Home » Recensione libri » Recensione: “Avvicinati” di Kim Karr

Recensione: “Avvicinati” di Kim Karr

Trama

Nel mondo di Dahlia, che vive a Londra, non esistono più felicità e lieto fine. La sua anima è stata completamente distrutta da una tragedia. Ma quando la rock star River Wilde torna nella sua vita, il loro rapporto diventa subito strettissimo, al di là di qualsiasi previsione. Più tempo trascorrono insieme, più intensa ed erotica si fa la loro relazione: Dahlia è convinta di aver finalmente trovato l’anima gemella. Ma i fantasmi del passato riemergono e Dahlia comincia a sentirsi in colpa e confusa. River ce la mette tutta per farla sentire meglio, ma se ciò che è stato rifiuta di rimanere sepolto, come sarà possibile per loro pensare a un futuro?

Recensione

La mia prima impressione? Un altro perfetto Kellan Kyle: che barba! Scusate, amanti dei romance con bellissimi e focosi ragazzi che diventano famosissime rock star, ma penso che una serie dedicata a questo genere di uomini basti e avanzi ed invece scopro che ce ne sono ben tre in circolazione, di cui tradotte in italiano due. Le autrici sono, penso, amiche, visto che la Karr non disdegna nel suo libro cammei e citazioni dedicate a Kellan Kyle e Jake Wethers.  Kellan Kyle lo conosciamo anche qui in Italia, di Jake Wethers  invece ancora non si sa nulla.
Il libro si presenta come un classico YA, due protagonisti giovani e belli, una vita con grosse disgrazie, uno dei due che salva l’altro dal baratro. In questo caso, il salvatore è il protagonista maschile: River Wilde. River è fantastico, bellissimo e rientra nella vita della protagonista in un momento di vera crisi per lei, schiacciata sia dalla perdita dei genitori che del fidanzato Ben. River e Dahlia si sono incontrati, sfiorati e forse innamorati, nell’arco di pochi minuti per perdersi poi per anni. La morte di Ben ha annichilito Dahlia, le ha tolto ogni voglia di vivere e di crescere. Il nuovo incontro con River riaccende la scintilla vitale nel suo corpo e la rianima, forse anche troppo. Ok il colpo di fulmine, l’attrazione a pelle che hanno provato nel loro primo e brevissimo incontro, ma che sbocci in un giorno l’amore della vita… mah, ho i miei dubbi. Più di metà libro è una mielosa celebrazione di questo rapporto, di quanto fantastico, bellissimo, sexy, focoso, tenero, affascinante sia River ma, si sa, troppo zucchero dà il diabete. Questo è il difetto principale di questo libro: la troppa ripetitività di concetti che, tirati troppo alle lunghe, diventano noiosi. La seconda metà del libro e soprattutto il finale assolutamente inaspettato risollevano le sorti di un volume che, snellito, avrebbe avuto altri risultati. Come ho detto, il finale risolleva le sorti di questa lettura ed apre le porte ad un secondo volume che porterà sicuramente sconvolgimenti in questa coppia stile favola.
Quindi, per quanto Avvicinati non mi abbia entusiasmato, aspetto l’uscita del secondo volume dedicato a River e Dahlia. Ricordo che la serie Connection è composta da 8 volumi, di cui solo i primi due dedicati a questa coppia, gli altri hanno come protagonisti i personaggi secondari apparsi in Avvicinati.

Fiamme Sensualità hot

Recensione a cura di:

Madau

Editing a cura di:

Babila

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Veronica.Lady Shanna

Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento