Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione film cult: Star Wars episodio III “La vendetta dei Sith”

Recensione film cult: Star Wars episodio III “La vendetta dei Sith”

Sith
Progetto grafico a cura di Stefania Vasques

Tanto tempo, in una galassia lontana lontana…

Siamo in guerra!!

Sono passati tre anni dalla battaglia di Geonosis e la Repubblica ha subito gravi danni durante la guerra dei Cloni.

Il conte Dooku e il suo braccio armato, Generale Grievous hanno rapito il Cancelliere Supremo Palpatine, in suo soccorso vanno il Maestro Kenobi e lo Jedi Skywalker.

Entrati nella Invisible Hand, la nave di Grievous, raggiungono Palpatine e affrontano Dooku. Quando Obi-Wan è fuori combattimento, Anakin sopraffatto dalla rabbia, uccide Dooku decapitandolo.

Mentre la nave sta precipitando su Coruscant il Generale alieno scappa dopo essere stato quasi catturato dai due Jedi. Anakin riesce a far atterrare quel che resta del vascello, Palpatine si riunisce al senato e Obi-Wan si dirige al consiglio Jedi per riferire l’accaduto. Il giovane Jedi ritrova la moglie che gli annuncia di essere incinta.

E’ felice per questo ma è preoccupato per lei, incubi ricorrenti funestano il suo riposo: vede Padmè morire di parto insieme ai suoi figli morire.

Anakin ha stretto un forte legame con Palpatine, ormai ascolta solo i suoi consigli, mentre il Consiglio Jedi gli nega il rango di Maestro. Tutto questo fa aumentare la sua rabbia e la sua frustrazione. In questo stato d’animo si avvicina sempre di più al Lato Oscuro, per cercare un modo per poter salvare Padmè. Approfittando della debolezza di Anakin Palpatine gli rivela di essere lui il Signore Oscuro che stanno cercando ma lo jedi non lo consegna al Consiglio perchè non sa cosa fare: il suo cuore gli suggerisce di servirsene per aiutare Padmè ma la coscienza lo spinge a consegnarlo.

Intanto Yoda va su Kashyyyk, il pianeta degli Wookie, per combattere contro i Separatisti, Obi-Wan è su Utapau dove i Cloni hanno trovato il rifugio di Grievous e dopo uno spettacolare duello lo elimina.

Anakin cede alla ragione e riferisce a Windu della doppia identità del Cancelliere, con lui e altri Jedi si muove per arrestarlo. Ma Palpatine, noto tra i Sith come Darth Sidious, uccide gli Jedi e ingaggia un duello con Windu il quale gli tiene testa deviando i Fulmini di Forza sul signore Oscuro così da deformargli la faccia. Però Interviene Anakin, che a sorpresa difende il Cancelliere, insieme al maestro uccide Windu scaraventandolo fuori dalla finestra.

Skywalker ormai plagiato, viene battezzato da Sidious con un nuovo nome da Sith, Darth Vader, e gli viene affidata una missione: uccidere ogni Cavaliere Jedi al Tempio, senza risparmiare nessuno. Palpatine intanto attiva “l’ordine 66” dei Coni e in tutta la Galassia inizia l’epurazione di massa degli Jedi. Contemporaneamente Vader commette una strage al Tempio, soprattutto di Padawan.

Il maestro Sith sovverte l’ordine e trasforma la Repubblica nel primo Impero Galattico e si proclama Imperatore. Padmè accetta in silenzio “E’ così che muore la democrazia, sotto una pioggia di scroscianti applausi”

Gli unici sopravvissuti alla Purga sono Obi-Wan e Yoda. Il Maestro verde non crede a quello che vede nelle registrazioni delle telecamere interne al Tempio, non credendo al radicale cambiamento di Anakin sia così cambiato, come ultimo tentativo di farlo rinsavire manda Kenobi ad affrrontarlo mentre lui si scontrerà con l’Imperatore.

Il duello tra il piccolo Jedi verde e il signore Oscuro si conclude con uno stallo che costringe Yoda alla fuga aiutato da Organa. Su Mustafar, Anakin uccide tutti i leader Separatisti e sembra per un attimo tornare in se quando vede Padmè: la giovane tenta di far rinsavire il marito che ormai però è intriso di Oscurità fino al midollo e accecato dalla rabbia e dall’odio che prova, in particolare verso Obi-Wa, la strangola.

Il Maestro interviene a malincuore e ingaggia un duello con il suo ex allievo, ormai divenuto un Sith. Lo scontro però li vede alla pari perché cresciuti insieme, finchè Obi-Wan, sfruttando il vantaggio tattico, riesce ad la meglio, amputando nel processo gambe e braccio sinistro di Anakin. Il Sith, quel che ne rimane, viene abbandonato a bruciare nella lava del pianeta vulcanico. Ma, grazie all’odio e alla rabbia resta in vita e maledice il vecchio maestro che se ne va rubandogli la spada.

Padmè, salva sull’asteroide di Polis Massa, sta per partorire. La giovane è sana ma ha perso la voglia di vivere, si sta spegnendo lentamente. Vengono al mondo due gemelli: Luke e Leia. Padmè muore mentre Anakin viene soccorso dall’Imperatore e viene riportato in “vita”. Diventa egli stesso una macchina e non più un essere umano, si arrende alle bugie dell’Imperatore, il suo nuovo Maestro, che lo convince di aver ucciso Padmè.

Sulla Tantive IV, i superstiti decidono i loro destini: Yoda andrà in esilio su Dagobah, Organa adotta Leia portandola su Alderaan, i due droidi vengono affidati al capitano Antilles il quale cancellerà la memoria di C3PO. Obi-Wan torna su Tatooine portando con se Luke, lo affida agli zii Owen e Beru Larsche lo cresceranno mentre lui veglierà da lontano.

Cast

Inalterato dal precedente film.

Considerazioni

Da dove inizio??

WOW!!!

Film scritto e diretto da George Lucas, uscito nel 2005.

Il migliore dei tre della trilogia Prequel a mio avviso e si lega perfettamente ad Episodio IV.

Scene memorabili.

Salvataggio di Palpatine con relativo atterraggio su Coruscant.

Obi-Wan contro Grievous su Utapau, duello fantastico.

Obi-Wan contro Anakin.

Uno dei migliori duelli mai visti all’interno della saga (aggiungerei quello contro Maul e quello in episodio VIII).

Cavolo, ho amato tutto!!!

Anakin è in costante lotta con se stesso e preda del Lato Oscuro, per la sua incapacità di salvare la sua Padmè e i bambini. La tragicità e la complessità della sua anima, anima fin troppo malleabile, sono innegabili. Ma c’è un altro personaggio ancora più complesso di lui, suo nipote, Ben Solo, che comparirà solo tra tre film.

Obi-Wan raggiunge la sua maturità e capisce anche il suo fallimento come mentore perché per lui Anakin era un fratello, un amico… un figlio.

Una scena da brividi, che ho visto al cinema, è quando Vader prende vita, emettendo il primo respiro del casco. Un silenzio assordante rotto dal sul respiro sibilante.

Uno dei temi che sottolineano una delle scene più importanti è “Battle of the Heroes”, il duello su Mustafar.

Questo film è il più cupo dei tre e io l’ho trovato bellissimo.

Ottima prova sia di Hayden che di Ewan nei ruoli iconici di Anakin e Obi-Wan, un Obi-Wan sempre più vicino a quello di Guinness della trilogia classica.

Se volete avere un quadro completo, la Vendetta dei Sith e il giusto trade d’union tra i Prequel e la trilogia classica.

Tra episodio II e III esiste la serie animata “The Clone Wars” che integra appunto la Guerra dei Cloni, quei tre anni che non vengono visti al cinema ma che ci sono stati.

Voto 5 su 5!!

Ve lo consiglio caldamente.

Ci vediamo la prossima volta, con la trilogia classica.

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Una Serata al Cinema: Spider-Man: Far From Home

Titolo: Spider Man Far From Home Regista: Jon ...