Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione film cult: Star Wars episodio I La minaccia fantasma

Recensione film cult: Star Wars episodio I La minaccia fantasma

Progetto grafico Francesca Poggi

In attesa dell’episodio IX.

Tanto tempo fa in una galassia lontana lontana…

Oggi voglio parlarvi della saga di Star Wars. Inizio dalla trilogia prequel: il primo episodio uscì nel lontano 1999, 20 anni dopo episodio VI.

Farò un riassunto estrapolando alcuni punti importanti per poi concedermi un giudizio.

Un prequel??

Io arrivo dalla trilogia classica e mai avrei pensato ad un prequel dove si racconta la storia di Anakin e della sua ascesa a Vader, di Padmè Amidala e di un giovane Obi-Wan Kenobi e del suo Maestro e di tante altre cose. Nuovi pianeti, nuovi droidi e anche nuovi alieni (Darth Maul).

La minaccia fantasma del titolo è sia il ritorno dei Sith nella Galassia dopo che erano stati sconfitti ed erano spariti, sia il malcontento che serpeggia nel Senato Galattico e di conseguenza nella Repubblica e nelle sue fragilità.

Qui-Gon Jinn e il suo Padawan, Obi-Wan Kenobi, sono in missione per conto del Cancelliere Valorum affinché i Neimodiani tolgano il blocco navale a Naboo. La missione fallisce e la Regina è costretta a fuggire.

La nave con la quale fuggono viene danneggiata ed è costretta ad atterrare su Tatooine per essere riparata. Qui incontrano Anakin Skywalker, un giovane schiavo di nove anni che ha doti particolari ed è particolarmente sensibile alla Forza. Qui-Gon crede che lui sia il Prescelto, colui che riporterà l’Equilibrio nella Forza. Libera il bambino dopo aver vinto una scommessa su una gara di sgusci e incontra per la prima volta Darth Maul. Maul è l’apprendista di Darth Sidious (Palpatine) e vuole uccidere la regina Amidala.

Tornati su Coruscant, sede del Senato e del Consiglio dei Jedi, Anakin viene portato davanti ai Maestri che sono riluttanti ad addestrarlo perché è troppo vecchio, così Qui-Gon lo farà personalmente.

Come in tutti i film di Star Wars, abbiamo una grande battaglia corale che si svolgerà su Naboo: su terra, dove i Gungan (il popolo autoctono) si batteranno contro i droidi della Federazione dei Mercanti supportati dai droidi del clan bancario e dai Droidekas; nei cieli, dove si scontreranno le navi di Naboo contro quelle dei droidi e del blocco.

Qui-Gon e Obi-Wan si scontrano in un duello epico contro Darth Maul. Il Maestro viene ucciso dalla Zabrak (la specie di Maul) e Obi-Wan uccide Maul a sua volta tagliandolo in due. In punto di morte, Qui-Gon strappa la promessa al suo Padawan che addestrerà il ragazzo. Palpatine viene eletto Cancelliere Supremo e tutti i cattivi vengono arrestati. Yoda promuove Obi-Wan Cavaliere e prende Anakin come suo apprendista.

Cast

Liam Neeson – Qui-Gon Jinn

Ewan McGregor – Obi-Wan Kenobi

Natalie Portman – Padmè Amidala

Jake Lloyd – Anakin Skywalker

Pernilla August – Schmi Skywalker

Ian McDiarmid – Palpatine (Darth Sidious)

Ray Park – Darth Maul

Considerazioni

Il film, scritto, diretto e prodotto da George Lucas è uscito nel 1999 e io l’ho trovato un po’ lento in alcuni punti, forse perché è il primo del “Prequel”. Lucas ha voluto narrare “l’inizio” di Anakin e di come ha incontrato Padmè Amidala Naberrie. I futuri genitori di Luke e Leia.

Ma è anche la storia del Padawan Obi-Wan Kenobi che si intreccia in modo inestricabile al destino di Anakin. Vengono alla luce i Sith, creduti ormai estinti, Maestro e Apprendista votati al Lato Oscuro della Forza.

Emblematica la frase di Yoda “Sempre due ce ne sono, un Maestro e un’Apprendista…” è una regola che nessuno infrange.

Il film scorre, anche se in alcuni punti (lo ammetto, è un po’ noioso) sembra piantarsi. Alcune cose dovevano essere approfondite più di altre ed ho avuto come l’impressione che Lucas lo abbia fatto “velocemente”.

Per carità, io sono una grandissima fan della saga fin da quando ero una bambina, sono rimasta impressionata positivamente, sia della Galassia lontana lontana che di Dune.

Il film è bello, ci sono tante cose che mi hanno ricordato la trilogia classica. Le musiche, composte come sempre da Sir John Williams, sono il contrappunto sonoro a scene epiche, come “Duel of Fates” che scandisce il “triello” tra Maul, Qui-Gon e Obi-Wan.

Il tema di Anakin ricorda a tratti la Marcia Imperiale, un presagio della sua trasformazione in Vader.

La tagline del film riporta questa frase:

Ogni saga ha un inizio”.

Ammetto di essere stata spiazzata dal prequel perché mai mi sarei immaginata che dopo la trilogia classica ci sarebbe stato altro.

Star Wars è una fiaba per bambini, come dice lo stesso Lucas, e come un bambino bisogna vederla. A distanza di anni l’ho rivalutato.

E ora, la vostra Mal entra in modalità cattiva ragazza, e potrebbero partire commenti poco consoni ad una recensione ma… ci stanno.

Quando ho sentito che Obi-Wan sarebbe stato interpretato da Ewan ho gridato!! Seguo Ewan da sempre e mi piace moltissimo. Ricordo che negli extra del Dvd, quando arrivò per unirsi al cast, aveva i capelli lunghi e la parrucchiera dovette tagliarli alla maniera Padawan. Lui le fece questa battuta “Sono capelli scozzesi, duri da tagliare” sono morta dalle risate qui.

Il momento più bello è il duello a tre su Naboo, forse uno dei migliori duelli di tutta la saga. Maul interpretato da Park è qualcosa di incredibile, grazie alla sua agilità dovuta ad anni di arti marziali, è un piacere per gli occhi.

Se dovessi dare un giudizio a questo film, dopo 20 anni, è un tre su cinque.

Cose che non mi sono piaciute, Gungan e Midi-chlorian.

Ci vediamo alla prossima

Un saluto dalla vostra Mal

baby.ladykira

Avatar
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Lost Canary

Recensione Serie Tv: Arrow 7×18 “Lost Canary”

Progetto grafico a cura di TessV Bentornati amanti ...