Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Chicago Med – 6×01

Recensione Chicago Med – 6×01

Finalmente è ripartito Chicago Med , con la puntata 6×01 dal titolo When Did We Begin To Change.

Se volete rinfrescarvi la memoria su come ci eravamo lasciati cliccate qui.

Chicago Med

Progetto grafico a cura di Vita Firenze

Bentornati! Il tema della prima puntata di questa sesta stagione è uno solo: COVID! COVID! COVID! (da non leggere coviddi 😉 )

Il primo episodio  ci dà l’idea di quanto è cambiato il mondo dalla stagione precedente.

Infatti vediamo arrivare in ambulanza il dr Halstead insieme alla paziente, che altri non è che Hannah, la ginecologa con il quale Will ha una problematica relazione, visto che la donna è tossicodipendente (lo sappiamo tutti che gli sceneggiatori odiano Will, vero?).

Purtroppo c’è poco da dire, Hannah è in overdose, essendo ricaduta nuovamente nella trappola della droga. Will, per la prima volta, ammette con il dottor Charles, che sta seguendo “in terapia” un po’ tutto lo staff dell’ospedale, che Hannah deve uscire dal suo problema di droga da sola, non tamponando le sue necessità con una relazione, che, nel momento in cui ci sono problemi, non è più sufficiente a mantenerla lontana dall’eroina.

Lo stesso dottor Charles è purtroppo caduto vittima del COVID e, sua figlia, inconsapevole “untrice”, ancora adesso ha i sensi di colpa per quello che è accaduto al padre.

La routine giornaliera dell’ospedale è fatta di tute anti contagio, tamponi, camere di sterilizzazione e COVID.

Chicago Med - 6x01

La direttrice dell’ospedale, Sharon Goodwin, è in telelavoro, causa età avanzata e lo odia! Come ammette con il suo vecchio amico Charles, è difficile fare le riunioni in remoto. Non si capisce se la gente ti sta ascoltando o si sta facendo i c…. suoi 😉

La dottoressa Manning, che mi piace sempre meno ogni stagione che passa, ha dovuto lasciare il figlio e la madre insieme a casa e si è trasferita in un hotel per paura di contagiare i suoi cari. Lei e Marcel discutono brevemente della situazione attuale e, anche in questo caso, si ha l’impressione di una situazione inespressa tra questi due. Già nella scorsa stagione sembrava che qualcosa dovesse nascere tra di loro, ma chissà!

I due si scontrano infatti sulle cure più adeguate verso una giovane paziente affetta da leucemia e la cui chemioterapia ha indebolito fortemente il cuore. Chiamato per un consulto Marcel raccomanda caldamente un intervento alla valvola cardiaca della ragazza, mentre la Manning è per un approccio più soft (come al solito) . Il padre della paziente, vedovo, è molto confuso dall’atteggiamento dei due e non riesce a capire quale sia la soluzione migliore.

April è al lavoro nel reparto COVID. Ethan è molto preoccupato per lei in quanto la ragazza non alterna come dovrebbe, le settimane di turno tra reparti COVID e non COVID. Quando Ethan le fa notare quanto sia pericoloso questo, April risponde che la sua gente, le persone di colore, stanno morendo a un ritmo molto più serrato, vittime ancora una volta di discriminazione e povertà e lei si sente responsabile di questa situazione.

Chicago Med - 6x01

Il caso che segue Will è strano. La paziente è in evidente stato di ebbrezza, la stessa Maggie lo nota immediatamente e Will è molto stupito. La donna infatti lavora come controllore di volo e la sua propensione per l’alcool si sposa molto male con la precisione che questa professione pretende, in quanto ci sono sempre delle vite in gioco.

Messa alle strette la paziente rifiuta assolutamente l’accusa di aver alzato il gomito, anzi, sostiene che non beve in quanto il vino neppure le piace! Will è molto combattuto. Come medico ha il dovere di segnalare la situazione all’ente preposto, ma questo significa che la donna perderà il lavoro. Will ne parla anche con la Goodwin, la quale gli consiglia di controllare bene la situazione prima di prendersi la responsabilità di segnalare la paziente.

Un paziente di Ethan e April, già sotto ossigeno e intubato, sta continuando a peggiorare. Choi propone alla moglie, a cui parla attraverso il tablet, di mettere il marito in ECMO, una macchina che permette la circolazione extra-corporea e quindi mantenere l’ossigenazione del sangue, cosa che i polmoni collassati dell’uomo non possono più fare.

Purtroppo questa scelta verrà rigettata più tardi dal primario del pronto soccorso. I macchinari dell’ECMO sono solo 4, 3 di questi già impegnati e l’uomo, nonostante abbia solo 62 anni, ha, secondo il primario, ben poche possibilità di cavarsela e quindi lui non intende impegnare l’ultimo macchinario disponibile per un caso che, per lui, è già irreparabile.

April se ne va infuriata!

Purtroppo spetterà a lei avvertire la moglie del paziente, in attesa fuori dell’ospedale che non ci sono più possibilità. La donna dà ad April delle foto di lei stessa e il marito durante la loro prima uscita insieme, chiedendole di metterle tra le mani del marito.

Sarà sempre April a tenere il tablet durante gli ultimi minuti di vita dell’uomo, dando a lui e alla moglie la possibilità di un ultimo saluto.

Una scena veramente terribile. Una delle cose più strazianti di questa orribile malattia è la condanna a morire da soli, senza neppure poter avere il conforto delle persone che ami.

Chicago Med - 6x01

Meno male che Will ha deciso di seguire il consiglio della Goodwin e effettuare altri test sulla sua paziente. La donna non ha affatto alzato il gomito, ma soffre di una sindrome che produce alcool dalla metabolizzazione degli zuccheri. Quindi, fortunatamente per lei, basterà seguire una dieta senza carboidrati.

Se dal punto di vista professionale Will ha un successo. la sua vita privata invece, come al solito direi, subisce un’altra sconfitta. Una volta ripresasi Hannah gli comunica che ha deciso di andare per la riabilitazione in Florida e, una volta terminata, rimanere lì a cercare un lavoro.

Quando Hannah chiede a Will di seguirla lui rifiuta. In parte, credo, per la consapevolezza che Hannah non deve avere come stampella il loro rapporto, ma in parte anche per stanchezza. Una relazione con una persona tossicodipendente è molto difficile da portare avanti.

Insomma siamo alle solite, Will abbandonato per l’ennesima volta dalla persona che ama o costretto a scegliere tra la sua vita professionale e l’amore. Per gli altri, Marcel e Natalie che sembra possano andare in una qualche direzione insieme, dovremo aspettare!

Questa puntata mi ha permesso comunque di vedere delle belle differenze tra il pronto soccorso di una clinica privata a Chicago e un ospedale pubblico in Italia. Sarebbe stato interessante vedere il pronto soccorso di un ospedale pubblico americano per meglio capire come la sanità non a pagamento funziona da loro.

Alla prossima!

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

Lascia un Commento