Home » Recensione libri » Recensione: Chi ha ucciso Mr. Whickam? di Claudia Grey

Recensione: Chi ha ucciso Mr. Whickam? di Claudia Grey

 

 

Titolo: Chi ha ucciso Mr. Whickam?

Autore: Claudia Grey

Editore: PIEMME

Genere: Giallo

Target: 14+

Data di pubblicazione: 20 Settembre 2022

 

 

E se i più famosi e amati personaggi di Jane Austen si scoprissero detective… o magari assassini?

È un’estate molto calda a Donwell Abbey, residenza di Emma Knightley e marito, che, ormai sposati da sedici anni, si godono la meritata felicità, su cui nessuno avrebbe scommesso.
Nonostante il caldo, però, i doveri della vita sociale non si fermano: Mrs e Mr Knightley stanno organizzando un summer party, i cui invitati, ivi compresi Elizabeth Bennet e il marito, Mr Darcy, sono pronti a godersi chiacchiere e socialità, conditi naturalmente di tè e buone maniere.
Ma c’è qualcuno che non è affatto bene accetto: Mr Wickham, il personaggio più cattivo di Orgoglio e pregiudizio, l’odioso amico di Darcy, che gli altri ospiti, in barba al bon ton, sarebbero ben felici di vedere morto.
Eppure restano tutti a bocca aperta quando si ritrovano davanti nientedimeno che il suo cadavere. Adesso che ci è scappato il morto, gli invitati sono tutti nella lista dei sospettati, e tutti sono ugualmente prigionieri della splendida casa di campagna dei signori Knightley, consapevoli che tra loro c’è un assassino.
Tra Emma, L’abbazia di Northanger, Ragione e sentimento e naturalmente l’intramontabile Orgoglio e pregiudizio, un irresistibile giallo regency che è anche un gioco letterario in cui figurano tutti, ma proprio tutti, i personaggi più amati di Jane Austen.

 

 

 

 

Questo libro è diventato sempre più sorprendente durante la lettura! Ammetto che inizialmente ho fatto un po’ di fatica a seguire la storia, sia per un modo di scrivere che indubbiamente rimanda allo stile della Austen, sia perché inizia in maniera alquanto lenta. Il romanzo si apre con la tenuta dei Knightley alle prese con l’organizzazione di un grande e lungo soggiorno in cui giochi e frivolezze accompagneranno tutti gli invitati, ovvero, i personaggi più famosi delle opere di Jane Austen. Tutto sembra andare nel migliore dei modi fin quando non giunge alla tenuta uno dei personaggi più temuti di Orgoglio e Pregiudizio, Mr. Whickam, il quale non perderà tempo ad infastidire gli ospiti con intrighi e minacce, come se ognuno di loro avesse qualche segreto da nascondere.

A questo punto la storia comincia a farsi interessante, poiché Mr Whickam dopo pochi giorni viene trovato in un lago di sangue, ucciso da un’arma sconosciuta; quindi, tutto ruoterà intorno alla ricerca di un assassino ben nascosto dietro bon-ton e merletti.

L’idea di costruire un giallo prendendo spunto dalle storie della Austen è stato, a mio parere, a dir poco fantastica!

Mi è piaciuto molto lo stile con cui sono stati descritti i personaggi più amati come anche le ambientazioni descritte in maniera molto curata e fedele. Ovviamente, in parallelo alla scoperta dell’assassino si muovono anche le storie delle varie coppie che soggiornano nella dimora dei Knightley, la prima famiglia che ci viene presentata dalla scrittrice. Leggiamo di tradimenti, storie d’amore che nascono e che finiscono, amicizie destinate a rimanere intatte nel tempo.

Tutti sono allo stesso tempo sia investigatori che sospettati e, dietro a lustrini e ricchezze, rimane da cercare un assassino che si scoprirà essere, con mio grande stupore, il più insospettabile di tutti, e la scelta del colpevole non è stata affatto una banalità.

Lo consiglio? Perché no. Ci vuole una buona dose di pazienza, questo va detto, sia per la lentezza iniziale, sia per la scrittura non esattamente moderna. Il libro, a ogni modo, non dispiace in particolare per chi vuole una lettura leggera e allo stesso tempo elettrizzante.

 

 

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Vale

Lascia un Commento