Home / Made in Italy autori italiani famosi ed emergenti / Recensione: “Due fratelli per Giulia” di Cristina Origone

Recensione: “Due fratelli per Giulia” di Cristina Origone

 

 

Giulia e Saverio. La loro relazione clandestina appaga entrambi, il loro rapporto è carnale, frenetico, pieno di voglia di soddisfare le proprie fantasie erotiche. Ma quando il matrimonio di Saverio finisce Giulia esita, non se la sente di impegnarsi in una relazione più stabile con un uomo che, pur esercitando su di lei una forte attrazione, ha un carattere iroso e aggressivo. Così quando tra loro si intromette Filippo, il fratello di Saverio, le cose si complicano. Filippo è l’esatto opposto di Saverio: sorridente, affascinante, premuroso, perennemente in viaggio per il suo lavoro di pilota del campionato mondiale Supersport. Facile innamorarsene. Ma Saverio non ha intenzione di farsi da parte e tra i due nasce una vera e propria guerra. Si può perdonare un fratello che tradisce la tua fiducia? È giusto soffocare un sentimento in nome di un legame di sangue? Un romanzo erotico intenso e appassionato, una storia a tratti morbosa, in cui alla fine trionfa l’amore.

Giulia, Saverio, Filippo: una donna, due fratelli, un triangolo in cui si intrecciano passione, amore, risentimento e incertezze. Quando Filippo incontra la donna di Saverio, non riesce a opporsi al sentimento che lo spinge inesorabilmente verso di lei, pur essendo consapevole del male che potrà fare al fratello. O forse proprio per quello. Anche Giulia viene travolta dall’attrazione per Filippo, rompendo così l’equilibrio del rapporto con Saverio, reso già precario da un divorzio imminente e dalla sua possessività. I due uomini si innamorano perdutamente della stessa donna, giovane, disinibita e passionale, ma cosa la rende tanto irresistibile? Forse la sua aura di mistero e ambiguità, che la fa apparire mai del tutto raggiungibile. Giulia sarà costretta a scegliere e per farlo dovrà comprendere fino in fondo cosa la lega a ciascuno dei due fratelli. Anche se scegliere non è quello che vorrebbe davvero.

Una trama poco elaborata ma efficace nella sua ambiguità, a tratti perversa, soprattutto nel rapporto tra Giulia e Saverio. Le scene di sesso sono eccitanti e un po’ scabrose, a mio avviso appropriate al mood del romanzo, che è senza dubbio un erotico, e coerenti al tipo di legame tra i due personaggi, ovvero amanti clandestini, coinvolti in una storia di tradimento e trasgressione. Il ruolo di Filippo è un po’ quello che mette fine ai giochi, incarnando l’amore puro che spazza via l’oscenità di una passione proibita, rischiando di compromettere definitivamente il rapporto già difficile con suo fratello. 

Peccato per la brevità del racconto, che non permette l’adeguato sviluppo di una trama ad alto potenziale, fino a renderlo frettoloso, e non consente all’autrice di rendere al meglio la crescita emotiva e le scelte dei personaggi prima del finale. Finale che, sebbene risulti quasi improvviso, tiene fede all’ambiguità che caratterizza l’anima della storia.   

Fiamme-Sensualità-hot NUOVE

Recensione a cura di:

ladykei

Editing a cura di:

Miky

lascia-un-commento-rfs

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

Recensione: The Beast di Ylenia Luciani

San Francisco 2019. Che cosa succederebbe se mandassero ...