Home » Recensione libri » Recensione: Baby Love di Audrey Carlan Biker beauties serie #2

Recensione: Baby Love di Audrey Carlan Biker beauties serie #2

Titolo originale: Biker beloved
Serie: Biker beauties #2
Autore: Audrey Carlan
Editore: Newton Compton
Genere: Contemporary Romance

 

Shane non ha mai dovuto faticare troppo per conquistare una donna. Per lui, ex soldato, membro del club di motociclisti Hero’s Pride e padre single della piccola Shayna, fare colpo è sempre stato un gioco da ragazzi.
Finché non ha incontrato Anya e i suoi occhi azzurri velati di tristezza. Shane ha scoperto a sue spese che Anya non è il genere di ragazza che si lascia abbordare con qualche battutina scontata, ma lui ha un asso nella manica: sua figlia. Anya infatti è la maestra di danza di Shayna, e la bambina ha una vera e propria adorazione per lei. Shane sa perfettamente cosa deve fare: dovrà sfruttare l’ammirazione della piccola per far breccia nel cuore di Anya. Poco onorevole, come strategia? Può darsi. Ma ne vale la pena, perché, dopo aver girato il mondo in lungo e in largo (in sella alla moto o servendo il suo Paese), è la prima volta che Shane incontra una donna capace di conquistare la sua anima.

Il strepitoso secondo capitolo della serie dei motociclisti del Hero’s Pride Motor Club è arrivato finalmente nelle mie mani e non mi ha delusa.
Eccoci di nuovo a Gran Pass, Oregon, con i motociclisti più sexy dell’universo; questi uomini sono dei veri alfa, tosti e incredibilmente dolci con le donne che scelgono come le loro compagne.
Questa è la storia di Shane “Whip” O’Donnell, fratello gemello di Shay che è la protagonista del primo volume, lui è un soldato in missione in Afghanistan finché non riceve una chiamata che gli cambia la vita: i suoi genitori gli dicono che una sua ex avventura, Jess, si è presentata lì il giorno di Capodanno con una bimba di pochi giorni dicendo che è sua figlia e gliela affida, scomparendo nel nulla.
Shane finirà i suoi ultimi due mesi di servizio e, invece di riarruolarsi come desiderava, torna a casa per fare il padre single della piccola Shayna, nome ispirato dai nomi di sua sorella e sua madre, le due donne più importanti della sua vita.
Anna Markova è una prima ballerina dell’American Ballet Theat, fino al giorno in cui durante una esercitazione il suo partner non fa un errore durante un salto e l’infortunio al legamento crociato anteriore detterá la fine della sua carriera come ballerina professionista. Anya, nonostante sia delusa e infelice di come sia cambiata la sua vita, trova conforto nel realizzare il piano che pensava di mettere in atto solo molti anni dopo; insegnare ai bambini la danza le dà una gioia che oscura la perdita della sua carriera precocemente finita.
Shane e Anya si incontrano nel bar del club, O’Donnell’s, unico posto in cui divertirsi in città, grazie alla amica di lei, Holly, ragazza tutte curve con un carattere esuberante e non completamente estranea al Hero’s Pride.
Fra i due è attrazione immediata, le sensazioni che ci descrive l’autrice ci catapultano nel bar insieme ai protagonisti. Come scappare a degli occhi così? Anya non ne ha nè la forza né la voglia e viene immersa in un mondo di cui ha molti preconcetti, ma questo diventa la sua famiglia così velocemente che non può che farne parte. Con una bimba di quattro anni che la adora, prima come maestra di danza e poi come futura mamma, non sarà possibile per la nostra protagonista non amare tutto quello che Shane le offre, se poi nel pacchetto aggiungiamo lui come ciliegina sulla torta, l’acquolina è assicurata.
Le scintille non mancheranno sia dentro che fuori dalla camera da letto.
Ho amato il modo diretto di Shane nell’esprimere i suoi sentimenti e il suo essere dolce dentro quanto macho fuori. Anya mi è entrata sottopelle, mi sono immedesimata in lei e l’ho compresa quando tutta la situazione ha accelerato i tempi senza che lei fosse effettivamente pronta.
Un bel libro pieno di dettagli e con personaggi molto interessanti che non mi hanno delusa, era esattamente ciò che speravo. Audrey Carlan ha fatto un altro bingo!
Non svelo altro perché la storia non conta molte pagine ma, forse, è proprio questo il suo ingrediente segreto, breve e intenso, lo amo.

ladykira

ladykira
Babyladykira Admin founder RFS

Lascia un Commento