Home / Recensione libri / Recensione: “Black Moon: Un bacio prima di morire #6” di Keri Arthur

Recensione: “Black Moon: Un bacio prima di morire #6” di Keri Arthur

Trama arancio

Riley Jenson è una donna molto sexy e molto determinata. Nelle sue vene scorre sangue di vampiro e l’istinto di un lupo mannaro la salva dalle insidie e dai guai. Ha preso a cuore il suo lavoro al Dipartimento Razze Diverse, e nulla può distoglierla dal suo obiettivo di sconfiggere i malvagi. Riley non ha paura di dire la sua, né di confrontarsi con il pericolo. Neppure stavolta, quando il suo compito è scovare un killer che infierisce sulle prostitute e si aggira nel patinato mondo dei VIP. Ma quando nell’indagine entra anche Quinn, la sua vecchia fiamma, le cose si complicano: insieme hanno vissuto momenti di bruciante passione e lui è l’unico uomo su cui Riley non ha assolutamente nessun controllo…

Recensione arancio

Siamo ormai arrivati al sesto capitolo della saga, dove la nostra protagonista Riley, metà lupa e metà vampira, è entrata ormai a far parte dei fantomatici guardiani del dipartimento di razze diverse.
Essere un guardiano sembra quasi piacerle, il pericolo l’attira e il suo istinto di lupa la porta verso le situazioni da brivido, adrenaliniche, di certo un lavoro di semplice segretaria non sarebbe stato adatto a lei, anche se non rinuncia al sogno di avere una famiglia tutta sua e vivere tranquilla, senza rischiare la vita solo alzandosi dal letto.
Riley ha accettato la sua diversità, sebbene tutta la faccenda dell’essere stata modificata genicamente, peggio di quello che già era, non sia stata ancora assorbita né la convinca del tutto, cerca almeno di conviverci, senza rifiutare quello che sta diventato, piuttosto sviluppando ciò che i suoi poteri l’han fatta diventare.
L’abbiamo lasciata nel romanzo precedente dopo la delusione con Kallen… sperava fosse il lupo giusto per lei, ma non era così.
Decisa quindi a non voler un uomo nella sua vita, almeno per il momento, ha perso la fiducia nel genere maschile diciamo (bè non è una cosa nuova).
Ma cosa accade se nell’ennesima caccia all’assassino incontra la sua vecchia fiamma Quinn?
Tra loro non c’è solo attrazione ma anche amore, devono però ammetterlo a se stessi e forse, con il nuovo modo di vedere le cose di Riley, che sembra essere emotivamente cresciuta, forse una speranza per i due piccioncini ci può essere, nonostante la mia convinzione che, con entrambi, insieme, ne vedremo delle belle.
Mi sorprende sempre come di libro in libro la componente sessuale si affievolisca, se prima, specialmente nei primi tre, il sesso era dominante, da far paura, quasi eccessivo se vogliamo dirla tutta, ora tutto viene posto nella prospettiva giusta, nei momenti giusti e finalmente con le persone giuste (ah ah ah).
Così con una nuova vicenda, dove la vediamo rincorrere un gatto (e vi chiederete, un gatto? Bene vedrete) tra nuovi misteri e pericoli, si snoda un’altra avventura, in cui l’azione domina sovrana sulla storia, piena di colpi di scena.
Un mix di azione, amore e mistero.
La Arthur non annoia mai e in meno di trecento pagine, ti inchioda al libro, fino alla fine.

Fiamme-Sensualità-hot NUOVE

Violenza-Altissima

Recensione a cura di:

HanaRose

Editing a cura di:

LadyLightmoon1

Acquistabile qui

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione: “La ragazza del faro” di Alessia Coppola

Buongiorno Fenici oggi la nostra Cristiana ha recensito ...