Home / Recensione libri / Recensione: Blood Type di K.A. Linde Blood Type Series #1

Recensione: Blood Type di K.A. Linde Blood Type Series #1

A meno di un mese dall'uscita del secondo libro della Blood Type Series vi proponiamo la recensione del primo libro : Blood Type La Blood Types series ha sempre come protagonisti Reyna & Beckham Blood type series: 1. Blood type 2. Blood match  26 Febbraio 2020 3. Blood cure Titolo originale: Blood type Serie: Blood type #1 Autore: K.A. Linde Editore: Newton Compton Genere: Fantasy/ paranormal romance Pagine: 290 Reyna Carpenter non ha avuto scelta. Per sopravvivere in un mondo oscuro, in cui soldi e potere sono in mano a una ristretta élite, ha deciso di vendere il suo corpo.…

Score

voto di Dada

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

A meno di un mese dall’uscita del secondo libro della Blood Type Series vi proponiamo la recensione del primo libro : Blood Type

La Blood Types series ha sempre come protagonisti Reyna & Beckham

Blood type series:

1. Blood type

2. Blood match  26 Febbraio 2020
3. Blood cure
Titolo originale: Blood type
Serie: Blood type #1
Autore: K.A. Linde
Editore: Newton Compton
Genere: Fantasy/ paranormal romance
Pagine: 290
Reyna Carpenter non ha avuto scelta. Per sopravvivere in un mondo oscuro, in cui soldi e potere sono in mano a una ristretta élite, ha deciso di vendere il suo corpo. E così è diventata un’escort, destinata a soddisfare la sete di sangue del magnetico e pericolosissimo Beckham Anderson. Beckham è un vampiro. Ancora più bello, ricco e potente di come Reyna si era immaginata. Ma c’è una cosa destinata a sconvolgere tutte le sue certezze: Beckham non ha intenzione di bere il suo sangue. In un mondo lacerato da una spietata guerra per la sopravvivenza, Reyna imparerà che ognuno è costretto a indossare una maschera. E che dietro quella di Beckham si nasconde un segreto inconfessabile…

Attenzione possibili spoiler!

Bentornate, fenici!
Oggi vi parlo di Blood type, primo volume della serie paranormal romance scritta da K.A. Linde e pubblicata in Italia dalla casa editrice Newton Compton Editori.
Nonostante l’argomento vampiri sia stato ampiamente utilizzato da molte autrici, la trama di questo libro mi ha fatto ben sperare. Ad attrarmi è stata soprattutto l’ambientazione e, col senno di poi, posso confermare che ha senza dubbio contribuito a rendere la storia decisamente più interessante.
In un mondo in cui ormai dominano i vampiri, Reyna Carpenter ha un disperato bisogno di soldi. Nonostante sia terrorizzata dagli aghi, non intende più gravare economicamente sui suoi fratelli, motivo per il quale decide di ricorrere alla sua ultima opzione: diventare una scorta di sangue. Si rivolge quindi alla Visage, la società gestita da vampiri che supervisiona i programmi di donazione di sangue. Solitamente le collaborazioni donatore- vampiro sono temporanee, ma Reyna viene selezionata per un nuovo programma in cui verrà assegnata in modo permanente a un singolo vampiro. La scelta ricade sul misterioso Beckham Anderson, uno dei responsabili dell’azienda, e così la giovane si ritrova a trasferirsi nel suo lussuoso attico. Ma, a quanto pare, l’enigmatico Beckham non intende bere da lei, così Reyna non può far altro che interrogarsi sul perché e cercare di scoprire cosa si nasconde dietro i segreti che sembrano avvolgere Becks e tutto il suo mondo.
Avendo ormai letto praticamente di tutto in tema di vampiri, ciò che mi ha colpito di più è l’originalità del mondo creato dall’autrice. Un world building in cui la maggior parte degli umani vive in condizioni di povertà ed è costretta a lavorare alle dipendenze dei vampiri che, invece, ricoprono i ruoli di maggior potere. Mi è piaciuta l’idea di creare questo mondo, che ha un non so che di distopico e che mi sono impegnata a scoprire insieme alla protagonista.
La narrazione scorre veloce e presenta il giusto mix di azione e passione. Con lo svolgersi della trama, gli intrighi appaiono sempre più chiari, mentre la linea di demarcazione tra giusto e sbagliato diventa più sfocata.
I personaggi sono sicuramente interessanti. Anche se non ho particolarmente amato la protagonista, mi sono piaciuti Becks e Reyna insieme. Il loro legame nasce lentamente da una convivenza forzata. Il confine tra i due mondi a cui appartengono è marcato, ma entrambi non riescono a impedirsi di attraversare quella linea e quando lo fanno la chimica e la tensione sessuale tra i due praticamente esplode.
Ho apprezzato, poi, la capacità dell’autrice di mantenere vivo l’interesse del lettore, creando un alone di mistero non solo attorno alla figura di Beckham ma anche in merito ai reali scopi della Visage. Sul finale il libro ha avuto dei risvolti interessanti e nonostante alcuni colpi di scena fossero facilmente prevedibili, altri sono stati una vera sorpresa.
Nel complesso, mi sento di consigliare Blood Type a chiunque ami i paranormal romance. Spero che il secondo volume, Blood Match, esca presto, perché, come sempre più autrici tendono a fare ultimante, il primo si conclude con un inaspettato colpo di scena. Non ci resta che scoprire cosa succederà dopo!

 

 

ladykira

ladykira
Admin founder RFS

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione:”Ritorno sull’sola delle camelie” di Tabea Bach

Titolo:Ritorno sull’isola delle camelie Autore:Tabea bach Editore:Giunti Genere:Romance ...