Home / Recensione in Anteprima / Recensione in Anteprima: “Diamante nero” di Victoria Quinn (Serie Ossidiana #2)

Recensione in Anteprima: “Diamante nero” di Victoria Quinn (Serie Ossidiana #2)

 

 

 

So che non cambierò mai.
Sono nato nell’oscurità, ed è proprio lì che resterò.
Rome è dolce, gentile e ordinaria.
Ma io cambierò tutto.
Le mostrerò chi sono per davvero.
E le infilerò quel diamante nero al dito.

 

 

Christopher ordinò un sandwich, ma per la prima volta non toccò il suo cibo. Restò seduto sulla sedia guardando fuori dalla finestra, con una smorfia costantemente disegnata sulla bocca. Aveva gli occhi iniettati di sangue, e le sue mani avevano un disperato bisogno di strangolare Hank finché non avesse smesso di respirare. Piluccai il mio cibo, anch’io non molto affamata. Desiderai che Christopher non avesse assistito a ciò che era successo nel mio ufficio. Era sempre allegro e spiritoso, ma aveva un serio problema caratteriale che gli derivava dall’infanzia. Quando era agitato, prendeva un sacco di decisioni sciocche—ad esempio fare a cazzotti con la gente. Anche se ero convinta che Hank si meritasse un sacco di legnate, avrebbe potuto causare parecchi danni a Christopher se avesse voluto. Il fatto di essere vicino agli ambienti della polizia, ai giudici e ad altri avvocati, consentiva ad Hank di monopolizzare l’intero sistema giudiziario. “Christopher…” mi allungai sul tavolo e appoggiai la mano sulla sua. Christopher la ritirò con uno strattone. “Non provare a toccarmi adesso.” Tenne la voce bassa in modo che nessun altro potesse sentirci. “Calloway sa di questa cosa?” Finalmente mi guardò, con l’odio evidente negli occhi. Dio, no. Assolutamente no. Potevo solo immaginare cosa sarebbe successo se l’avesse saputo.”

Riprendiamo la storia esattamente dove l’avevamo lasciata; dopo l’aggressione subita nel primo libro, Rome è andata a vivere nell’appartamento del fratello Christopher, e la sua relazione con Calloway procede in modo più che normale. I due si frequentano assiduamente e il sesso fra loro è strepitoso. Ma mentre Rome comincia ad illudersi che il giovane possa un giorno dimenticare il suo proposito di non avere mai una relazione stabile, per Calloway il desiderio di fare della ragazza la sua schiava è un ossessione che non lo abbandona mai.

È vero che per lei prova sentimenti che non ha mai sentito per nessuna delle donne che hanno fatto parte della sua vita, ma il suo passato non gli permette neppure di contemplare matrimonio, felicità e staccionate bianche. Rome, d’altro canto, ha anche lei dei segreti che non intende rivelare. Dal suo passato è riemerso un uomo che le ha fatto del male, ma non intende dirlo a Calloway, ne chiedere il suo aiuto, convinta di poter riuscire a gestirlo da sola. Questo si rivelerà un compito superiore alle sue forze e, mentre parte della sua vita viene sconvolta, anche i segreti di Calloway verranno alla luce in maniera inaspettata.

Per Rome è il crollo di ogni illusione, quell’uomo che sembrava apparire fantastico, improvvisamente è come uno sconosciuto, a nulla valgono le spiegazioni che il giovane tenta di darle. Lei non accetterà mai un rapporto di questo tipo a prescindere da quanto lo ami. Ora è Calloway che deve decidere cosa sia più importate per lui.

In questo secondo capitolo, veniamo a conoscenza di cose importanti sui vari personaggi, diamo un’occhiata agli oscuri segreti che Calloway custodisce, cose di cui neppure suo fratello è al corrente. Un passato in cui la figura di un padre sadico e crudele ha reso orribile la sua infanzia, ma questo non scusa la menzogna con cui vive il suo rapporto con Rome e me lo ha fatto amare meno, ogni suo gesto è fatto con uno scopo preciso: portare la ragazza ad accettare qualcosa che non è nella sua indole. E nel mentre questo accade, scopriamo anche perché Rome è invece così risoluta a non permettere mai a nessuno di avere il potere di comandarla.

Nel suo passato si è fidata di qualcuno che l’ha tradita nel modo peggiore e ha tentato di sottometterla, ci è già passata una volta e non permetterà che accada ancora. A poco a poco i ritratti dei personaggi diventano più vividi ed intriganti, e non solo quelli dei protagonisti, anche quello di Hank che conosciamo solo superficialmente, ma che penso avrà un grosso impatto sul prossimo libro, che si prospetta carico di suspense.

E non voglio dimenticarmi di Christopher e di Jackson, il fratello di Calloway che finora si è rivelato poco simpatico, sempre pronto a minare con le sue parole il rapporto fra Calloway e Rome. Mentre l’algida Isabella non sembra disposta a rinunciare a Calloway.

L’autrice è riuscita a creare una palpabile corrente di sensualità fra i protagonisti, le scene di sesso pur se in numero forse eccessivo sono davvero ben scritte, la scrittura è fluida e scorrevole, tanto che ho letto questo libro in poco più di quattro ore; Però anche se il finale mi ha sorpreso, non posso tacere alcune cose che mi impediscono di dare il massimo voto.

Parti della trama riportano immediatamente la mente ad altre serie famose, compreso l’uomo pericoloso ossessionato da Rome, gli incubi di Calloway e il suo assoluto bisogno di controllo, questo ha reso la lettura, pur se molto piacevole, non proprio originale; è un peccato perché i personaggi sono belli, specie la fortissima Rome. Spero davvero che i prossimi due libri abbiano quel guizzo di unicità che al momento non vedo; questa farebbe la differenza fra un buon libro per passare un gradevole pomeriggio, ed uno davvero bello che si ricorda nel tempo.

 

 

Recensione a cura di:

 

 

 

 

      So che non cambierò mai. Sono nato nell'oscurità, ed è proprio lì che resterò. Rome è dolce, gentile e ordinaria. Ma io cambierò tutto. Le mostrerò chi sono per davvero. E le infilerò quel diamante nero al dito.     “Christopher ordinò un sandwich, ma per la prima volta non toccò il suo cibo. Restò seduto sulla sedia guardando fuori dalla finestra, con una smorfia costantemente disegnata sulla bocca. Aveva gli occhi iniettati di sangue, e le sue mani avevano un disperato bisogno di strangolare Hank finché non avesse smesso di respirare. Piluccai il mio cibo, anch’io…

Score

Voto Lucia63 4

Voto Utenti : 4.9 ( 1 voti)

baby.ladykira

Avatar
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Recensione: “Le rughe del sorriso” di Carmine Abate

Ciao a tutte fenicette, oggi la nostra Angela ...