Home / Recensione libri / Recensioni MM / Recensione “Compagni Predestinati (Dean e Clifton)” di Kyler Matthew

Recensione “Compagni Predestinati (Dean e Clifton)” di Kyler Matthew

Le uniche distrazioni che Clifton può concedersi dal suo schifoso lavoro diurno sono frequentare un gay club con il suo migliore amico e ammirare l’oggetto del proprio desiderio: Eric Hamilton. Purtroppo per lui, Eric è decisamente fuori dalla sua portata e non sa nemmeno che esiste. Clifton è convinto che non ci sia un ragazzo più sexy sulla faccia del pianeta… finché il fratello di Eric non arriva in città.

Dean Hamilton lavora in un ristorante di alto profilo a New York e cerca di fare del suo meglio per ignorare il fatto di essere un licantropo. Facile, se si vive in una grande metropoli e non si riesce a raggiungere la foresta nemmeno in occasione della luna piena. Ma quando l’uomo torna nella sua città natale e ha l’imprinting con Clifton, diventa evidente come non mai che la sua vera natura è destinata a trionfare su tutto il resto.

Mentre gironzolavo su Amazon alla ricerca di qualcosa da leggere, ho trovato per caso questo libro dalla cover affascinante e dalla trama stuzzicante. Sì, lo ammetto, ho un debole per i lupi. I licantropi su di me hanno lo stesso effetto del miele per le api, perciò l’ho comprato e mi sono messo comodo.

La storia parla di Clifton, un ragazzo semplice, con un lavoro banale, completamente gay e con una cotta colossale per un certo Eric.

Dean, fratello di Eric, è un licantropo e un cuoco affermato, che si è preso una piccola pausa dalla frenetica grande mela per andare a trovare la famiglia ma, all’arrivo nella propria città natale, Dean sentirà l’odore del proprio compagno…

Lo confesso, ero partito molto prevenuto con questo libro, anzi avevo pensato di aver fatto un vero azzardo comprandolo, invece ne sono rimasto piacevolmente colpito!

Intendiamoci, la storia è molto classica, nulla di originale, ma la narrazione è divertente, incalzante e mi ha fatto venire voglia di leggere altri libri di questo autore.

I due protagonisti sono davvero ben caratterizzati e con qualità differenti. Per esempio ho davvero apprezzato la “banalità” di Clifton. Ultimamente si leggono sempre più libri dove gli uomini sono perfetti, pieni di muscoli e con lavori invidiabili, mentre qui vediamo un ragazzo semplicissimo, dalla corporatura asciutta, che lavora in un supermercato. Penso che sia stato il mio personaggio preferito di questo libro proprio per queste sue caratteristiche.

Anche Dean mi è piaciuto molto. Lo definirei un “gigante dal cuore tenero”, con un profondo senso di protezione verso il proprio compagno.

L’unica pecca è la brevità del testo, il che è un vero peccato dato che l’ho apprezzato così tanto. Personalmente mi sarebbe piaciuto vedere qualche pagina in più almeno nel finale, ma la storia è godibile anche così.

Se adorate il fantasy e volete leggere qualcosa di leggero, ve lo consiglio caldamente!

Recensione a cura di

Le uniche distrazioni che Clifton può concedersi dal suo schifoso lavoro diurno sono frequentare un gay club con il suo migliore amico e ammirare l'oggetto del proprio desiderio: Eric Hamilton. Purtroppo per lui, Eric è decisamente fuori dalla sua portata e non sa nemmeno che esiste. Clifton è convinto che non ci sia un ragazzo più sexy sulla faccia del pianeta... finché il fratello di Eric non arriva in città. Dean Hamilton lavora in un ristorante di alto profilo a New York e cerca di fare del suo meglio per ignorare il fatto di essere un licantropo. Facile, se si…

Score

Voto di Lupo Nero 3.5

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

StaffRFS

StaffRFS
x

Check Also

Recensione in anteprima: Siamo tutti bravi con i fidanzati degli altri di Tommaso Zorzi

Carissime Fenici, oggi vi vogliamo proporre la recensione ...