Home » Recensione libri » Recensione: “Chi è il vero cattivo?” di Mag S- Serie: Bad Stars #1

Recensione: “Chi è il vero cattivo?” di Mag S- Serie: Bad Stars #1

 

Titolo: Chi è il vero cattivo?

Serie: Bad Stars #1

Autore: Mag Scrittrice

Editore: Independently published

Genere: Romance, New Adult

Data di pubblicazione: 9 Novembre 2021

BAD STARS – Chi è il vero cattivo? (pubblicato nell’anno 2021)

BAD STARS – Il buono di un cattivo (pubblicato nell’anno 2021)

BAD STARS – Stelle imperfette (in uscita nel 2022)

BAD STARS – Stelle contro il buio (in uscita nel 2022)

Si dice che siano gli opposti ad attrarsi, ma se fossero i simili a incontrarsi?
Dianne e Sebastian sono due anime di fuoco, forti e arroganti. La battaglia di sguardi e parole taglienti è aperta e sotto gli occhi di tutti.
Ma dietro all’apparente rivalità c’è molto di più.
Dopo uno scoppio di passione improvviso, fra loro comincia una relazione di solo sesso. Al campus si comportano come sempre, mentre nel buio sfogano l’innegabile attrazione.
Cosa accadrà quando le maschere da ragazzi cattivi cadranno? Perché Dianne ha sempre dei lividi? E cosa nasconde Sebastian sotto i numerosi tatuaggi?
Due ragazzi giudicati per ciò che hanno deciso di mostrare.
Una storia d’amore fra chi di amore non capisce molto.
Una giostra di emozioni per comprendere i propri desideri.
Alla fine, non rimane che una domanda: chi è il vero cattivo?

 

Un romanzo che spacca in due, ma non come una goccia di pioggia che scalfisce la roccia, è più un uragano che colpisce e travolge, distruggendo tutto.

Se la domanda fosse: “cosa ti ha lasciato questo libro?”, probabilmente risponderei… “un cataclisma di sensazioni, tutte diverse, oltre all’ossessione di leggere il secondo volume, subito!”

Ossessione, dipendenza emotiva, cliffhanger spregevole, sensazione di abbandono… per fortuna il seguito è già in vendita! Il mio ultimo neurone rimasto sta facendo le capriole per la felicità. Grazie, Mag!

Prima di proseguire nel mondo di Bad Stars mi sono, però, autoimposta di scrivere la recensione. Oh, come sono bravissima! Bando alle ciance e veniamo a noi.

Chi è il vero cattivo? è il primo volume di una quadrilogia che ha come protagonisti due giovani: Sebastian, bello e dannato con i suoi riccioli dai toni ramati e un corpo al limite della perfezione segnato da tatuaggi infimi e seducenti (sfido chiunque a non aver avuto la voglia, durante la lettura, di ripassare con le dita l’inchiostro nero fino a…) e Dianne, una ragazza dai lunghi capelli biondi e ciuffi viola, prosperosa e aggressiva al punto giusto, che vive l’inferno, un giorno alla volta, capendo che nella vita si deve solo resistere.

Ambientato tra i dintorni di un college americano e l’Hell’s Angels, locale in cui lavora Dianne, i ragazzi vivono e si scontrano in continuazione. Provengono da due gruppi rivali e per mesi non hanno fatto altro che sprigionare ostilità, sfrontatezza e sfacciataggine l’uno verso l’altra, creando non poco attrito. I poli si avvicinano, si colpiscono e talvolta non si lasciano, fino al giorno in cui l’attrazione è troppo forte, e gli ormoni esplodono in un seducente incontro-scontro di sesso ad alto tasso erotico e fremente eccitazione. Scena bellissima, in cui senza tanti fronzoli, con un dialogo diretto e sexy, si arriva all’amplesso in modo quasi “aggressiv”.

Da quel momento in qualche modo tutto cambia, abituati a disprezzarsi diventano… qualcosa, si uniscono nello schifo della vita che li circonda in modo totalmente opposto. Comincerà una storia d’amore, penserete voi. Beh, in realtà sono più che altro tanti incontri di sesso bollente con un linguaggio esplicito, scene passionali e descrizioni che lasciano poco all’immaginazione, senza mai trascendere nella volgarità.

Due protagonisti meravigliosi, caratterizzati in modo splendido. Senza grandi digressioni, infatti, li riconosci dentro di te e li vivi. Entrambi si portano dietro un passato che li schiaccia, ma non è la solita minestra riscaldata del bello e dannato e della principessa da salvare, o ancora della dura incattivita dall’esistenza che conosce chi le tiene testa. Sono state per me due anime molto complesse, con caratteri impossibili, da prendere a sberle e abbracciare, da consolare e rincorrere a scarpate. Tutta una litigata e un arrovellamento di budella in un amore talmente profondo ché riconoscerlo è così difficile per loro. Quando trovi l’amore, se sei così fortunata da incontrarlo, come fai a sapere che è quello vero e non solo una passione travestita da battiti del cuore?

La narrazione può apparire estremamente lineare, in verità i conflitti si intersecano uno dopo l’altro, creando curiosità al lettore e un’agitazione emotiva che ti tiene sul pezzo. Il brivido dato dall’eccitazione di scoprire cosa sta per accadere, cosa si cela dietro un livido o una parola non detta, o ancora un senso di possesso. Tanti i temi toccati e ognuno a suo modo approfondito.

Due vite diverse, esistenze che li hanno trasformati in persone molto simili, come fossero rotte dentro, senza alcuna fiducia nel prossimo, col pensiero che in fondo non meritano nulla.

Una famiglia distrutta da un lutto e portata all’alcolismo, un circolo vizioso da cui non è facile uscire, dove anche un angelo può trasformarsi in diavolo. Il troppo amore è fatale, così come la totale mancanza di emozioni, quella di una figura materna indegna di essere chiamata madre, una mamma frigorifero che da brava narcisista patologica deve emergere a discapito del figlio imperfetto.

Troverete in quest’opera (chiamiamola così, anche per le 500 pagine o forse più) tanta forza, sentimento e rabbia. Una scrittura fluida con un editing perfetto, dialoghi incollati ai protagonisti in modo stupefacente e una trama ricca, un intreccio interessante e figure di sfondo non lasciate al caso. Ogni personaggio ha un suo ruolo ben preciso, dalla relazione saffica delle amiche di Dianne, allo squilibrato imitatore di Sebastian, per non parlare di un Christian che appare come una moneta in continuo movimento, affinché il lettore possa comprendere se è un uomo da testa o croce.

Un bellissimo libro che termina con un “e adesso?”.

Spero di avervi messo curiosità e, dato che la mia sta esplodendo, vi saluto e proseguo nella lettura del secondo volume della serie!

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Sara

Kureha

Lascia un Commento