Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: Chicago Fire – 9×06

Recensione: Chicago Fire – 9×06

Torna Chicago Fire con il sesto episodio dal titolo “Blow This Up Somehow”; vediamo che ci racconta Mareli. Qualora lo vogliate, potete trovare qui la puntata precedente.

Chicago Fire

Progetto grafico a cura di Vita Firenze

Io penso che Sylvie e Matt siano condannati per sempre a rimanere lontani. Perché gli sceneggiatori li odiano.

Anche in questa puntata vediamo sin dall’inizio che aria tira. Kelly, senza più Stella che si è trasferita a casa di Sylvie, causa incazzatura massima verso di lui, va a bussare alla porta di Matt per avvertirlo che è ora di andare.

Ed ecco spuntare dietro il nostro capitano la ragazza incontrata qualche tempo fa e con cui, è evidente, abbia passato la notte.

Chicago Fire episodio 6

Ma, a dispetto di quanto sia successo, appena arrivato in stazione la prima persona che Matt cerca è sempre lei, la nostra Sylvie.

E la ragazza sembra essere un po’ pentita di aver bruscamente interrotto sul nascere quello che stava per accadere tra loro. E quindi? Siamo al punto di partenza!

La chiamata che arriva per i nostri eroi mostra una scena molto pericolosa: un incendio a una stazione di servizio, il cui tetto è crollato, seppellendo al di sotto l’auto di una donna con dentro il figlio neonato. La madre del bambino, che ha dato l’allarme, è riuscita a tirarsi fuori, ma non riesce a prendere il figlioletto. Matt, dopo una breve disamina della situazione, decide il da farsi. Herrmann viene incaricato, insieme a Mouch di occuparsi della schiuma per soffocare le fiamme e Gallo viene mandato nel negozio per chiudere l’alimentazione della benzina, che sta fuoriuscendo liberamente e rischia di far esplodere l’intera area.

Ma quando il pompiere sta per entrare si accorge di un’altra vittima, una donna a terra svenuta e si butta tra le fiamme per cercare di salvarla. Mouch che ha visto il collega lanciarsi si avvicina per prestare soccorso ma Matt lo manda a fare quello che Gallo avrebbe dovuto fare, cioè bloccare l’erogazione della benzina.

Chicago Fire episodio 6

Tutto è bene quel che finisce bene e Severide e Casey riescono a estrarre il bimbo dall’auto e a restituirlo alla madre. Di ritorno alla stazione, però, Matt fa un solenne cazziatone a Gallo. Lui aveva dato degli ordini precisi e non ha obbedito. È così arrabbiato che manda il giovane a casa a riflettere su tutta la faccenda.

E chi va a sollevare l’umore depresso di Max Gallo? Proprio la persona a cui il ragazzo non dovrebbe avvicinarsi, Gianna, la protetta di Cruz, che veglia con occhio di falco su di lei. I due si avvicinano, parlano, si avvicinano ancora di più… ed ecco che la porta si chiude!

Cruz e Herrmann hanno un segreto. Da quando Joe ha confessato all’amico che sua moglie Chloe è incinta, i due si ritrovano spesso a parlottare insieme. Desidera che nessuno lo sappia e l’amico ha mantenuto il silenzio. Peccato che questo parlottio metta in sospetto Mouch, convinto che i due stiano parlando di lui e scoppia un mezzo caso diplomatico, con quest’ultimo che accusa i due colleghi di conoscere il suo segreto!

Gianna e Sylvie vanno in soccorso a una ragazza che è svenuta in un parco, dopo aver avuto delle convulsioni. Le due fanno fatica a far riprendere la giovane che, però, rifiuta di essere portata in ospedale e va via con il suo ragazzo.

Ci sono un po’ troppi segreti in questa stazione. Cruz e Herrmann decidono di avvalersi dell’aiuto di Ritter per scoprire cosa passi per la testa a Mouch, ma il tentativo del ragazzo fallisce miseramente.

Stella è arrabbiata e delusa dall’atteggiamento di Kelly e comunica a Boden che non farà il concorso da tenente, adducendo come scusa il fatto che non riesce più a seguire Girls On Fire, il progetto che ha ideato e che coinvolge un gruppo di ragazze nella speranza di avvicinarle alla carriera di vigile del fuoco.

Gianna e Sylvie vengono chiamate di nuovo da un uomo che si è ferito molto gravemente a una gamba con una motosega. L’uomo si lamenta a gran voce per il dolore e Sylvie gli pratica una dose di anestetico, che però non sembra sortire alcun effetto. Come pure la seconda e la terza e la quarta. La donna è incredula perché il poveraccio continua a urlare e le due decidono di caricare il ferito in ambulanza e portarlo in ospedale.

Dopo poco arriva alla stazione un comandante che informa Sylvie che il paziente non aveva neppure una goccia di anestetico in corpo, nonostante le dosi somministrate dal paramedico. Insinua quindi che Gianna potrebbe aver sostituito le boccette con altre di innocua soluzione salina per poterle rivendere sul mercato nero.

Sylvie non crede a una parola e ne parla con la collega. Le due si arrovellano pensando a cosa possa essere accaduto e viene loro il dubbio che la coppia soccorsa nel parco, con la ragazza che aveva rifiutato il ricovero, possa essere invece la responsabile della sostituzione dell’anestetico. Brett mette al corrente i colleghi del 9-1-1 su questo sospetto e dopo poco viene avvertita di un’altra chiamata di soccorso molto simile a quella che avevano ricevuto loro.

E infatti ecco la stessa coppia che sta cercando di fregare altri colleghi. Le due ragazze intervengono e in loro aiuto arriva anche la polizia, che trova addosso al ragazzo le boccette trafugate. Il caso è risolto!

Chicago Fire episodio 6

In un concitato faccia a faccia Mouch ammette la verità, si è fatto tatuare il nome della moglie per una scommessa persa ed era convinto che Cruz e Herrmann stessero parlando di questo. Gallo, arrivato dopo, sente solo la parola “segreto” e immediatamente capitola, raccontando a Cruz di aver fatto sesso con Gianna!

Kylie, la ragazza assunta da Stella come assistente di Boden, ha capito cosa sta succedendo e decide di raccontare a Kelly che la sua fidanzata ha deciso di non proseguire con il concorso. Severide si precipita a casa di Sylvie, dove Stella si è rifugiata e finalmente ammette che, a causa delle voci denigratorie che ha sentito su di lei, ha pensato che fosse meglio se lui si fosse sfilato da tutta la faccenda. Kidd si arrabbia moltissimo, rinfacciandogli di non avere fiducia in lei e nella sua forza di carattere. La sua carriera è partita dal basso, non figlio di un pezzo grosso dei pompieri come è stato per Kelly. Lei è pronta a qualsiasi cosa.

E Kelly si rende conto di quanto sia stato stupido.

Insomma una buona puntata, con momenti divertenti. Stella e Kelly si sono chiariti, sarà possibile che anche Sylvie e Matt comincino a vedere la luce?

Alla prossima puntata di Chicago Fire.

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

Marina Amato

Avatar

Lascia un Commento