Home / Made in Italy autori italiani famosi ed emergenti / Recensione: “Die Love Rise” di Rosa Campanile

Recensione: “Die Love Rise” di Rosa Campanile

 

Trama

In un futuro non molto lontano, la popolazione umana è stata decimata dal virus AD7E0-i che ha trasformato gli uomini in mutanti affamati di carne e sangue. Per i pochi fortunati scampati al contagio iniziale, il mondo è diventato un luogo pericoloso in cui sopravvivere a stento.
Lo sa bene Sophie Warden, che negli ultimi due anni ha fatto tutto ciò che era necessario per proteggere se stessa e sua sorella Leery. La voce che a Leons Town ci sia un Centro di Soccorso e Raccolta ancora operativo rappresenta la loro ultima chance di trovare un rifugio sicuro diverso dalla strada. Nonostante le perplessità che si tratti solo di una diceria, Sophie e Leery, in compagnia di un esiguo gruppo di sopravvissuti, raggiungono la struttura. Ma le cose non andranno come pianificate e la minaccia dei mutanti si rivelerà più letale e insidiosa di prima.

Clive Hudson non è più l’uomo di un tempo. Dopo aver perso coloro che amava, Clive ha deciso di allontanare tutto e tutti, scegliendo la morte come unica compagnia. Se per dispensarla agli infetti o per trovarla lui stesso, non fa più alcuna differenza per la sua anima tormentata da un doloroso passato. L’incontro con Sophie, però, smuoverà qualcosa nel profondo del suo essere.

Due anime simili, entrambe a un solo passo dalla condanna eterna o da un’insperata salvezza. Perché non tutto il buono del mondo è andato perduto. Forse, nonostante il dolore e la morte, si può ancora amare ed essere amati. Anche al tempo dell’invasione mutante.

Recensione

Letto tutto d’un fiato… calcolate che sono le 5 di mattina e non sono riuscita a chiudere il libro tanto mi aveva preso.
Ma devo dirvi la verità non è stato sempre così, all’inizio dopo i primi capitoli ho pensato: “Ecco, un libro scritto sulla base di Resident Evil Afterlife”. Le somiglianze erano davvero troppe, al posto di Milla Jovovich avevamo la nostra Sophie, al posto dell’Arcadia avevamo il CRS ma a parte questo le due trame sembravano molto simili.
Con i capitoli successivi la situazione inizia a cambiare: la città, anche se continua ad essere infestata dai mutanti, gradualmente passa non dico in secondo piano ma quasi, mentre prende il primo posto il sentimento che sta sbocciando tra Clive e Sophie.
Il tratto predominate di tutto il libro è il dolore che i nostri due protagonisti e tutti quelli che hanno intorno, subiscono da quando è iniziata la mutazione genetica. La morte che aleggia come la nebbia per tutto il libro ha purtroppo caratterizzato il futuro dei sopravvissuti, portandoli addirittura a pensare che alla loro stessa morte come una specie di liberazione.
Tanta sofferenza, tante lacrime, ma soprattutto tante emozioni, quello che all’inizio mi sembrava una bella rivisitazione di un film si è invece rivelato un pozzo di sentimenti.
Bella la scrittura, scorrevole e, lasciatemelo dire, finalmente e dico finalmente, duecento e passa pagine dove non sei costretta a fare lo slalom tra errori e refusi.
Se hai voglia di amore, di dolcezza, e di farti strada tra anime ferite e distrutte dai dolori di un mondo andato alla rovina, allora sicuramente questo è il libro che fa per te.
Se ami l’happy ending e una bella storia d’amore riesce ancora a farti emozionare, allora lasciati trasportare dalle pagine di “Die Love Rise”.

Fiamme-Sensualità-Medio NUOVA

Asce-voto-3

 

Recensione di Samanta

 

Editing di MagaMagò

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione: “Dolce e Letale (Valetti Crime Family Vol. 3)” di Willow winters

Buongiorno Fenicette oggi la nostra Aina ha recensito ...