Home / Recensione libri / Recensione: “Angeli Ribelli” di Sylvia Day

Recensione: “Angeli Ribelli” di Sylvia Day

Adrian Mitchell, un angelo immensamente potente, comanda l’unità speciale dei Serafini: le Sentinelle. Il suo compito è quello di punire i Caduti, angeli che sono diventati vampiri dopo aver commesso il peccato di accoppiarsi con gli esseri umani.
Per confinarli in zone designate, Adrian si avvale dell’aiuto dei lycan, creature mutaforma irrequiete, che ha assunto per tenere sotto controllo e garantire la sicurezza dei suoi soldati e del quartier generale.
Anche Adrian è stato punito per aver inseguito Shadoe, la donna che ama e che è morta ripetutamente nel corso dei secoli. Ora, dopo quasi duecento anni, ha finalmente ritrovato la sua ultima reincarnazione. E stavolta non vuole lasciarla andare.
Lindsay Gibson, che non ricorda assolutamente il suo passato come Shadoe, prova da subito una feroce attrazione per l’uomo bellissimo e incredibilmente sexy che incontra per caso. Da quel momento in poi viene a conoscenza di un mondo pericoloso fatto di continue battaglie sovrannaturali che hanno per protagonisti il suo amante angelo, suo padre vampiro e una rivolta lycan in piena regola.
La posta in gioco non riguarda solo il suo amore e la sua vita. Lindsay potrebbe perdere per sempre la sua anima…

Con questa serie Sylvia Day, pur non nuova al genere fantasy, stravolge un po’ lo standard e lo fa generando un mondo fatto di creature alate. Non tutte però mantengono le ali: il loro comportamento nei millenni ne ha determinato specie e ruolo.
Arcangeli, cherubini e serafini rappresentano i buoni.
I vampiri, ruolo dei cattivi per eccellenza, sono gli angeli che avvicinatisi troppo alla natura e alle passioni umane, hanno perso il loro status divino e di conseguenza le splendide ali.
I lycans sono addirittura una razza inferiore, al servizio delle Sentinelle, i serafini, che comandati da Adrian, controllano le azioni dei vampiri.
La spiegazione di questi ruoli sociali, dei compiti e delle personalità dei vari personaggi , che occupa la prima parte del romanzo, non scorre con l’abituale ritmo dei libri della Day e rende la lettura un po’ faticosa; solo con l’arrivo della protagonista femminile Lindsay il romanzo prende vita e ritmo diventando decisamente accattivante. Tra i battibecchi di Lindsay e Adrian, la passione sessuale che li lega, la determinazione con cui i vampiri vogliono risvegliare l’anima di Shadoe (che alberga nel corpo di Lindsay), gli intrighi che coinvolgono i lycans, le pagine volano rapide fino all’ultima riga, rivelando lo stile Day soprattutto nel tratteggio dei personaggi, tutti particolarmente interessanti. Questo è il volume di Adrian: un vero alpha, un angelo con pensieri decisamente atipici, lontanissimo dagli angeli asessuati che compongono il suo esercito. Adrian ha pensieri lascivi così simili a quelli umani che, per quanto non si concretizzino se non in poche pagine, un numero decisamente inferiore rispetto agli standard Day, l’effetto che fa a noi lettrici è sempre lo stesso: wow! E sempre secondo lo standard Day, la sua compagna non può non avere gli attributi del suo pari. Lindsay è combattutissima, ma lo ama così tanto da arrivare a negarsi pur di non farlo “cadere”; una vera coppia dominante, che ritroveremo e apprezzeremo nei prossimi volumi di una serie ancora in costruzione. I personaggi che li circondano sono comunque di tutto rispetto e più che degni di un loro volume. Elijah, il lycan alpha, sono sicura che ci darà un bel po’ di soddisfazioni. Delineati quindi modi, location e personaggi, mi aspetto di più dal seguito: qualcosa di più vicino a quella passionalità e a quella intensità che da sempre caratterizzano la produzione di questa autrice.

Recensione a cura di: MADAU

Editing a cura di: ELETTRA

 

 

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione:”Imperfetti” Shattered part#1 di Cecy Robson

    Un tempo, il futuro di Evelyn ...