Home » Recensioni: serie TV e Film » Le pagelle di CAP: Riverdale Stagione 3

Le pagelle di CAP: Riverdale Stagione 3

Le pagelle di CAP arrivano veloci veloci a rinfrescare questa estate già un po’ torrida per alcuni di noi! La nostra CAP ha deciso di raccontarci un po’ cosa pensa della terza stagione di Riverdale …in modo un po’ diverso dal solito. Non fatevi ingannare però…perché CAP premia e CAP punisce 🤣

Progetto grafico a cura di Vita Firenze

Contiene spoiler, oscenità e parolacce

Le pagelle di CAP

Un paese di persone problematiche, dove il più sano ha ucciso la nonna e ne ha mangiato il corpo (non è successo veramente, ma potrebbe, non sarebbe per niente fuori luogo.)

Troviamo droghe leggere e pesanti, prostituzione, famiglie con estremo disagio, mafia e corruzione. Mancava la setta satanica e, infatti, in questa stagione eccola qua.

Passiamo ora ai personaggi principali.

Archie Andrews: Archie finisce in prigione grazie al padre di Veronica, ma il ragazzo dietro le sbarre impara la legge del più forte. Esce e prende tutti a cazzotti per esorcizzare i demoni che si porta dentro. Dà un sacco di botte a tutti e molti gli spaccano la faccia. Il suo corpo si rigenera per magia, infatti il suo viso passa da pesto modello Rocky Balboa ‘86 a pulizia viso dell’estetista nel giro di un’ora. Mi convince ma non troppo. 6

Fred Andrews (Luke Perry): per noi sarà sempre Dylan, e poche storie. Luke è passato da ragazzino esuberante di Beverly Hills 90210 a padre di Archie in Riverdale. Sempre sul pezzo, adatto al personaggio e mai stonato, Fred ci ha convinto moltissimo. 8 pieno.

Cheryl Blossom: ogni serie ha una pazza. Quella di Riverdale è Cheryl. Figlia di una donna comprata per essere sposa bambina del fratello adottivo, è cresciuta nella follia. Eterna reginetta con manie di protagonismo, alterna stadi maniacali a momenti di grande utilità. 7 e mezzo.

Alice Cooper: madre dannosa fino all’inverosimile. Dopo aver cacciato di casa la figlia maggiore incinta, procura un sacco di guai a tutti; salta qua e là cercando il modo migliore di far danni. Alla fine, si lascia irretire da una setta e tratta Betty come uno zerbino molto vecchio e usato. Le ripulisce il conto corrente per dare tutto alla setta e vende la casa di proprietà, lasciandola di fatto in mezzo alla strada. Solo alla fine ha un accenno di umanità e capiamo alcune cose (resta comunque odiosa per aver fatto l’invasata per tutta la stagione.) 5

Veronica Luna/Lodge: in eterna lotta per portare il padre mafioso sulla retta via, a volte scende a compromessi per non farsi gabbare dal genitore. Molto amica di Betty, le dimostra lealtà a costo della vita. 7 e mezzo.

F.P. Jones: con un passato turbolento come il suo non si capisce come sia passato da re dei Serpents a sceriffo, ma tant’è. Come tutore della legge perde qualche colpo, in compenso come ex re lascia che chiunque calpesti la sua banda. Ha seminato figli ovunque e ora, com’era prevedibile, spuntano fuori. 6

Betty Cooper: Betty ha un lato oscuro che le fa mettere una parrucca e torturare stupratori, ma a noi non dispiace per niente. Suo padre si veste di nero per trucidare la gente e cerca di ucciderla più volte.

Ha a che fare con una madre invasata, il suddetto psicopatico, una sorella plagiata dalla setta… povera Betty, non sappiamo come faccia a essere ancora sana di mente.

A volte, nel tentativo di salvare tutti, appare un po’ troppo insistente e compie scelte che nella realtà l’avrebbero portata a morire almeno una dozzina di volte, ma qui siamo a Riverdale, quindi tutto okay. Sta con Jughead e se lo bomba almeno tre volte a puntata (ti stimiamo, sorella). 8 pieno.

Jughead Jones: è il narratore onnisciente della serie, scrive per passione e passa il suo tempo a pestare sui tasti di una vecchia macchina da scrivere. Inutile dire che noi lo amiamo.

Ha raccolto l’eredità del padre ed è diventato re dei Serpents (non sappiamo come, vista la sua pucciosità, ma noi lo amiamo). Ha una madre che fa la tenerona solo per coprire il fatto che si è data allo spaccio.

Parte del suo fascino è dovuta al fatto che quando non veste la sua pelle, SOLO la sua pelle, indossa una giacca scura, oppure una camicia fichissima portata attorno ai fianchi. Qualunque altra persona sembrerebbe uno che esce da un turno di dodici ore da un lavoro pesante, ma lui è fichissimo.

La berretta? Uguale! Chiunque sembrerebbe Cucciolo dei sette nani. Lui sembra un dio greco. Saranno quegli occhi dal taglio allungato o il fatto che cerchi di salvare sempre tutti.

Tant’è. Sta con Betty, e nonostante i molti problemi che assillano entrambi non scoppiano, non si tradiscono e non cominciano coi tira e molla che cavano la voglia di vivere e di seguire una serie. Ho già detto che noi lo amiamo? 8 pieno, come per la nostra Betty.

Per ora è tutto, restate con noi per una nuova pagella!

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

StaffRFS

Lascia un Commento