Home / Recensione in Anteprima / Recensione in Anteprima: “Il bastone di Seydr” di Sebastian Bernadotte

Recensione in Anteprima: “Il bastone di Seydr” di Sebastian Bernadotte

 

 

Sono un Völvo!
Ecco la bomba che ha sganciato mio padre, poco prima di morire.
No, non sono un’automobile svedese, bensì uno stregone che vive da solo nella casa di famiglia sull’isola di Sandhamn.
Dopo che uno dei miei simili ha provato a uccidermi, Thomas, un giovane seducente e misterioso, ha accettato di aiutarmi a trovare le risposte che cerco. Il pericolo dilaga e adesso sono braccato da una vecchia organizzazione che vuole la mia morte a tutti i costi. Il mio potere è la chiave, ma riuscirò a controllarlo prima che sia troppo tardi?

I Völur erano stregoni che secondo la leggenda traevano i loro poteri da Yggdrasil, l’albero dei Mondi. Da ciò che mi aveva raccontato mio padre, io ero uno stregone, generato da una lunga stirpe di uomini e donne con grandi poteri. Peccato che non avessi nessuna idea di cosa questo significasse. Dal giorno successivo a quella rivelazione, però, tutto era cambiato. Non era stato l’odore della colazione a svegliarmi, ma le tonnellate di domande che mi avevano ronzato in testa per tutta la notte. Mi ero alzato ed ero sceso in cucina, ma mio padre non era dietro i fornelli. Fatto molto strano. Non aveva neanche acceso la televisione per ascoltare il notiziario. La casa era immersa in un silenzio inquietante. Alla fine lo avevo trovato steso sul suo letto, una tazza di tisana fredda sul comodino. Sembrava semplicemente addormentato, ma quando mi ero avvicinato avevo constatato che, invece, era morto nel sonno. Così ero rimasto solo.”

Alzarsi una mattina qualsiasi e scoprire di vedere l’aura che circonda le persone non è da tutti, ma scoprire dal proprio padre di essere uno stregone è ancora più sconvolgente. Ed è proprio questo che accade ad Erik, un giovane uomo che improvvisamente si trova catapultato in un mondo che non conosce, in possesso di poteri che non sa usare. Suo padre dopo avergli rivelato la natura magica della madre, è morto improvvisamente senza potergli spiegare altro. Ed Erik, dopo aver invano tentato di usare il libro di incantesimi che ha ereditato, non riesce a trovare notizie che lo aiutino a capire cosa gli potrebbe succedere. Il primo incontro con un altro stregone non è dei più felici: Isabelle, l’affascinante donna misteriosa che incontra per caso, tenta infatti di ucciderlo per impossessarsi della sua magia, e solo l’intervento di Thomas permette al giovane di sopravvivere. Da quell’incontro per Erik comincerà un periodo pieno di avvenimenti straordinari; scoprirà di essere più di un comune stregone: la sua stirpe discende direttamente da Odino, la sua magia è potentissima e, con l’aiuto di Thomas, deve imparare ad usarla. E deve imparare in fretta , molti sono sulle sue tracce; stregoni che hanno ceduto alla magia nera e che diventano più forti uccidendo i loro simili rubandone la magia e, ancora più pericolosa, la “Malleus Maleficarum Dei” l’organizzazione che da secoli perseguita le creature magiche e che ha ramificazioni in tutto il mondo. Uno dei suoi capi è molto più vicino e conosciuto di quanto Erik possa credere, e la caccia alle streghe in realtà non mai finita.

In questo libro ho ritrovato molti dei personaggi che preferisco in assoluto, ci sono stregoni, antichi Dei, lupi mannari e vampiri. Su una trama che regala molta azione e non ha attimi di stanchezza, l’autore mette in campo dei personaggi davvero ben caratterizzati e non solo per quanto riguarda i protagonisti. Troviamo infatti personalità come quelle di Isabelle, una maga che non ha esitato a cedere all’oscurità per poter avere accesso al potere senza dover studiare e soffrire per ottenerlo, forte ma con un’intrinseca debolezza: il suo amore non corrisposto per Thomas. Il lupo mannaro Skugga, che vive da tempo con Thomas sempre in forma animale, e non si trasforma in uomo se non quando vi è costretto dalla magia o dalle ferite, più volte aiuterà i protagonisti durante la loro lotta, ma di lui non conosciamo nulla, e almeno al momento non sappiamo il perché della sua scelta. C’è Jenny, depositaria del sapere, amica da sempre di Erik e che ha fatto di tutto perché il giovane non scoprisse mai i suoi poteri, e potesse così vivere una vita normale. E poi, c’è l’affascinante Childéric, un vampiro centenario un tempo amico ed alleato della madre di Erik, che sarà di grande aiuto nell’aiutare a risvegliare i poteri latenti del giovane, anche se per farlo userà mezzi poco ortodossi. Il piccolo ma agguerrito esercito di creature al suo comando sarà di grande aiuto per gli stregoni.

Anche Thomas durante la sua gioventù ha conosciuto la madre di Erik, e la Völva aveva capito che lui sarebbe stato l’anima gemella del figlio e il suo protettore, la loro storia d’amore è romantica e dolce, così come le scene di sesso che non sono mai troppo descrittive, ma che risultano coinvolgenti e ben scritte. Erik fino alle ultime pagine, sembra non avere ancora il pieno controllo delle sue capacità, minato nella stima di sé da avvenimenti celati nel suo passato, pur se in possesso di un grande potere, lo teme e per questo esita ad usarlo, ma quando le persone che ama saranno in pericolo le cose cambieranno. È un fantasy davvero ben costruito e piacevole da leggere, in cui la storia d’amore dei protagonista si inserisce perfettamente fra lotte ed incantesimi, senza che nessuna parte venga penalizzata. Una cosa che ho molto apprezzato è stato il finale, che nonostante suggerisca la possibilità di un seguito non lascia comunque niente in sospeso. Ma spero davvero di ritrovare ancora questi personaggi e continuare a seguire i loro tentativi di annientare la fantomatica “Malleus Maleficarum Dei” e i loro adepti che vogliono cancellare tutta la magia del mondo.

A cura di:

 

 

 

 

 

    Sono un Völvo! Ecco la bomba che ha sganciato mio padre, poco prima di morire. No, non sono un'automobile svedese, bensì uno stregone che vive da solo nella casa di famiglia sull'isola di Sandhamn. Dopo che uno dei miei simili ha provato a uccidermi, Thomas, un giovane seducente e misterioso, ha accettato di aiutarmi a trovare le risposte che cerco. Il pericolo dilaga e adesso sono braccato da una vecchia organizzazione che vuole la mia morte a tutti i costi. Il mio potere è la chiave, ma riuscirò a controllarlo prima che sia troppo tardi? “I Völur erano…

Score

Voto Lucia63 4,5

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

Recensione: “Rosa di mezzanotte” di Amneris Di Cesare 

Annabella e il turbolento figlio diciassettenne Federico hanno ...