Home » Recensione libri » Recensione: “Amore senza confini” di Jay Crownover (Saints of Denver #2)

Recensione: “Amore senza confini” di Jay Crownover (Saints of Denver #2)

 

Trama arancio

Quaid Jackson è un brillante avvocato, tanto scaltro e preparato quanto freddo ed elegante. Avett Walker è una giovane ribelle, che attira i problemi e gli uomini sbagliati come una calamita. Non c’è motivo che si incontrino, non in questo universo. Per un tragico errore, Avett si trova però in un mare di guai e la situazione è talmente critica che solo l’aiuto di Quaid può salvarla. Non che sia una bella notizia. Lui la detesta, considerandola poco più di una seccatura dagli eccentrici capelli rosa. Ma Avett deve affidarsi a lui, consegnando il suo destino nelle mani dell’arrogante, sexy avvocato. Le piacerebbe tanto allentare il nodo perfetto della sua cravatta e convincerlo a godersi un po’ di sano divertimento… con lei. Quaid però non vuole mischiare gli affari con il piacere, il distacco è la sua arma vincente, e poi quella caotica, impulsiva ragazza non è proprio il suo tipo. Ma ogni giorno che passano insieme diventa più difficile non notare la strana attrazione che crepita tra di loro, la chimica istintiva che li rende consapevoli, in ogni momento, l’uno dell’altra. E tenere le mani a posto diventa un’impresa impossibile.

Recensione arancio

 

Bello, intenso e in un certo senso profondo.

La serie precedente mi era piaciuta molto, ed è strano perché non amo il genere NA, ma la storia dei fratelli Archer e dei loro amici mi ha conquistata, quindi la serie successiva (legata in parte alla Tattoo) doveva essere letta anche se avevo qualche timore, fortunatamente infondato!

In questo libro conosciamo Avett, figlia di Brite, e Quaid l’avvocato che aveva aiutato Asa e che ci aveva provato anche con Sayer.

Avett ha ventidue anni e da quando ne ha sedici ne combina di tutti i colori. Il padre è sempre stato al suo fianco per aiutarla, ma mentre le altre volte erano delle ragazzate questa volta i guai sono seri, infatti, Jared, il suo fidanzato violento e tossico, ha tentato di rapinare il bar di Rome quando erano presenti Asa e Royle, ovviamente armato di pistola.

Jared, il ragazzo che mi aveva convinto che il suo amore era sincero. Quello che mi aveva giurato che eravamo uguali, fatti l’uno per l’altra. Era devastato e infelice quanto me, quindi eravamo destinati a stare insieme per sempre.
Jared, il ragazzo che mi aveva nascosto non solo di avere un grave problema di dipendenza, ma anche di essere coinvolto a fondo nel traffico di droga della città, finché non mi ero trovata così invischiata in quello che credevo fosse amore da non potermi più tirarmi indietro.

Quando viene arrestato il simpatico fanciullo dà la colpa a Avett… ovvio no? Ma Asa non ci crede (anche perché ha visto, dalle telecamere di sicurezza, cosa Jared ha fatto ad Avett dopo la rapina) e vuole concedere una seconda opportunità alla ragazza, come è stata concessa a lui, quindi assume Quaid per aiutarla e scagionarla.

Da qui parte la loro storia. Nonostante lui sia un affermato avvocato, molto benestante, racchiude dentro di sé lo stesso malessere di Avett, anche se in maniera diversa. Quaid proviene da una famiglia che aveva deciso di non possedere bene materiali, quindi lui ha vissuto con poco e niente, e si è ripromesso che una volta cresciuto avrebbe avuto tutto. Per questo si arruola nei marine appena diciottenne, per servire il suo paese sì, ma soprattutto per avere la possibilità di studiare, infatti si laurea in legge.

Riesce anche a conquistare la ragazza più bella e ricca del suo paese e a sposarla, ma la sua smania di avere tutto li fa allontanare (oltre al fatto che lei lo tradisce e alla grande!). Al momento del divorzio la tipa è incinta di un altro e pretende tantissimo in termini monetari da Quaid, infatti, l’uomo ne sarà devastato.

Lui si tuffa nel lavoro e vuole diventare socio dello studio, quindi accetta tutti i casi più difficili che nessuno vuole (sempre nella speranza di essere socio, ma… nada), frequenta donne solo superficialmente e accumula denaro.

Avett, figlia adorata di Brite, vivace, con la pessima abitudine di scegliere sempre cattivi ragazzi, a causa di una brutta vicenda accadutale da ragazzina, pensa che lo scegliere sempre i cattivi sia una soluzione per pagare lo scotto del passato.

Contorto vero? Ed è per quello che finisce con Jared e non lo lascia nonostante il “principe” la riempia di botte e la obblighi a rubare i soldi dalla cassa.

Jared mi aveva fatto una corte spietata. All’inizio era dolce e affascinante. Mi piaceva il suo atteggiamento rilassato, da stonato. Sembrava non piacere a nessuno, e anche questo mi attirava. Più mio padre lo guardava storto e parlava male di lui, più quel ragazzo mi attraeva. Mio padre era il mio eroe, il mio idolo, il mio migliore amico, ma la sua disapprovazione nei confronti degli uomini della mia vita provocava in me sempre l’effetto opposto. Questo mi faceva soffrire, ma era proprio la sofferenza che cercavo. Alla fine io e Jared cominciammo ad andare a letto insieme. Passavo sempre più tempo a casa sua, anche se ormai era chiaro che non si limitava a uno spinello ogni tanto. Volevo convincermi che Jared usava le droghe solo a scopo ricreativo, che non erano un problema, ma era una bugia a cui avevo smesso di credere io stessa

Ma l’arresto e i due giorni in carcere aiutano Avett a capire che questa volta deve salvarsi, anche perché l’ex fidanzato scarica tutta la colpa su di lei.

Cercheranno quindi Asa, Brite, Rome e Church di aiutare Avett a venirne fuori e a superare i suoi demoni. La ragazza allo stesso tempo cercherà di farli superare anche a Quaid, per proseguire insieme in un futuro roseo, come i suoi capelli, e sicuramente senza annoiarsi mai nella vita, come in camera da letto.

Anche questa volta Mrs Crownover mi ha incatenato alle pagine, iniziato ieri sera e finito questa mattina. Nelle pagine di questo libro si capisce com’è facile mettere nei guai una persona con false accuse, si spera sempre di trovare un Quaid pronto ad aiutarti.

Non mi dilungo di più per non rovinarvi il piacere di leggere “Amore senza confini”, in attesa del prossimo che non so su chi sarà… Church e Dixie? Oppure Wheeler, il sexy meccanico tatuato vicino di Brite?

Fiamme-Sensualità-Super-Hot NUOVA

Recensione a cura di:

Tayla

Editing a cura di:

Miky

Lascia un commento

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

StaffRFS

StaffRFS

Lascia un Commento