Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: Big Sky – 1×10-11

Recensione: Big Sky – 1×10-11

Torna Big Sky con un doppio appuntamento. Tuffiamoci insieme nel Montana e nelle sue stranezze. Lo sapevate che una decina di provette piene di sperma di cavallo purosangue valgono più cento mila dollari? Non divaghiamo e vediamo cosa è successo questa volta. Buona lettura.

Big Sky

Progetto grafico a cura di Maria Grazia

Care Fenici, data la lunga pausa vi faccio un piccolo riassuntino (oppure qui trovate l’episodio precedente). Rick in un certo senso ha pagato per le sue malefatte, Merrilee ha dato una svolta alla sua vita (in negativo o in positivo dipende dai punti di vista), Ronnie si è fatto beffe di tutti scappando, mentre Cassie e Jenny decidono di diventare socie nella gestione dell’agenzia investigativa Dewel & Hoyt.

Adesso… altro giro altra corsa.

Sono passati tre mesi e una donna, Naomi, ha ingaggiato le due detective per il presunto tradimento del marito Alan Headly. Ovviamente le cose in Montana non sono mai come sembrano e, quando le due detective seguono l’uomo dentro un motel, lo trovano con due strani tizi con una strana arma in mano intenti a fare uno strano scambio di una strana scatola. Vi do un solo indizio: sperma di cavallo.

Ma questo è solo un caso di passaggio.

Il nuovo filo conduttore è la famiglia Kleinsasser. Il padre pazzo Horst urla se i figli non si tolgono le scarpe prima di entrare in casa e spara al cervo impagliato Cecil quando uno di loro vuole smettere di giocare a un gioco da tavolo. La madre Margaret che prende calmanti (e ci credo poverina, con una tale famiglia!). Il primogenito Blake in carcere con l’accusa di aver aggredito la sua ragazza Rosie. Il secondogenito John Wayne ansioso di ereditare il Ranch di famiglia. Il fratello minore Rand (a cui do il titolo di nuovo psicopatico) è un drogato che tira fuori un coltello quando va in escandescenza per il sopracitato gioco e che spia il fratello e la ragazza. La sorella chiacchierona Cheyenne.

Con queste premesse io ne prevedo delle belle!

Big Sky - episodi 10-11

Come si collegano a Cassie e Jenny? Semplice, Blake chiama quest’ultima per chiederle aiuto con il suo caso essendo stata la sua ex. L’uomo non sa esattamente cosa sia successo la notte dell’aggressione a Rosie, ricorda solo di essersi svegliato in una camera d’hotel con un labbro rotto e graffi sul viso. Non abita al Ranch perché lì non è il benvenuto.

Ma cosa si nasconde davvero dietro questa violenza?

Big Sky - episodi 10-11

Le due investigatrici non sono le benvenute a Lochsa, un altro paesino del Montana pieno di stranezze, dove vive la crazy family e nessuno vuole che Cassie e Jenny ficchino il naso dove non dovrebbero. Sceriffo Wagy compreso (Sebastian Rochè che adoro!). Sul finale, proprio mentre stanno indagando, accadono cose sconcertanti a entrambe… ma questo ve lo racconterò la prossima volta.

Altra new entry è lo sceriffo federale Mark che inizia a seguire il caso di Ronald e chiede la collaborazione di Cassie. Un tipo stranissimo e un po’ filosofeggiante.

Lasciatemi finire questa recensione parlando di Ronnie. Il dolce psicopatico si è rifatto una vita con Scarlet e sua figlia Phoebe, senza abbondonare il suo fedele teaser e le sue inquietanti abitudini (o è normale portare una torta di compleanno in un capanno chiuso con una catena per dire addio a qualcuno? E dormire sulla tomba della madre?).

Secondo me ha trovato una degna compagna perché insieme sono perfetti! Ovviamente non ha dimenticato Cassie, Jenny e Jerrie che adesso lavora con le due investigatrici.

Big Sky - episodi 10-11

Ritorno alla grande per Big Sky con molti nuovi ingressi (nessuno dei quali sano di mente!). Non vedo l’ora di vedere come andranno le cose, anche se avrei preferito sapere qualcos’altro sui vecchi personaggi e che non ci fosse uno stacco cosi netto. Vi lascio con il promo della prossima puntata.

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

Marina Amato

Avatar

Lascia un Commento