Home » Recensione libri » Recensione: “Dariin: The Gargoyle Chronicles #1” di Claudia Melandri

Recensione: “Dariin: The Gargoyle Chronicles #1” di Claudia Melandri

E se tutto quello in cui credevamo, in realtà non fosse che un semplice sassolino in mezzo a tante rocce?

Di giorno uomini, di notte bestie. Le viscere della terra sono state sempre la loro casa e la superficie il luogo di caccia. Cinque anni fa però, tutto è cambiato.
I fratelli Bryan e Simon Deveron hanno lasciato New York City per trasferirsi a South-Heaven, piccola città del New Brunswick. L’arrivo dei forestieri accompagnati dall’avvenente avvocato Elliot O’Donnell, che cura i loro interessi legali, mette la sonnecchiante comunità in fermento.

L’incontro con Bryan metterà a dura prova il cuore e la razionalità della bella giornalista Rebecca Miller: l’istinto le urla di non fidarsi, ma i sentimenti sussurrano tutt’altro.

Chi sono in realtà?
Perché hanno scelto South-Heaven?
Da cosa scappano?
O… cosa cercano?

“– Tra noi c’è un abisso, Bryan, se vado avanti cadrò. Io non so volare. Non ho ali con cui volare.

Non m’importa, volerò io per tutti e due. Ti terrò stretta a me, non permetterò mai che tu cada.

E le lacrime questa volta Rebecca non riuscì a frenarle.”

La piccola cittadina di South-Heaven è in fermento: sono infatti giunti ben tre stranieri, tre uomini alti e prestanti ma con un’aria misteriosa e quasi minacciosa, che hanno comprato una vecchia villa abbandonata e, inutile dirlo, hanno dato il via a un mare di pettegolezzi! Pettegolezzi che arrivano anche alle orecchie di Rebecca, ex giornalista d’assalto che, dopo aver rischiato la vita, ha abbandonato la cronaca nera per dedicarsi alle più innocue foto naturalistiche. In quest’accogliente e rurale cittadina ha trovato la pace, lasciandosi tutto alle spalle, ma l’arrivo di questi stranieri risveglia la paura per un passato mai dimenticato, e tra esitazione e curiosità, sarà infine la sua impulsività a portarla proprio in cima a quella collina, a quella villa che lei conosce così bene… e dove rischia di investire il nostro sexy protagonista maschile, Bryan! Tra i due è attrazione (e forse amore) a prima vista, non riescono a stare lontani l’una dall’altro… peccato che Bryan non sia chi dice di essere, così come suo fratello Simon e il loro avvocato Elliot, e il loro segreto trascinerà la ragazza al centro di una storia di lotte ed intrighi, ma la porterà anche a conoscere un grande amore, che dovrà ovviamente superare moltissimi ostacoli!

Questo libro mi ha davvero sorpreso, non credevo infatti quando l’ho iniziato che mi sarebbe piaciuto così tanto, e invece mi ha trasportato fin dal primo, adrenalinico, capitolo in un mondo fantastico e ben costruito, popolato da creature che non si incontrano spesso nei fantasy: signori e signore, dimenticate vampiri, licantropi e zombie, è il momento dell’entrata in scena dei Gargoyle… e vi assicuro che non rimpiangerete gli altri mistici personaggi!

L’autrice si è davvero impegnata nel costruire il world building di questi esseri magici e nel descrivere le loro peculiarità; certo alcune cose vanno approfondite e altre sembrano lasciate un poco alla fantasia del lettore, ma per essere solo il primo della serie l’introduzione è più che sufficiente nel descrivere i particolari e, per fortuna, non troppo dettagliata e noiosa! Lo stile è scorrevole e colloquiale, forse in alcune scene fin troppo, ma non immaturo tanto da risultare fastidioso e, i personaggi hanno lo spessore che meritano. A cominciare, ovviamente, dai nostri protagonisti, Bryan alias Dariin (abituatevi ai doppi nomi, la segretezza è vitale quando sei in esilio dalla tua terra e in pericolo di vita un giorno si e l’altro pure!), il condottiero e sovrano della razza, ora ridotto a un uomo cieco e senza speranza, che rifiorirà grazie all’incontro con una bellissima umana.

Lei fin da subito entrerà nel suo cuore e, poco dopo, nel suo mondo magico e inaspettato, salvando la sua vita più volte in senso metaforico e non! Rebecca è “solo” un’umana, solo una giornalista in cerca di tranquillità che vedrà qualcosa di incredibile: inutile dire che per lei non sarà facile credere e accettare tutta la verità, ma la forza dell’amore e un pericolo concreto di vita, le faranno ben presto capire le sue priorità: rimanere con Bryan a ogni costo!

Interessanti e ben introdotti anche i personaggi secondari, dal fratello di Bryan, Simon alias Gavriil, frustrato e rabbioso ma leale e coraggioso, all’amico e avvocato Elliot alias Belial, che con il suo carattere calmo e controllato riesce a sedare gli animi e a realizzare strategie vincenti (oltre a supportare la neo coppia!),fino all’umana Diana, amica di Rebecca e medico, che verrà suo malgrado trascinata in questa storia e troverà forse anche lei il lieto fine… Non mancano ovviamente gli antagonisti, uomini crudeli e senza scrupoli che per denaro non hanno esitato a sterminare un’intera civiltà e non vedono l’ora di finire il lavoro, ma anche una serpe in seno, un burattinaio che agisce nell’ombra e che sicuramente scopriremo nei prossimi libri.

Insomma, se amate le storie d’amore semplici ma piene di sentimento, quell’amore che porta ad accettare ogni cosa, a sfidare ogni nemico, a combattere per il lieto fine e per la vita del proprio amato… allora questo libro fa al caso vostro! Io non vedo l’ora di leggere la storia di Simon e della sua umana, reticente e veloce nella fuga!

Bryan la strinse forte tra le braccia.

Le mie ali, il mio cuore, la mia vita ti appartengono. – Le disse in un orecchio.

Per sempre?

Per sempre.

E quando le loro bocche si incontrarono, tutto ciò che li circondava svanì, rimasero soli nel loro mondo incantato, fatto di passione, amore. Un amore che si rafforzava di ora in ora, più grande, immenso.”

The Gargoyle Chronicles:
Primo Libro: Dariin
Secondo libro: Gavriil
Terzo libro: Belial
Quarto libro: La Città di Pietra

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento