Home » Recensione libri » Recensione: “La prima volta per sempre” di Sarah Morgan – Serie Puffin Island #1

Recensione: “La prima volta per sempre” di Sarah Morgan – Serie Puffin Island #1

 

Trama

È un’estate di prime volte per Emily Donovan. Nel momento in cui mette piede sul traghetto che la porterà a Puffin Island insieme alla nipotina di cui ora si deve prendere cura, le è ben chiaro in mente che niente sarà più come prima e che la sua vita sta per cambiare drasticamente. Come potrà tenere al sicuro una creatura così fragile e indifesa come la piccola Lizzy? E come riuscirà a convivere con il panico irrazionale che l’assale di fronte all’oceano, dovendo vivere su un lembo di terra che ne è completamente circondato? Eppure, inspiegabilmente, l’isola comincia a operare la sua magia ed Emily, respiro dopo respiro, riscopre sicurezza, fiducia e serenità. E un uomo che le fa battere forte il cuore.
A Ryan Cooper basta un solo sguardo per capire che la nuova arrivata nasconde più di un segreto in quegli occhi bellissimi e guardinghi, e meno ancora per riconoscere che l’alchimia tra lui ed Emily è fortissima. E pericolosa. Eppure il carismatico proprietario del locale yacht club sa di non avere scelta. Negare l’attrazione tra di loro è solo una perdita di tempo. Meglio abbandonarsi alla corrente di desiderio e vedere dove li porterà.

Recensione

Serena: descrive come mi sono sentita alla fine di questo libro; curiosa: la sensazione provata per l’attesa del prossimo.
Iniziando la lettura mi sono soffermata sulla forza dimostrata da Emily nel portare la propria nipotina su un’isola, nonostante lei abbia il terrore dell’acqua, solo per proteggerla; poi mi sono arrabbiata e avrei voluto prenderla a schiaffi per dei comportamenti che ho ritenuto del tutto irrazionali, irragionevoli e da debole. Infine, di nuovo, ho cambiato opinione in un’altalena di emozioni e pensieri, attraverso i quali sono arrivata ad amare tutti i personaggi:
Lizzy, una bambina che nonostante la giovane età, sei anni, ha già provato sulla propria pelle il dolore e la paura.
Emily, una zia che non ha mai conosciuto la nipote fino a quando non ne è diventata la tutrice, e che si è costruita una vita razionale, prevedibile e sicura, quasi priva di amore, se si escludono le sue due migliori amiche, che sono state anche la sua famiglia.
Ryan, un uomo legato alla sua famiglia e alla sua casa, ma che da esse è scappato perché soffocato dalle responsabilità che lo hanno travolto troppo giovane, per poi tornare a cercarvi rifugio nel momento del bisogno.
E ancora tanti co-protagonisti affascinanti e intriganti come Kristi, che ha il pallino delle anime gemelle; Alec, affascinante, cinico e disilluso amico di Ryan; Agnes, nonna di Ryan; Rachel, sorella di Ryan; Lisa, proprietaria di una gelateria su Puffin Island; Skylar e Brittany, amiche-sorelle onorarie di Emily; e così tutti coloro che hanno reso la storia VERA.
Vera perché la storia di Ryan ed Emily, con i loro problemi, paure, sicurezze, insicurezze, attrazione, amicizia e amore diventa tangibile proprio perché i protagonisti sono circondati da un caleidoscopio di personaggi che rende la loro realtà credibile e varia.
Ryan è sensazionale, macho al cento per cento eppure dolcissimo con la piccola Lizzy, amorevole e protettivo con la sorella e la nonna, ed inesorabilmente attratto da Emily. La cerca, la desidera e allo stesso tempo non si vuole far “intrappolare” in nulla di serio, anche se, nonostante ci provi, lo vediamo sempre più coinvolto.
Emily è insicura, ecco la prima parola che mi viene in mente quando penso a lei, poi la si vede sbocciare, acquistare sicurezza e decisione; affronta e supera le sue paure ed inizia ad amare la piccola Lizzy e anche Ryan. Sull’isola, finalmente, può rinascere e sentirsi amata.
La loro storia è tenera, divertente, romantica: tutti e due hanno un passato che li ha colpiti in modo profondo e negativo e che ha forgiato il loro presente e la loro personalità. Insieme riescono a superare i dubbi e le incertezze e reinventarsi un futuro insieme.
Non so se sono riuscita a farvi capire tutto ciò che mi ha trasmesso il libro, però sono convinta che quando una storia ti cattura, nel bene o nel male, e ti fa immedesimare nei personaggi, ha raggiunto il suo scopo. Romance puro, ogni tanto ci vuole!

Fiamme-Sensualità-Medio NUOVA

Recensione a cura di: Cassiopea

Editing a cura di: Fiordiluna

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

Lascia un Commento