Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: Chicago Med – 6×04

Recensione: Chicago Med – 6×04

Chicago Med  torna con il quarto  episodio dal titolo In Search of Forgiveness, Not Permission. Prima di leggere cosa è successo questa volta, eccovi qui la recensione dello scorso episodio. Buona lettura!

Chicago Med

Progetto grafico a cura di Vita Firenze

Rieccoci qui, dopo solo una settimana con una nuova puntata. La grande novità è il ritorno in sede di Sharon Goodwin, la direttrice dell’ospedale a cui è stato finalmente consentito di tornare a lavorare in ospedale invece che in smart-working dov’è stata relegata per lunghi mesi.

Il reparto COVID è purtroppo ancora molto trafficato e la pandemia ha modificato tutte le regole ospedaliere.

Choi, che è stato nominato nuovo responsabile del pronto soccorso, si trova a spiegare al dottor Charles, che ha il compito di monitorare la salute mentale dei medici, la fatica improba che sta facendo nel gestire il tutto, con la grande complicanza della pandemia. Ma tutti conosciamo Choi, è inflessibile, è organizzato, non ama delegare, insomma un capo di merda! 😉

Il colloquio con Charles viene infatti interrotto, in quanto Choi deve assistere un’emergenza nel reparto COVID. Un paziente va in arresto cardiaco e Ethan proibisce al medico che è nella camera in quel momento di effettuare il massaggio toracico, che le norme anti-covid impediscono, a causa dell’aerosol creato dal paziente durante la manovra.

All’uomo viene applicato il defibrillatore, ma purtroppo l’esito è infausto. Negli occhi del medico, che fissano Choi, si legge bene il suo pensiero: quell’uomo si sarebbe salvato con il massaggio cardiaco.

Chicago Med - 6x04

Il caso che segue direttamente il dottor Choi è curioso. Il paziente è in realtà un medico, un chirurgo plastico, che lavora sostanzialmente su sé stesso. Infatti ha proceduto con una serie di impianti per pettorali, addominali, lifting e quant’altro e che si trova al pronto soccorso perché è svenuto mentre si stava asportando, da solo, un lipoma!

Choi lo ascolta un po’ sconvolto e alla fine decide di far intervenire psichiatria.

Il colloquio di Charles è tranquillo e, nonostante il paziente sia chiaramente affetto da dismorfia, cioè l’incapacità di accettare il proprio aspetto fisico, lo psichiatra lo giudica essenzialmente sano. Choi però non è dello stesso avviso e chiede che Charles approfondisca ulteriormente.

La situazione peggiora dopo che il chirurgo si fa asportare il lipoma da Choi, suggerendo i vari passi e controllando l’esito man mano. Ethan chiede nuovamente a Charles di ricoverare in psichiatria l’uomo, ma lui rifiuta. Tra i due sboccia un alterco terribile e Choi tace solo quando Charles gli fa notare che il paziente che lui vorrebbe internare ha lo stesso problema di Ethan Choi: il bisogno di controllo totale!

Il programma trial di Will Halstead va molto a rilento. La maggior parte dei pazienti cardiopatici non possono essere ammessi in quanto i parametri di controllo sono molto stringenti. Di contro, quelli che sarebbero papabili, hanno paura ad andare in ospedale, data la pandemia. Will di fatto non sta facendo nessun progresso. April si offre di aiutarlo nella selezione dei candidati in modo che il medico possa andare a un incontro con un cardiologo di fama, al quale vuole proporre il programma.

Purtroppo il cardiologo si mostra più interessato a quale somma ci sia in serbo per lui che non al programma in sé. Will è disgustato dall’atteggiamento del collega e se ne va.

Arriva al pronto soccorso una giovane paziente con dolori addominali. La ragazza vive con i suoi genitori e rivela a Natalie che soffre da diversi mesi, ma, poiché vive con i genitori, per paura di infettarli, ha aspettato a farsi vedere.

La dottoressa le prescrive una tac dal quale esce un esito infausto. L’addome della giovane, di soli 21 anni, è pieno di tumori, Natalie chiama a consulto il dottor Marcel (tra i due ormai ci sono sguardi torridi!).

Il medico non si fa scoraggiare dall’esito dell’esame e propone comunque l’intervento alla ragazza. Ma la primaria di oncologia si oppone, proibendo a Natalie e Crockett di procedere ulteriormente, in quanto la situazione è troppo grave. La stessa Sharon Goodwin, a cui i due si appellano, consiglia loro di lasciar perdere, consapevole che non tutti possono essere salvati.

Auggie, il bambino con una malattia degenerativa al fegato, che è stato adottato da Ben e Maggie sta peggiorando. La donna propone il ricovero per un controllo da parte di Natalie, che conferma i loro sospetti. Ormai il bimbo è peggiorato al punto che è il momento di inserirlo nella lista dei cercatori di organi per un trapianto. Purtroppo, essendo Auggie stato abbandonato, non ci sono speranze di trovare un donatore tra i suoi familiari e Maggie è molto preoccupata.

Voi conoscete il dottor Crockett Marcel, giusto? Ma secondo voi, qualcuno può proibirgli di operare, soprattutto se si tratta di salvare la vita di una giovane ragazza, la cui unica colpa è stata attendere a farsi visitare per tutelare i propri genitori?

Ed ecco Marcel e la sua complice, la dottoressa Manning, che, anche se all’inizio non vuole contravvenire agli ordini, si fa convincere ed entra in sala operatoria con lui.

I due medici capiscono in fretta che la situazione è persino peggiore di quanto la TAC non avesse prospettato, cosa che l’oncologa aveva giustamente sottolineato, ma Marcel non si dà per vinto e propone a Natalie un intervento ex-vivo, una procedura assolutamente sperimentale, che ha lo scopo di liberare l’addome della ragazza di tutte le masse tumorali possibili, espiantando i reni, uno alla volta, ripulendoli della materia cancerosa e reimpiantandoli! Si tratta di un intervento molto rischioso e non privo di complicazioni, ma è l’unica possibilità che la giovane paziente ha di superare la chemioterapia e cavarsela.

Chicago Med - 6x04

L’unico paziente che Will era riuscito a convincere a entrare nel programma fugge dall’ospedale all’arrivo di una ambulanza che trasporta un malato di COVID. L’uomo, che era già terrorizzato prima, si abbandona alla paura e risale in macchina, lasciando solo Will nel parcheggio.

Con le pive nel sacco Will è costretto a venire a patti con il cardiologo che ha chiesto una mazzetta per dare i nominativi dei suoi pazienti al programma di sperimentazione del farmaco!

L’intervento sulla ragazza riesce splendidamente, ma questo non impedisce alla primaria di oncologia di chiedere la testa di Crockett e Natalie!

Solo l’intervento della Goodwin, che intercede per loro presso il comitato presentando l’eccezionalità dell’intervento effettuato come un momento di alta chirurgia, permette ai due di mantenere il posto di lavoro.

E la tensione è talmente alta che Manning e Marcel, non appena arrivati in albergo, si strappano i vestiti di dosso e si lanciano sul letto, decisi a festeggiare con una notte di sesso selvaggio il mancato licenziamento!

Choi torna da Charles a scusarsi per la litigata di poco prima. Lo psichiatra, che è prima di tutto amico di Ethan, gli consiglia di fare del proprio meglio, ma perdonarsi per quello che non riesce a fare. In questo momento terribile Ethan Choi deve imparare a tollerare sé stesso con tutte le sue imperfezioni sebbene siano più di quanto desideri!

Chicago Med - 6x04

Insomma alla fine Natalie e Marcel ce l’hanno fatta a finire a letto insieme! Per quanto riguarda Will, come al solito, mi viene da piangere… ma poveraccio!

Qui il promo della puntata 6×05.

Alla prossima!

Click to rate this post!
[Total: 2 Average: 5]

StaffRFS

Lascia un Commento