Home » Recensione libri » Made in Italy » Recensione in Anteprima: “Dentro il mio peccato” (#1 Into My Sin Series)

Recensione in Anteprima: “Dentro il mio peccato” (#1 Into My Sin Series)

Trama arancio

Sevan Farrell è un architetto che lavora per una prestigiosa società di ingegneria di New York di cui ambisce a diventare socio, specie da quando ha iniziato a frequentare Rebecca Loewenthal, la figlia del fondatore dello studio che per lui ha rotto con il fidanzato storico, Travis Wilson.
Introverso, solitario e carismatico, Sevan appare inquieto e incapace di prendere le distanze dall’avventura avuta con una certa Sara, nonostante sia a un passo dall’ottenere quello che ha sempre voluto.
In rotta con il fratello di Rebecca, Noah, e poco presente al lavoro, Sevan dovrà affrontare anche la notizia della morte di Clara Bark, cui in passato era stato legato da un rapporto ambiguo e morboso.
Partito alla volta di Cape Cod per il funerale, Sevan scoprirà che Clara, nelle sue ultime volontà, ha espresso il desiderio che lui ristrutturi il vecchio faro acquistato da lei prima di morire.
Vincolato dal testamento a seguire i lavori in prima persona e ad assumere una squadra del posto senza la possibilità di appoggiarsi alla Loewenthal&Associati, Sevan deciderà di rimandare il fidanzamento con Rebecca e di vivere nella casa attigua al faro con Amoret Reed, l’ingegnere ambientale che Clara ha voluto nel progetto e che vive lì da sempre.
L’attrazione tra i due è immediata, ma entrambi sembrano decisi a non assecondarla.
Un passato da seppellire, un futuro da vincente e un presente che scompaginerà ogni cosa. Una storia d’amore, di perdono e rinascita.

Recensione in anteprima arancio

Ho finito questo libro qualche ora fa e nonostante mi sia data del tempo per riflettere sulla storia, sono arrivata alla conclusione che per dare una reale valutazione bisognerebbe leggere la serie completa. Questo libro ci pone di fronte a mille domande e mille segreti, alcuni dei quali (se non tutti) non verranno per nulla svelati. Devono ammettere che i primi capitoli sono stati i più difficili da affrontare in quanto vengono presentati diversi personaggi, con diversi pov e qualche salto temporale. Collegare il tutto non è stato semplice e credo anzi di non esserci ancora riuscita. Ma partiamo dall’inizio cercando di chiarire qualcosa perché vi assicuro che la storia è abbastanza intrecciata già di suo.

Il libro ci presenta Sevan, un uomo di ventotto anni, architetto, fidanzato da anni con la figlia del capo. Capiamo sin da subito il fatto che sia un personaggio tormentato, con qualche dipendenza e ossessionato da una ragazza, Sara, con cui ha un rapporto che lui stesso quasi teme, non riusciamo a capire i fili che li legano, ma il fatto che non sia proprio una “relazione” sana è subito chiaro. Nelle poche scene con Sara, Sevan già di suo ombroso, diventa ancora più cupo. Il libro prende tutta un’altra direzione (e per fortuna, perché era veramente un qualcosa di troppo pesante) appena Sevan viene a conoscenza della morte di Clara, una donna che non vede da tempo, ma che in passato è stata fondamentale nella sua vita. Si ritrova così a Cape Code, dove Clara si era trasferita, e ben presto scopre di aver ereditato oltre al patrimonio personale della donna, i diritti che lei deteneva sul vecchio faro. Non è però l’unico beneficiario, ma è stato affiancato nel testamento a Amoret, figlia del compagno defunto di Clara. Ecco, il personaggio di Amoret è stata una ventata di aria fresca, pulita. Il libro con la sua apparizione prende quella marcia in più che manca nei primi capitoli. Per una serie di clausole i due si ritroveranno a lavorare insieme per riportare il faro in sicurezza e questa vicinanza forzata farà nascere qualcosa tra i due.

Sevan aveva ragione, pensò lei, quando diceva che l’attrazione bruciava come fuoco, subito o mai. E lei era attratta da lui, nonostante Clara l’avesse messa in guardia”

Finalmente riusciamo a vedere anche un lato diverso di Sevan, un lato che sorprende anche lui, non abituato ai modi diretti e schietti di Amoret. E soprattutto non avvezzo a provare determinati sentimenti.

TU sei l’anima di questo faro, non la lanterna, ma se vuoi troveremo anche quella (TU mi hai dato conforto)”

Finalmente riusciamo a vedere delle emozioni, un suo lato più umano, lo vediamo pian piano aprirsi…..

<<Sul serio. Quando ridi la mia angoscia svanisce. Tu splendi>> continuò, mentre si sforzava di tenere gli occhi aperti perché il volto di lei non si sdoppiasse, <<E devi starmi lontana, perché io non ne sono capace>>

Almeno fino a quando non farà la sua ricomparsa qualcuno che gli ricorda chi Sevan veramente è, e a quale posto appartiene.

Insomma il libro, secondo me, migliora decisamente nella seconda parte, ma molti interrogativi rimangono tali. Dovremo aspettare il prossimo volume per legare le varie dinamiche che si vengono a creare soprattutto all’inizio. E speriamo di non dover attendere molto.

Fiamme-Sensualità-hot NUOVE

Recensione a cura di:

Miky

Editing a cura di:

Bettina

Lascia un commento

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento