Home » Recensione libri » Recensione: “Are you afraid of dark? – Carnival Circus #2” di Sara Coccimiglio

Recensione: “Are you afraid of dark? – Carnival Circus #2” di Sara Coccimiglio

Titolo: Are you afraid of dark?

Autrice: Sara Coccimiglio

Serie: Carnival Circus #2

Genere: Romance M/M, bdsm

Editore: Triskell Edizioni

Pagine: 292

Data di pubblicazione: 25 agosto 2020

 

Carnival Circus

1- Welcome to the Circus

2- Are you afraid of dark?

 

Effie non ha mai avuto niente nella vita. Né un abbraccio, né una parola gentile, né una famiglia, né un nome. Tutto quello che aveva gli è stato portato via quando era solo un bambino e tutto ciò che ha conosciuto da allora sono stati crudeltà e abusi, un patrigno-Padrone che lo ha educato con la violenza a diventare il sottomesso perfetto e un’oscurità che lo ha circondato fino a fargli avere una paura folle del buio.
A distanza di molti anni, quando viene venduto a un nuovo Padrone, sa di non potersi aspettare che le cose siano diverse solo perché cambia chi lo possiede.
Rassegnato a doversi piegare di nuovo alle voglie di qualcuno che non esiterà a usarlo come preferisce, trova invece cibo, vestiti, protezione, un nome e, soprattutto, qualcuno in grado di scacciare gli incubi che lo inseguono fin da quando ha memoria: Caronte, l’uomo che incarna tutto ciò da cui dovrebbe fuggire ma anche da cui non riesce a separarsi.
Ma il prezzo per la libertà rischia di essere troppo alto, e fuggire da un inferno per cadere in un altro ancora peggiore, un inferno fatto di silenzi e disinteresse, potrebbe distruggere il posto nel mondo che Effie con difficoltà, lacrime e sacrifici è finalmente riuscito a ritagliarsi.

 

Care Fenici,

nuovo romanzo di Sara Coccimiglio da non perdere. Adoro il suo modo di scrivere irruento e dolce allo stesso tempo: molti suoi libri hanno la forza di uno tsunami, travolgenti! In particolare, lo è questo secondo volume della serie Carnival circus, di cui il primo, sinceramente, non mi aveva colpito molto. Questo nuovo romanzo, invece, è esattamente come piace a me: ragazzi abusati che poi si salvano e scelgono la loro vita. I personaggi sono descritti alla perfezione e si incastrano, in tutti i sensi, in modi sempre nuovi e perfetti. L’ambientazione è profondamente cupa, ma rischiarata da qualche pallido raggio di sole che illumina gli occhi di Effie – Efestione -, un ragazzo di vent’anni che ha sofferto le pene dell’inferno sotto il giogo di un patrigno che per anni si è approfittato di lui. Dopo che Omero lo ha comprato, salvandogli la vita, lo affida alle cure del Fratello Alessandro, che noi abbiamo già conosciuto come Caronte, e apparentemente nessun nome è più azzeccato per lui. Alessandro ha un passato oscuro che non ci è dato conoscere tranne per qualche sporadico commento, ma a quanto pare molto simile a quello di Effie, tranne che il primo è diventato un dominatore mentre il secondo un sottomesso. La narrazione si snoda tra passato e presente, ricostruendo un amore che si rincorre nel tempo senza mai sbocciare, anche perché non è certamente facile che accada tra i corridoi di un bordello. Non è semplice gestire un personaggio così abusato e distrutto, ma Sara ci riesce magistralmente regalandoci emozioni molto forti. Vi confesso che ho divorato questo libro una pagina dopo l’altra e non posso che consigliarvelo. Spero che il terzo sia incentrato su Omero ed Enea, due personaggi che mi hanno decisamente intrigato e incuriosito. A questo punto mi sembra di aver detto tutto e non mi resta altro che augurarvi buona lettura!

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Daniela Pullini

Lascia un Commento