Home » Recensione libri » Recensione: Dio come ti amo di Alex Sander

Recensione: Dio come ti amo di Alex Sander

 

Titolo: Dio come ti amo

Autore: Alex Sander

Editore: Triskell

Genere: Romanzo d’amore LGBT

Target :+16

Data di pubblicazione: 20 ottobre 2022

Rufo, occhi verdi come il mare e determinazione da vendere, ha una sola grande passione nella vita, la danza. Il suo mondo va in pezzi quando, un pomeriggio, finita la lezione in Accademia scopre di avere un problema di vista.
Marek, un promettente tuffatore polacco, giunge in Italia con la ferma intenzione di vincere i Campionati Europei di Torino, ma un’infezione agli occhi lo obbliga a un ricovero immediato.
I due ragazzi si ritrovano nella stessa stanza di ospedale e quello che poteva sembrare uno scontro fortuito si rivela un incontro voluto dal destino. Tra Rufo e Marek scatta un’attrazione irrefrenabile che in un lampo divampa nella passione.
Ben presto però la degenza si conclude, la vita li reclama a gran voce, e Rufo e Marek sono costretti a separarsi. Tutto sembra congiurare perché non possano riunirsi mai più. Nessuno dei due però è in grado di dimenticarsi dell’altro. Possibile che quell’attrazione carnale sia già diventata un legame più prezioso, per cui vivere e lottare?

 

 

Rufo e Marek sono ricoverati nella stessa camera d’ospedale, entrambi con problemi agli occhi. Sono dei giovanissimi atleti, un ballerino romano il primo, un tuffatore polacco il secondo. Tra i due è colpo di fulmine. Rufo, anche con gli occhi bendati si sente attratto dal giovane straniero, sente che Marek ha una sensibilità e una dolcezza che lo toccano nel profondo ancora prima di sentire le sue mani su di sé. Marek ha il cuore afflitto da un amore finito in maniera tragica, inoltre non è libero di manifestare apertamente i suoi sentimenti perché verrebbe ostracizzato sia dalla federazione sportiva che dalla marina polacca di cui è membro. Ma quando incontra gli occhi di Rufo, il giorno in cui gli vengono tolte le bende, si sente subito attratto dalla loro bellezza.

 

“Eccoti, Rufo, pensò. Marek che riaprì gli occhi e vide per la prima volta quelli di Rufo. Rimase senza fiato. Due acquemarine che lo stavano scrutando nel profondo. Fu come se una scossa invisibile fosse passata dall’uno all’altro. Restarono secondi interminabili in silenzio.”

 

Una scrittura immediata, semplice, ma non per questo meno emozionante. È il primo romanzo dell’autore ed è, senza dubbio, una buona prova d’esordio. Alex Sander è riuscito a toccarmi il cuore con una storia dolce e romantica, con protagonisti due giovani atleti che hanno messo tutto il loro impegno, sacrifici e rinunce pur di conseguire gli obiettivi che si sono prefissati.

 

“Rufo aveva scoperto l’amore per la danza subito dopo aver imparato a camminare. Era piccolissimo e rendere il suo corpo un tutt’uno con la musica, appena la sentiva ovunque si trovasse, era una cosa naturalissima per lui.”

 

“A Marek però, il nuoto piaceva davvero. Si sentiva bene quando entrava nella vasca, diventava un tutt’uno con quell’elemento naturale. Scivolare, velocemente sotto o sopra il pelo dell’acqua, lo faceva sentire invincibile e in fuga verso una vita diversa da quella che conduceva a Frombork”.

 

Tra scorrazzate a bordo di una Vespa 50 special, giallo limone, per le strade di Roma, infuocate e dolcissime scene d’amore, drammi, separazioni, lacrime e sorrisi, la storia saprà regalarvi momenti intensi ed emozionanti. Ho apprezzato l’importanza data dall’autore alla difficile situazione degli atleti, soprattutto in alcuni paesi, costretti a nascondere la propria omosessualità per evitare di venire espulsi e vessati. Un amore totalizzante, intenso e struggente quello narrato in queste pagine. Il ritratto dei due protagonisti è molto ben delineato: si percepiscono le emozioni sulla pelle, le loro paure, insicurezze, slanci appassionati e lacrime salate.

 

 “Quindi, dopo essersi staccato, lo fissò negli occhi e perdendosi in quegli specchi cobalto disse: «Mi sto innamorando di te, tancerz.»

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

ludovais

Lascia un Commento