Home / Interviste inedite perRFS / Intervista a Sherrilyn Kenyon

Intervista a Sherrilyn Kenyon

Benvenuta su Romanticamente Fantasy e grazie del tempo che ci dedica

 

sherrilyn kenyon

 

Come è nata l’idea d’adoperare eroi e dei della mitologia nei suoi romanzi?
R) E’ cominciato tutto quando ero in quarta superiore ed ho scoperto la Teogonia di Esiodo. Fui istantaneamente catturata dal modo in cui scriveva della nascita degli Dei, e come una bambina pensavo che sarebbe stato incredibilmente divertente creare un pantheon tutto mio.
Poi, quando arrivai al college, ho fatto un sacco di lavori per pagarmi la retta e l’affitto. Uno dei quali era un posto di redattore di una piccola rivista fantascientifica. Visto che non avevamo molti abbonati, il mio capo volle che io creassi una serie ad episodi da poter pubblicare sulla rivista, e che si sperava potesse attirare abbastanza la curiosità dei lettori per convincerli ad abbonarsi. Gli chiesi se potevo scrivere di vampiri, e non dimenticherò mai i suoi occhi che si alzavano al cielo. “Lo sai che siamo una rivista di fantascienza, vero?” “Lo so. Ma posso scrivere di vampiri?”
image
Scosse la testa e mi disse che avrei potuto scrivere di grasse fatine volanti che lavorano come sosia di Elvis se questo avesse aiutato ad avere più abbonamenti.
Quindi ho cercato di inventarmi qualcosa. Il giorno dopo, stavo lavorando su di un articolo per un altro giornale per cui lavoravo, e stavamo pubblicando una serie sulle leggende di Halloween (era Ottobre). Come parte dell’articolo, dovevo intervistare un mio professore ed aggiunsi il commento che tutte le mie ricerche sull’origine delle leggende sui vampiri mi portava fino all’antica Grecia, ma che nessuno aveva ancora inserito quel particolare in qualche romanzo. Visto che Apollo era il Dio delle maledizioni e delle pestilenze, ma conosciuto come Dio solare, non sarebbe stato il più adatto ad arrabbiarsi ed a condannare un’intera razza al vampirismo? Specialmente quando la sua sorella gemella è una Dea della caccia associata alla luna? La domanda non dovette neppure uscire dalla mia bocca, ed io pensai … “Ehi, questa la devo scrivere!” Dopo l’intervista tornai al mio dormitorio, ed invece di scrivere l’articolo, comincia la mia prima storia breve sui Dark Hunters, che fu pubblicata nel 1985.

D) A quale personaggio dei Dark Hunters è più affezionata?

R) A tutti loro indistintamente. Loro sono i miei amici e la mia famiglia, ed amo ognuno di loro, anche quelli cattivi.

 

D) Cosa ne pensa di tutte le sue fan che si fanno tatuare il simbolo dei cacciatori oscuri ?
imageR) Non potrò mai dimenticare la prima volta che ho visto un tatuaggio dei Dark Hunters. Era subito dopo la pubblicazione del primo romanzo, ed io stavo partecipando ad un incontro per firmare i miei libri insieme ad altri autori. Ci stavamo sistemando, quando una delle addette alla libreria venne correndo verso di me. Io pensavo che volesse dirmi che avevo sbagliato posto e che dovevo spostarmi. Invece disse, “Ehi, ho qualcosa che devo farle vedere.” E cominciò a togliersi i pantaloni.
La mia bocca si spalancò mentre pensavo, “Um, non sono sicura di volerlo vedere.”
Prima che potessi dire qualunque cosa, lei espose l’anca, ed eccolo lì. Il primo tatoo dei DH. Allora ed adesso, mi stupisco se penso che qualcuno oltre a me tiene così tanto a questa serie da imprimere permanentemente il loro simbolo sul proprio corpo.
Quando ci penso, mi vengono le lacrime agli occhi e non vorrei mai smettere di vederli. Io spero soltanto di non deludere mai questi leali fan per non farli pentire di essersi marchiati. ☺

D) Ti saresti mai aspettata di avere tutto questo successo anche in Europa?

R) Per natura, tutti gli scrittori sono sognatori, e c’è una parte in ognuno di noi che lo sogna. Vorremmo essere tutti come la grande J.K. Rowling – attraversare culture e continenti e toccare tutti i cuori e le menti. Ma no, non credevo che potesse essere niente più che un sogno. Ti nuovo, mi stupisce e sono molto grata a chi mi pubblica all’estero ed ai traduttori che lavorano così diligentemente e fiduciosamente sui libri. Parlo abbastanza lingue per sapere quanto sia un lavoro difficile quello che fanno. Ma soprattutto, sono grata a tutti i fan che si dedicano ai libri. Di certo io non potrei fare tutto questo senza di voi. Grazie!

D) Dato che ha scritto anche libri Romance ci viene spontaneo chiederle se le piace più il genere fantasy o romance…

R) Io credo che entrambi siano parte integrante dell’umanità. Una delle difficoltà che ho trovato durante le pubblicazioni, era che i miei libri non calzavano precisamente in nessun genere. Per me, tutte le opere di narrativa sono libri relazionali. Le nostre relazioni con estranei, conoscenti, collaboratori, amici, familiari ed amanti. Ci formano e ci definiscono, e quando vanno male creano dei grandi conflitti. Visto che ho sempre scritto di persone e delle loro situazioni, non c’è differenza tra le due cose nella mia mente.

 

D) Ogni autore immagina i personaggi dei suoi libri con volti di attori, lei, nella serie dei dark hunter a chi li abbinerebbe ?

R) Stranamente, non ne ho nessuno. Li ho sempre visti come persone a sé stanti nella mia mente, e sono unici. Per il sito, cerchiamo persone che siano simili a loro, ma nessun attore rispecchia l’immagine che io ho di loro.

D) Ci sarà un libro su Simi? Potrebbe fare coppia con NickimageR) Questo dipende da Acheron … è un tantino iperprotettivo ed ancora non la lascia uscire molto. Spero un giorno di poter scrivere la sua storia. In un modo o nell’altro, sarà interessante. E per Nick, non posso negare o confermare nulla.

 

D) Che cosa le piace di più della sua professione?

R) Poter fare ogni giorno quello che pagherei volentieri qualcun’altro per potermelo lasciar fare.

.
D) Fra i romanzi che ha scritto, qual é il suo preferito?

R) Tutti. Non potrei scegliere tra i miei libri il preferito come non potrei scegliere un figlio favorito. Come i miei bambini, ho delle relazioni diverse con ogni libro, ma si equivalgono nel mio cuore. Rispetto i miei fan e lettori troppo per scegliere un libro che non è in assoluto il mio lavoro migliore. Se non li adorassi, come potrei aspettarmi che loro facciano lo stesso?
piace di più del nostro paese?

R) Non l’ho fatto, ma vorrei molto. L’incredibile storia e la squisita bellezza dell’Italia è il motivo per cui sono stata attirata all’antica Roma ed agli Etruschi fin dal principio. Penso che sia il Latino che l’Italiano siano due delle lingue più belle al mondo. Ho imparato il Latino per poter leggere Ovidio e Catullo in lingua originale. In più, sono di religione Cattolica, ed ho sempre desiderato fare un pellegrinaggio. Il mio rosario è stato in Vaticano ed è stato benedetto con l’acqua santa, una gentilezza di una famiglia che lo ha visitato, ma io non ci sono ancora andata. Ho provato a convincerli a nascondermi tra i bagagli, ma non hanno cooperato. Siccome il mio figlio maggiore ama la storia Romana ed il Rinascimento Italiano almeno quanto me, speriamo di fare un viaggio nel prossimo anno o due.

D) Nick sarà protagonista di un suo libro anche nella serie Adult o sarà relegato a personaggio secondario/antagonista nella saga Dark Hunters?
image
R) Prenderà un ruolo più prominente nei libri che arriveranno, ma non posso dire nulla senza fare spoiler.

D) Gli avvenimenti delle Cronache di Nick avranno delle conseguenze sulla storyline della serie dei Dark Hunters?

R) Alcune risposte le troverete nel libro dopo Retribution.

D) Si è ispirata a qualcuno per il personaggio di Acheron?

R) Me lo hanno chiesto spesso, e la risposta è no. E’ uno dei miei personaggi più vecchi che è stato con me la maggior parte della mia vita. Ho cominciato a scrivere un suo prototipo quando avevo nove anni. Era uno dei miei amici immaginari quando ero una ragazzina.

D) C’è una scrittrice/scrittore Fantasy che lei apprezza? Se si quale e perché?

R) Amo tutti gli autori. Ho avuto un’infanzia piuttosto difficile e non sarei sopravvissuta se non fossi fuggita nel modo della narrativa. Durante gli anni, ce ne sono stati molti che ho letto e riletto. Jim Butcher, Tolkien, Carol Nelson Douglas, e naturalmente, le più grandiose storie fantasy di tutti i tempi – gli eroi Greco Romani. Vai Enea, Romolo e Remo, Ettore ed Ulisse!

D) I suoi protagonisti maschili sono frutto della sua immaginazione o prende ispirazione da persone reali?

R) Tutti I miei personaggi sono frammenti della mia immaginazione. Ho sempre detto che nessuna delle persone che conosco è così interessante. ☺

 

D) Per quanto riguarda le altre serie da lei scritte e il manga dei Dark Hunters, c’è la possibilità che vengano tradotti e pubblicati in italiano?

R) Mi piacerebbe molto. Ma per adesso, non ci sono piani al riguardo.

D) Non è mai stata contattata per trarre dai libri dei Dark Hunters una serie televisiva o un film? Nel caso le piacerebbe?

R) Mi piacerebbe molto vederli sia sul grande schermo che sul piccolo, e magari come anime. Saremmo interessati, ma siccome il loro mondo è così diverso da ogni altro e molto vasto, quello che ha parlato con noi non era molto sicuro di come potrebbe realizzarlo. Ho avuto lo stesso problema con New York e con il fare stampare i libri. Ci ho messo una decina d’anni prima di trovare un editore disposto a pubblicarmi.

D) E’ stato un piacere averla con noi grazie ancora per la sua disponibilità

R) Prego! Grazie a voi per avermi permesso di essere qui. Lo apprezzo molto e vi ringrazio molto per il vostro tempo ed il vostro duro lavoro.

baby.ladykira

Avatar
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Intervista esclusiva per Romanticamente Fantasy a Thea Harrison

Cari lettori di Romanticamente Fantasy, se amate il ...