kylo Ren non è il cattivo di questa trilogia sequel, come tutti pensano; è l’antieroe che si è perso, che non è mai stato capito fino in fondo. Per afferrarne di più la vera natura, vi consiglio di leggere i libri canon, finora usciti; un film non basta per capire la sua psicologia e perché sia diventato quest’uomo.

Lui è così per scelta degli altri. Quando vieni ferito e tradito da chi ami, finisci con il difenderti in qualsiasi modo.

Per capire anche Rey, invece, dovete vedere l’episodio 8. Il suo personaggio è legato a quello di Kylo in maniera indissolubile.

La morte di Han mi ha fatto riflettere e impressionare al tempo stesso, e sapete che alla vostra Mal non succede tanto facilmente. Però, come rimanere indifferenti di fronte a chi si sacrifica per far capire al proprio figlio quanto grande sia il suo amore?

Il rapporto tra i due giovani per me, avrà il culmine in episodio IX.

Il film mi è piaciuto molto e ve lo straconsiglio.

Se, come me, siete amanti della saga, non può non piacervi!

Un saluto dalla vostra Mal.

Recensore: Malefica 81 (Federica Laura)

Editor: Irish Girl (Marialuisa Gingilli)

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Fear and Loathing on the Planet of Kitson

Recensione Serie Tv: Recensione Serie TV: Agents of Shield 6×08 “Rotta di collisione (1° parte)” – 6×09 “Rotta di collisione (2° parte)”

Salve, Fenici! Eccomi qua! Le avventure degli agenti ...