Home » Inediti in Italia » Inediti in Italia: Release Week Blitz “The Harder You Fall” di Gena Showalter – The Original Heartbreakers #3

Inediti in Italia: Release Week Blitz “The Harder You Fall” di Gena Showalter – The Original Heartbreakers #3

We are absolutely thrilled to bring you the Release Week Blitz for Gena Showalter’s THE HARDER YOU FALL! Being released today, this fantastic contemporary romance in the Original Heartbreakers series is a scorching tale featuring an aloof bad boy and the rowdy Southern belle who rocks his world, published by HarlequinHQN! Order THE HARDER YOU FALL from the links below! And don’t miss the sexy excerpt we have for you below!

 

The Harder You Fall - cover

Amazon * Kindle * Barnes and Noble * Nook * Book Depository * Powells * iBooksBAM * Kobo * IndieBound

 

Excerpt_NUOVO

Jessie Kay smiled, but the amusement didn’t last long. “You must hate that I’ve been with them.”

“I hate the thought of you with anyone else and for a while, I thought I’d grow to resent the two for putting their hands on my woman. But now I realize it simply doesn’t matter. They are the past, and I am the present.”

“Your woman,” she whispered, as if she couldn’t believe he’d said the words. “The future.” Gulping, she turned in her seat to fully face him. “How did Monica know you want to pretend I’m a human buffet?”

West gripped the steering wheel more tightly. “I told her.”

A moment passed in silence. A moment he lacked any kind of heartbeat, the stupid organ waiting for a reason to beat.

“I want you, too,” she admitted. “You know I do. But I won’t do anything about it because I expect long-term and you insist on two months.” A heavy pause. “Right?”

His body reacted to her words—I want you, too—growing hot and hungry, his heart now racing as an insatiable need for relief plagued him. “Right.” He couldn’t over look his reasons for keeping this particular schedule. Not even for Jessie Kay. It would be an insult to Jase and Tessa, even Beck. It would be an insult to the pain they’d suffered on his behalf.

“Why?” she asked. “Why do you insist on two months? Tell me. Please.”

“Not yet.” He’d have to tell her sooner or later, he saw that now, but as for tonight, there’d been enough turmoil. “If we can’t be together, you have to help me resist you. Tell me all the horrible things you’d do if we were involved. Cling? Demand to know every detail about my rotten childhood?”

For a long, silent moment, she peered at him with yearning and hope, and it tore him up inside. He didn’t think there could be anything worse—until both emotions were eclipsed by resolve.

“I would cling so hard,” she finally said. “I would ask a million questions about not just your childhood but your day, everyday, and if I thought, even for a second, you’d looked at another woman, I would punish you by refusing to sleep with you. For a week!”

“You mean you would punish yourself. But keep going. This is helping.” Was it though? He wasn’t disturbed by the thought of her questions and her punishment. He was intrigued.

“I would take horrible advantage of you,” she said.

Again, he was intrigued. “Give me an example.”

“Well, for starters, I would expect you to trade cars with me.”

“Why?”

“Because any boyfriend of mine would insist I drive the safer vehicle.”

Guess who would soon be getting a new—safer—car all her own?

But she wasn’t done. “And I hope you like your girlfriends in baggy shirts and sweatpants. The moment I have you nailed down,I’ll stop putting any effort in to my appearance.”

He gave a mock shudder.

“And despite your obvious aversion to gift-giving, I will expect a present for every anniversary. And,West? I believe every week together is a new anniversary.”

The thought utterly terrified him.

The one gift he’d given his mother, she’d pawned. The first gift he’d given to a foster mother hadn’t compared to the gifts she’d received from her own children. She’d proudly displayed theirs, and his—a drawing he’d slaved over—had ended up in the trash with the wrapping paper.

“Your turn to help me.” Jessie Kay waved her hand at him. “Tell me the horrible things you’d do to me.”

He brought her hand to his mouth, and licked between her knuckles. One taste. Just one…“I’d have a schedule drilled into your head by the end of the first day.”

“Nothing new there.”

“If you were a minute late to anything, I would pencil in a lecture and a spanking.”

Her exaggerated gasp caused his lips to twitch at the corners. She placed her free hand over her throat, saying, “You’re such a beast! Yes, I would deserve and welcome the spanking. But the lecture? Cruel and unusual. How long would it last?”

“Hours.”

She tsk-tsked. “I hate to break it to you, sugar bear, but I wouldn’t hear a word. I’d be too busy day dreaming about the joys of single life.”

“Don’t kid yourself, kitten. I’d deliver the lecture naked. You’d only want more of me, not less.”

Goosebumps broke out over her skin. “What else?”

“I would demand to be the center of your world.” He never had before, but with her, he was certain he’d make an exception. “Every minute of every day would be long to me. I would expect you in my bed every night and in my arms every morning. I would have you so often and so hard you wouldn’t be able to breathe without thinking of me.”

Another moment passed in silence. Another moment without a heartbeat.

He reached the house, parked in the driveway.

“Horrible,” she finally said, her voice little more than smoke—smoke that drugged him…lured him deeper into her spell.

He shook as he got out of the car, walked around and opened her door. “I need another reason. Now.”

She stood before him, looking up at him with luminous eyes. “I would demand a hug at least ten times a day.”

He didn’t have to fake a shudder this time. “I hate hugs. I never know how long or tight to hold on.”

“Well, I can fix that in a jiff.” She stepped closer to him, stepped into him, winding her arms around his waist and pressing her cheek against his chest, where his heart drummed a thousand beats a minute. “Hold on until I say stop.”

He obeyed without thought, wrapping his arms around her and clinging.

“Tighter,” she said. “Good. That’s good.” A tension-laden pause. “Miserable yet?”

“Beyond,” he whispered.

“Good. Now run your fingers through my hair.”

It was a dangerous game, the most dangerous one they’d ever played, and it utterly defeated the purpose of what they were trying to do. Still he ran his fingers through the silken strands of her hair, and she sighed with contentment.

“Jessie Kay.” A heated rasp.

She looked up, pressed a gentle kiss into his lips.

The contact, even as brief as it was, obliterated whatever armor he’d had around his mind…his heart? His every hidden desire was suddenly on display, like exposed nerve endings, raw and sensitive.

Suddenly he couldn’t breathe. He lowered his head and pressed his lips against hers, stealing her breath when she opened for him.

Their tongues rolled together, soft and slow, and the incredible taste of her nearly unmanned him: the sugar that was a steady part of her diet laced with a hint of cinnamon. Two flavors he would forever associate with home…home…for the first time in his life, he felt as if he was home.

“Jessie Kay.” As good as the kiss was, it had nothing to do with passion. Not in this stolen moment. Every stroke and thrust somehow deepened the emotion between them. She branded him. She took him to a place where the past no longer existed. There was only here and now, and they were the only two people alive.

“West,” she gasped—then she pushed him away.

They stood at arm’s length, both of them panting.

Goal: Get her back in his arms. Without her, he had no anchor. He was set adrift, the past threatening to intrude.

He reached for her, but she sidestepped him. Can’t let her get away.

He caged her against the car to prevent an escape, and as she trembled, he cursed. He wasn’t this man. Needy and clingy—desperate.

“N-now that we got that out of our systems,” she said, unable to look him in the eye, “the wanting should end.”

“Yes,” he croaked. “The wanting should end.”

Please. Let it end.

 

The Harder You Fall - RWB teaser 1 

Blurb_NUOVO

THE HARDER YOU FALL Synopsis:

From New York Times bestselling author Gena Showalter comes another scorching Original Heartbreakers tale featuring an aloof bad boy andthe rowdy Southern belle who rocks his world…

Millionaire video-game creator Lincoln West has a dark and tragic past. The sought-after bachelor lives by a rigid schedule and a single rule—one relationship per year, lasting no more than two months. No exceptions. When he gave up the big city for a small town, he hoped to escapethe worst of his memories—until a brash beauty dredges up long-buried emotions.

A reformed party girl, Jessie Kay Dillon is determined to walk the straight and narrow. But her love-hate sizzle with West is just too irresistible. They can’t be near each other without tearing off their clothes, but the last thing she needs is to be his next two-month dump. Will she becomethe one exception? Because as any former girl-gone-wild knows: rules are made to be broken.

 

“Emotional, heart-tugging, kept me turning the pages!” —Carly Phillips, New York Times Bestselling Author

Add it to your Goodreads Now!

 

 

And Don’t Miss the First Books in the Original Heartbreakers Series!

The Closer You Come -cover

THE CLOSER YOU COME

The Hotter You Burn - cover

THE HOTTER YOU BURN

 

 

The Harder You Fall - RWB teaser 2

 

About the Author rfs 1

Gena Showalter - author picAbout Gena Showalter:

Gena Showalter is the New York Times and USA TODAY bestselling author of the spellbinding Lords of the Underworld and Angels of the Dark series, two young adult series–Everlife and the White Rabbit Chronicles–and the highly addictive Original Heartbreakers series.  In addition to being a National Reader’s Choice and two time RITA nominee, her romance novels have appeared in Cosmopolitan (Red Hot Read) and Seventeen magazine, she’s appeared onNightline and been mentioned in Orange is the New Black–if you ask her about it, she’ll talk for hours…hours!  Her books have been translated in multiple languages.

She’s hard at work on her next novel, a tale featuring an alpha male with a dark side and the strong woman who brings him to his knees. You can learn more about Gena, her menagerie of rescue dogs, and all her upcoming books at genashowalter.com or Facebook.com/genashowalterfan

 

Website ** Facebook ** Twitter **  Novel Goodreads ** Author Goodreads

 

InkSlinger-Blogger banner-New

Estratto_NUOVO

Jessie Kay sorrise, ma il suo divertimento non durò a lungo. “Devi odiare il fatto che io sia stata con loro.”
“Odio il pensiero di te insieme a qualcun altro e per un certo periodo, avevo pensato che avrei cominciato ad avercela con loro due per aver posato le mani sulla mia donna. Ma ora mi rendo conto semplicemente che non importa. Sono il passato, mentre io sono il presente.”
“La tua donna,” sussurrò lei, come se non riuscisse a credere alle sue parole. “Il futuro.” Prendendo fiato, si girò nel sedile per fronteggiarlo. “Come faceva Monica a sapere che hai intenzione di utilizzarmi come un banchetto vivente?”
West strinse il volante con più forza. “Gliel’ho detto io.”
Trascorsero un momento in silenzio. Un attimo durante il quale il cuore di lui aveva cessato di produrre qualsiasi tipo di battito, quell’organo stupido stava aspettando una ragione per tornare a farlo.
“Ti voglio anch’io,” ammise lei. “Lo sai che ti voglio. Ma non farò niente al riguardo, perché cerco una cosa a lungo termine e tu insisti solo perché duri due mesi.” Una pausa pesante. “Vero?”
Il suo corpo reagì alle parole di lei – ti voglio anch’io – diventando eccitato e impaziente, il suo cuore adesso correva come se lo avesse assalito un insaziabile bisogno di trovare sollievo. “Giusto.” Non poteva ignorare le ragioni che gli facevano mantenere quella particolare scadenza. Neanche per Jessie Kay. Sarebbe stato un insulto verso Jase e Tessa e anche Beck. Sarebbe stato un insulto al dolore che avevano sofferto a causa sua.
“Perché?” chiese lei.”Perché insisti solo su due mesi? Dimmelo. Ti prego.”
“Non ancora.” Presto o tardi avrebbe dovuto dirglielo, adesso lo capiva, ma per questa sera ci sarebbe stata abbastanza confusione. “Se non possiamo stare insieme, devi aiutarmi a resisterti. Dimmi tutte le cose più orribili che faresti se fossimo insieme. Un aiutino? Chiedimi di sapere ogni più piccolo dettaglio della mia infanzia disastrosa.”
Per un lungo, silenzioso attimo, lei lo guardò con desiderio e speranza, e questo lo lacerò nel profondo. Non credeva ci potesse essere niente di peggio – fino a che entrambe le emozioni furono accantonate dalla risolutezza di Jessie Kay.
“Sarei asfissiante,” disse infine, “ti farei un milione di domande non solo sulla tua infanzia, ma sulla tua giornata, ogni giorno, e se pensassi che, anche solo per un secondo, hai guardato un’altra donna, ti punirei rifiutandomi di venire a letto con te. Per una settimana!”
“Intendi dire che puniresti te stessa. Ma vai pure avanti. È d’aiuto.” Lo era? Non era disturbato dal pensiero delle sue domanda e della punizione. Ne era intrigato.
“Mi approfitterei di te in modo orribile,” continuò lei.
Ancora era intrigato.”Fammi un esempio.”
“Beh, per iniziare, mi aspetterei che tu facessi a cambio di auto con me.”
“Perché?”
“Perché qualsiasi mio ragazzo insisterebbe che io guidassi un auto sicura.”
Indovina chi avrebbe ricevuto presto una nuova – più sicura – macchina tutta per lei?
Ma non aveva finito. “E spero ti piacciano fidanzate che indossano magliette sformate e pantaloni della tuta. Nel momento in cui ti avrò catturato, la smetterò di spendere sforzi per il mio aspetto.”
Fece finta di essere scosso da un brivido.
“E nonostante la tua nota avversione nel fare regali, mi aspetterei un regalo per ogni anniversario. E West? Io credo che ogni settimana trascorsa insieme sia un nuovo anniversario.”
Il pensiero lo lasciò completamente terrorizzato.
L’unico regalo che aveva dato a sua madre, lei lo aveva impegnato. Il primo regalo che aveva dato alla sua madre adottiva non aveva retto il confronto con quelli che aveva ricevuto dai suoi figli naturali. I loro li aveva messo in mostra orgogliosa, mentre il suo – un disegno sul quale aveva lavorato sodo – era finito nella spazzatura insieme alla carta regalo.
“È il tuo turno di aiutarmi.” fece segno Jessie Kay con la mano. “Dimmi le cose più orribili che mi faresti.”
Avvicinò la mano di lei alla sua bocca, leccandola tra le nocche. Un assaggio. Solo uno… “Alla fine della prima giornata ti avrei già riempito la testa con un programma completo.”
“Non è niente di nuovo.”
“Se tu fossi in ritardo anche solo un minuto su qualsiasi cosa, ti farei una ramanzina e ti sculaccerei.”
Lei emise un suono scandalizzato, esagerato, che gli fece accennare un sorriso. Appoggiò la mano libera sul collo, dicendo, “Sei una tale bestia! Sì, meriterei e accoglierei con gioia una sculacciata. Ma la ramanzina? Crudele e inusuale. Quando durerebbe?”
“Ore.”
Tossicchiò. “Mi spiace doverti dare questa notizia, orsetto zuccheroso, ma non ascolterei una sola parola. Sarei troppo impegnata a fare sogni ad occhi aperti sulla vita da single.”
“Non illuderti gattina. Ti impartirei la ramanzina nudo. Vorresti solo di più da me, non meno.”
Sulla sua pelle comparve la pelle d’oca. “Cos’altro?”
“Pretenderei di essere al centro del tuo mondo.” Non lo aveva mai fatto prima, ma con lei, era certo che avrebbe fatto un’eccezione. “Ogni minuto di qualsiasi giorno apparterrebbero a me. Mi aspetterei di averti nel mio letto ogni notte e tra le mie braccia ogni mattino. Ti prenderei così spesso e intensamente che non saresti in grado anche solo a respirare pensando a me.”
Un altro momento passò in silenzio. Un altro momento senza che il cuore battesse.
Aveva raggiunto la casa, parcheggiò nel viottolo.
“Orribile,” disse lei infine, la sua voce sottile, poco più di un sussurro – un sussurro che lo drogava… lo catturava facendolo cadere più a fondo nel suo incantesimo.
Riuscì a riscuotersi mentre usciva dall’auto, facendo il giro per aprirle la portiera.”Ho bisogno di un’altra ragione. Adesso.”
Era ferma davanti a lui, che lo guardava con i suoi occhi luminosi. “Ti chiederei di abbracciarmi almeno dieci volte al giorno.”
Non dovette fingere di rabbrividire questa volta. “Odio gli abbracci. Non ho mai saputo quanto debbano essere lunghi o quanto bisogna stringere.”
“Beh, posso aggiustare questa cosa in un lampo.” Fece un passo in avanti, andando contro di lui, allacciando le sue braccia intorno alla vita di lui, appoggiando la guancia contro il suo petto, dove il cuore gli batteva a mille battiti al minuto. “Stringimi fino a quando ti dico basta.”
Obbedì senza pensarci, avvolgendola con le sua braccia, stringendo.
“Più forte,” disse lei. “Bene. Così va bene.” una pausa carica di tensione. “Ancora preoccupato?”
“Di più,” mormorò lui.
“Bene. Adesso fai scorrere le dita fra i miei capelli.”
Era un gioco pericoloso, il più pericoloso che avessero mai fatto e all’improvviso aveva abbattuto la finalità di quello che avevano cercato di fare. Eppure fece scorrere le dita tra le ciocche di seta dei suoi capelli e lei sospirò per la contentezza.
“Jesse Kay.” Un rauco sussurro.
Lei guardò in su e appoggiò un dolce bacio sulle sue labbra.
Il contatto nonostante fosse stato breve, aveva spazzato via tutte le armature con le quali West aveva circondato la sua mente… Il suo cuore? Il suo desiderio più nascosto era all’improvviso in bella mostra, come se avesse esposto le sue terminazioni nervose, a nudo e sensibili.
Tutto a un tratto non riusciva più a respirare. Abbassò il capo e appoggiò le labbra sulle sue, rubandole il respiro quando si aprì per lui.
Le loro lingue si unirono, piano e con delicatezza e l’incredibile sapore di lei quasi gli fece perdere il controllo: lo zucchero, che era una parte consistente della sua dieta, si fondeva con una punta di cannella. Due essenze che avrebbe associato alla parola casa… casa… Per la prima volta nella sua vita si sentiva come se fosse a casa.
“Jesse Kay.” Nonostante fosse un buon bacio, non aveva niente a che vedere con la passione. Non in questo momento rubato. Ogni tocco e affondo aveva reso più profonda l’emozione tra di loro. Lo aveva segnato. Lo aveva portato in un luogo dove il passato non esisteva più.
C’erano solo “qui” e “adesso” ed erano le uniche due persone ad essere in vita.
“West,” disse senza fiato – poi lo spinse via.
Rimasero uno di fronte all’altro, a mezzo metro di distanza, entrambi con il respiro affannoso.
Obiettivo: Riaverla tra le sue braccia. Senza lei, non aveva un ancora. Era abbandonato alla deriva, con il passato che minacciava di intromettersi.
Allungò un braccio verso di lei, ma Jessie Kay si scostò. Non poteva lasciarla andare via.
La imprigionò contro la macchina per prevenire una sua fuga e mentre lei tremava, West imprecò.
Non era questo genere di uomo. Bisognoso e appiccicoso – disperato.
“A-adesso che abbiamo provato come potrebbe essere,” disse lei, incapace di guardarlo negli occhi, “il desiderio dovrebbe finire.”
“Sí,” rispose lui con voce rauca. “Il desiderio dovrebbe finire.”
Ti prego. Fai che finisca.

 

“Lei era la luce che lo conduceva fuori dall’oscurità – West”

Trama
Dalla scrittrice di bestseller del New York Times Gena Showalter arriva un’altro racconto appassionato dagli Original Heartbreakers, dove compaiono un cattivo-ragazzo impassibile e una scalmanata bellezza del sud che sarà in grado di cambiargli la vita.
Lincoln West è un creatore di video-game milionario, con un passato tragico e oscuro. È lo scapolo più ambito, ma vive con scadenze rigide e una sola regola: una sola relazione all’anno, che non duri più di due mesi. Nessuna eccezione.
Quando abbandona la metropoli per una piccola cittadina, lo fa con la speranza di sfuggire ai suoi terribili ricordi, fino a quando una impetuosa bellezza riporta a galla emozioni che aveva seppellito da molto tempo.
Jessie Kay Dillon, è un ex festaiola che ha messo la testa a posto, ed è determinata a mantenere la retta via. Ma l’amore-odio bruciante che prova per West è irresistibile. Non possono stare l’uno vicino all’altra senza finire con lo strapparsi i vestiti di dosso, ma l’ultima cosa di cui lei ha bisogno è di essere la sua prossima “mollata-dopo-due-mesi”. Sarà in grado di diventare l’unica eccezione? Perché come sa ogni ex ragazza-ribelle: le regole sono fatte per essere infrante.
Emozionante, toccante, mi ha costretto a girare le pagine una dopo l’altra!” Carly Philips, autrice di bestseller del New York Times

“Lui era un drogato e lei era divenuta la sua scelta di droga – West”
Biografia

Gena Showalter è l’autrice dell’affascinante serie bestseller “The Lords of the Underworld” per il New York Times e USA Today (serie pubblicata in Italia come “I Signori degli Inferi”), delle serie “Angels of the Dark”, e di due serie young adult “Everlife” e “The White Rabbit Chrinicles” e della serie che crea dipendenza “The Original Heartbreakers”. Oltre ad essere stati scelti dal National Reader’s Choice e nominate due volta ai RITA, i suoi libri romance sono apparsi nei giornali Cosmopolitan (Red Hot Read) e Seventeen, ha partecipato a Nightline ed è stata nominata in Orange is the New Black – se glielo chiederete, ve ne parlerà per ore… e ore! I suoi libri sono stati tradotti in diverse lingue.
Sta lavorando duramente al suo prossimo romanzo, una storia in cui compaiono un uomo alfa con un lato oscuro e una donna forte che lo metterà in ginocchio. Potrete conoscere di più su Gena, sul suo gruppo di cani “trovatelli” e le sue prossime pubblicazioni su genashowalter.com o Facebook.com/genashowalterfan
Traduzione amatoriale a cura diAyliss72

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS