Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: Chicago PD – 8×02

Recensione: Chicago PD – 8×02

Secondo episodio di Chicago PD intitolato “White Knuckle”, dove i temi del razzismo e del “muro blu” della polizia continuano a farla da padrone. Qui potete trovare l’episodio precedente.

Chicago PD

Progetto grafico a cura di Francesca Poggi

Salve Fenici!

Rieccoci nel 21esimo distretto di Chicago PD. Questa volta il caso dell’episodio vede coinvolto Billy Bradden, figlio di un consigliere ed ex poliziotto. La squadra di Voight lo trova in un lago di sangue abbracciato al cadavere della ragazza, Isla Sherman, con un coltello in mano e completamente “fatto”. Billy non è il figlio preferito del padre che lo ha sbattuto fuori di casa.

La vice Sam Miller ordina a Voight di chiudere velocemente il caso. Analisi per vedere se è drogato, interrogatorio, incriminazione per omicidio. Fine. Niente muro blu questa volta, niente favoritismi per il figlio di un consigliere. E secondo voi, Voight fa quello che gli ha detto Miller? Ovviamente no e aspetta a incriminare Billy. E così arriva papino consigliere arrabbiato perché suo figlio viene interrogato mentre è drogato e senza avvocato. Billy rifiuta l’aiuto del padre, sa che non è stato lui a uccidere Isla. Inizia a collaborare raccontando tutta la sua storia: lui e la ragazza stavano uscendo insieme dalla dipendenza dalla droga, si stavano aiutando a vicenda ed erano sobri da un anno. Fino a quella sera. Continuando con le indagini scoprono che la ragazza si è procurata la droga dal suo ex ragazzo Tim Rollins, il vero assassino. Bravo Voight, hai avuto ragione!

Chicago PD 8x02

Il vero motivo perché la Miller voleva chiudere velocemente il caso è la paura di essere distrutta dai media. Il ragazzo è bianco, con il padre ricco ex poliziotto e ora consigliere, quindi nessun problema, può essere dichiarato colpevole. Se fosse stato di colore, non avrebbe ordinato a Voight di incriminarlo subito, ma prima gli avrebbe chiesto di avere il quadro completo. E lui lo ha capito, è riuscito come al solito a entrare nella mente delle persone, e alla fine della puntata hanno un confronto chiarificatore. Lei è qualcosa di nuovo in una vecchia città come Chicago. Sul fronte lavorativo sono sicura che riusciranno ad andare d’accordo. Osservando i loro sguardi, mi è sorto un dubbio: non è che nascerà qualcosa tra questi due? Io ce li vedo bene insieme e Voight meriterebbe un po’ di felicità nel suo privato dopo tutte le sciagure che gli sono capitate.

Chicago PD 8x02

Continua ad aleggiare intorno a Kevin l’ostracismo della polizia. Il suo pestaggio per fortuna non ha avuto conseguenze fisiche, ma le ha avute a livello psicologico (installa un sistema di sicurezza a casa). E le ha a livello lavorativo: la sua radio non funziona, non riesce a entrare nel sistema, tutti gli agenti lo guardano male gli sono entrati in casa e hanno nascosto della telecamere, tengono sotto controllo i telefoni suoi e del fratello Jordan. E quando chiedono i rinforzi durante l’inseguimento di Tim, nessuno arriva e ad andarci di mezzo è Adam che viene ferito.

Chi è il burattinaio che si nasconde  dietro a tutto questo? Nolan, che sta dando questi ordini agli agenti che in realtà non vorrebbero neanche farlo (rischiano il posto di lavoro). Vuole che Kevin si spezzi. Atwater si rende conto di avere solo due scelte: consegnare il distintivo o lasciare che Voight lo aiuti. Hank conferma che non può essere nella squadra se mette a rischio i casi. Ha già parlato con Nolan, l’accordo prevederebbe un reclamo ufficiale che lo bloccherebbe, non potrebbe mai diventare detective né lasciare l’Intelligence. Kevin non accetta. Mi è piaciuta molto questa scena dove si vede Hank mostrare tutto l’affetto che prova per i suoi ragazzi che considera come figli e sarà sempre dalla loro parte qualunque cosa scelgano. E alla fine Kevin si crea una terza opzione: va a casa di Nolan, denuncerà lui e il dipartimento della polizia di Chicago, descrivendo tutte le molestie e le intimidazioni. Sa di non essere solo, ha tutta l’Intelligence dalla sua parte. Se deve smettere di essere un poliziotto, lo farà a modo suo. Finalmente ti sei svegliato caro Kevin!

Adesso ci toccherà aspettare fino al 6 gennaio per vedere che cosa succederà. Sono curiosa di vedere come finirà questa storia, se il muro blu finalmente cadrà. Mi piace molto vedere, puntata dopo puntata, l’unità di questa squadra, una famiglia che si è scelta. Vi lascio con il promo del prossimo episodio di Chicago PD dove si vedono molto Hailey e Jay, e io voglio più Halstead, ma non fate caso a me☺. Buone feste a tutti!

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Serena Oro

Serena Oro
Lilian Gold

Lascia un Commento