Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: Chicago Fire – 9×12

Recensione: Chicago Fire – 9×12

“Natural Born Firefighter” è il titolo del dodicesimo episodio di Chicago Fire. Vediamo un po’ cosa ne pensa la nostra Mareli. Episodio precedente qui. Buona Lettura!

Chicago Fire

Progetto grafico a cura di Vita Firenze

Rieccoci qui! Oggi il tema della puntata è Matt Casey e quello che sta succedendo nella sua testa. Come sapete ha avuto seri sintomi dopo la caduta di qualche tempo fa ed è chiaramente preoccupato. Sylvie gli è stata molto vicina e lo ha accompagnato alla visita con il neurologo, a discapito del weekend di sci con Greg.

Il giovane pretendente ha accettato di buon grado anche se sospetta che tra la ragazza e Casey ci sia qualcosa di più.

Finalmente il nostro capitano ha deciso di raccontare la verità a Boden e Kelly, chiedendo quindi di essere esonerato dal servizio attivo per qualche turno, in attesa della RM.

Si decide quindi che sarà il direttore della stazione 51 a prendere il comando durante le azioni.

Infatti durante la prima chiamata di soccorso in un negozio che vende prodotti per feste, è proprio Boden che organizza il lavoro. All’interno del locale già invaso dalle fiamme, viene ritrovata una donna disperata in quanto ha perso la figlia di sei anni, che, prima dell’incendio, stava gironzolando da sola. Herrmann invece viene intercettato da un giovane che gli chiede di salire al piano di sopra dove c’è la sua vicina, svenuta.

Il ragazzo ha decisamente la stoffa del vigile del fuoco, suggerendo a Christopher il modo migliore per far uscire la donna e il tipo di imbragatura che dovranno usare. Herrmann è stupefatto e gli chiede se sia un pompiere e l’altro risponde “Non più”, senza approfondire ulteriormente. Insieme riescono a calare la donna e successivamente loro stessi dalla finestra, evitando le fiamme.

Chicago Fire episodio 12

Purtroppo della bimba sfuggita alla madre, invece, non c’è traccia. Il locale è pieno di acetilene, usato al posto dell’elio per gonfiare i palloncini ed è molto più infiammabile e Boden è costretto a dare l’ordine di evacuare. Mouch non ci sta e non si dà per vinto, cercando la piccola e finalmente riesce a trovarla. Il suo salvataggio è qualcosa di spettacolare, in quanto fa appena in tempo a lanciarsi fuori che le fiamme divampano dietro di lui.

Chicago Fire episodio 12

Al ritorno alla stazione il pompiere viene festeggiato come un eroe! Gallo e Ritter ripetono la storia ai colleghi rimasti. Anche Matt ascolta e si capisce la sua paura. Qual sarà il suo destino? Sarà veramente costretto a rimanere fuori dall’azione per sempre?

C’è un intermezzo molto divertente che riguarda proprio il nostro capo della stazione, Boden. A quanto pare, di solito, parcheggia in uno stallo davanti all’ingresso, che, pur non essendo dedicato specificamente, è sempre stato usato da lui.

Purtroppo, da qualche giorno, il posto viene utilizzato dal proprietario di un SUV e il direttore è costretto a posteggiare lontanissimo.

All’inizio l’uomo lascia un biglietto gentile chiedendo di poter riavere il posto, ma il tizio continua a parcheggiare imperterrito. Persino quando Ritter occupa lo spazio con una vecchia poltrona (e qui tutto il mondo è paese allora non riescono a impedire al Suv di sostarci.

A quel punto Boden abbandona la gentilezza e lascia sotto una delle spazzole un biglietto pieno di insulti e contumelie!

Un gesto che si rivolta contro i nostri eroi, perché il proprietario del SUV sta posteggiando lì per accompagnare avanti e indietro una suora, costretta sulla sedia a rotelle. La faccia di Boden, quando si rende conto della situazione è impagabile! Obbliga gli altri pompieri ad aiutare la donna a entrare nell’auto e immediatamente toglie il foglietto dal parabrezza. Non prima, però, che la suora, occhio di falco, abbia avuto modo di leggere alcune delle parole scritte!

Sono tutti obbligati dall’anziana donna a recitare il padre nostro e l’avemaria per dimostrare la propria contrizione!

Finalmente Matt va a fare la RM, sempre accompagnato da Sylvie che gli crea addirittura una playlist, che consegna al radiologo perché la trasmetta durante l’esame.

Al termine Casey ammette con l’amica che la musica era terribile, ma che è servita come distrazione. Proprio lo scopo che si era prefissa Brett!

Herrmann cerca, e trova, il giovane che lo ha aiutato durante il salvataggio. Vuole spiegazioni sul suo addestramento e il ragazzo risponde che ha potuto esercitare il ruolo di vigile del fuoco all’interno della prigione in cui ha passato tre anni per furto d’auto. Purtroppo non ha alcuna possibilità di essere arruolato come pompiere a Chicago, in quanto c’è una regola molto rigida che impone ai candidati una fedina penale pulita.

Herrmann non si dà per vinto e chiede a Stella di fissare un colloquio con una delle soprintendenti. Anche qui però non ci sono possibilità. Non è assolutamente possibile derogare al requisito penale.

Sylvie riesce a organizzare una nuova uscita con Greg, a una fantomatica fiera dell’omelette (giuro, sto male alla sola idea!), ma il destino si mette in mezzo a loro. Infatti la donna si era offerta di accompagnare Matt per sentire l’esito dell’esame.

Quando sarà pronto? Ovviamente nel giorno e ora in cui la ragazza si trova con Greg. Quando Sylvie tenta di giustificarsi per abbandonare nuovamente il compagno, lui le risponde che forse è ora che le cose tra lei e Casey si chiariscano una volta per tutte, solo così i due potranno cominciare a frequentarsi.

Fortunatamente le notizie per Matt sono buone, anzi ottime! Il cervello è tutto a posto, come dimostra l’esito della RM e se tra lui e Sylvie la situazione è ancora irrisolta la colpa non è della botta che ha preso!

La soprintendente amica di Stella pur non avendo potuto, ovviamente, modificare il regolamento ha chiamato un suo conoscente e ha fatto in modo che il ragazzo potesse avere un colloquio con il corpo dei pompieri di St Paul, Minnesota. Herrmann e la stessa Stella sono felici di dare al giovane la bella notizia!

Chicago Fire - episodio 12

Insomma una puntata un po’ buonista, come sempre nelle serie americane. Sento che la situazione tra Matt e Sylvie è a un punto di svolta, staremo a vedere.

Alla prossima

 

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

StaffRFS

Lascia un Commento