Home » Recensione libri » Recensione: “Difendere Harlow” di Susan Stoker -Serie Mercenari di Montagna vol.4

Recensione: “Difendere Harlow” di Susan Stoker -Serie Mercenari di Montagna vol.4

 

 

Titolo:Difendere Harlow

Autore: Susan Stoker

Serie:Mercenari di Montagna vol.4

Editore:A Stoker Aces Production

Data di Uscita:29 Gennaio 2021

 

Il pericolo aumenta e l’amore è minacciato nel quarto libro della serie “Mercenari di Montagna” scritto da Susan Stoker, autrice di bestseller per il New York Times.

Lowell “Black” Lockard, ex Navy SEAL, ha visto i suoi compagni Mercenari di Montagna sistemarsi con le donne dei loro sogni, ma è convinto di non aver bisogno dell’amore. Poi riceve una telefonata da Harlow Reese – una chef di un rifugio femminile locale – e comincia a riconsiderare la sua decisione.

Dopo essere stata continuamente molestata da una banda di teppisti locali, Harlow chiede a Lowell di impartire lezioni di autodifesa alle donne del rifugio. Lei non si aspetta che lui si interessi così tanto alla sua sicurezza, ma Lowell insiste per scortarla da e per il lavoro, senza mai accettare un no come risposta. Non che ad Harlow dispiaccia tutta quell’attenzione… soprattutto se proviene dall’uomo per cui aveva una cotta da ragazzina.

Nonostante i suoi numerosi appuntamenti sfortunati, rivedere Black fa sì che Harlow riconsideri la sua decisione di rimanere single. Facile da notare e difficile da dimenticare, quell’uomo si è trasformato in un maschio alfa. E Harlow potrebbe essere esattamente il tipo di donna che Black sta cercando. Farla sentire al sicuro non è solo un dovere, è un piacere. Ma le minacce aumentano. I motivi sono un mistero. Mentre il pericolo brucia quasi quanto la loro passione, c’è molto di più in gioco, rispetto al loro cuore.

 

 

Salve Fenici,

oggi ritorna la serie dei Mercenari di Montagna che tanto ci appassiona e, con esattezza, parleremo di Lowell “Black” Lockard e di Harlow Reese.

Se la serie è molto entusiasmante, ahimè, questo libro trovo sia sottotono rispetto agli altri, e per fortuna direi, visto che mi stavo preoccupando di cotanta perfezione romanzesca.

Ma veniamo al dunque: Black è un ex Navy SEAL, ha un poligono di tiro e dà lezioni di autodifesa. Adora questo “lavoro” quanto le missioni con i mercenari, ma ultimamente si stava proprio annoiando e ciò lo porta a pensare alla sua vita, a quel che manca, e ai suoi amici, che erano sempre sulle spine per via delle loro compagne, cosa che gli fa volere di più. Non un pensiero dei più onorevoli, se si considerano le circostanze nelle quali si sono incontrate le coppie dei suoi amici, ma è pure vero che si sente più utile quando può aiutare perciò nel momento in cui Harlow lo chiama, drizza le antenne e vede un’opportunità sia per aiutarla, sia per approfondire la loro conoscenza.

Harlow è una chef che, per scelta, decide di lavorare in un rifugio ben noto ai mercenari di montagna. Quando si sente minacciata da un gruppo di teppisti, non esita a chiedere aiuto a Black, che già conosceva dai tempi della scuola, e anche se lei era stracotta di lui, a quei tempi, decide di non concedergli alcun appuntamento perché convinta di non essere fortunata in quel campo. Diciamo che per Black ci sarà un gran bel da fare tra i teppisti e la ragione di quei disturbi, e al cercare di strappare un appuntamento più o meno dichiarato a Harlow convinto che potrebbe essere la donna destinata a cambiargli la vita.

Il libro è narrato ai giorni nostri, col POV alternato, è scritto molto bene, i personaggi sono ben caratterizzati ma la parte riguardante l’azione mi ha lasciata un po’ insoddisfatta, ci sono cose che ho apprezzato maggiormente come i racconti sui disastrosi primi appuntamenti di Harl, l’approccio di Black verso la sua lei, però qualche scena d’azione meno scontata l’avrei preferita, o magari un cattivo degno di questo appellativo, per i miei gusti. Ciò non toglie che, oltre ad aspettare il prossimo volume, consiglio comunque di prenderlo perché la storia d’amore è degna di essere letta e assaporata, e non delude in quanto a scene erotiche, poche ma intense, dove metteranno a nudo non solo i corpi ma anche loro stessi.

Alla prossima sfida, fenici.

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento