Home / Inediti in Italia / Inediti in Italia: Recensione “Bound by Sin” di Jacquelyn Frank – Immortal Brothers #3

Inediti in Italia: Recensione “Bound by Sin” di Jacquelyn Frank – Immortal Brothers #3

 

La serie “Immortal Brothers” di Jacquelyn Frank è inedita in Italia ed è composta da quattro libri, pubblicati dalla Ballantines Books.

Cursed by Fire #1, pubblicato nel mese di febbraio 2015

Cursed by Ice #2, pubblicato nel mese di marzo 2015

Bound in Sin #3, pubblicato il 29 settembre 2015

Bound in Darkness #4, pubblicato il 24 novembre 2015

Trama

Dall’autrice di best-seller del New York Times Jacquelyn Frank arriva un romanzo pieno di passione dalla sua nuova ed eccitante serie che ha per protagonisti quattro fratelli guerrieri immortali il cui destino è legato a loro stessi quanto alle loro stelle.

Dopo essere rimasto incatenato ad una stella a bruciare all’infinito come punizione per aver derubato gli dei dell’immortalità, Jaykun viene liberato per condurre una guerra al fianco dei suoi fratelli, in nome di una dea. La sua libertà ha, però, un prezzo da pagare: ogni notte Jaykun dovrà continuare a soffrire, il suo corpo continuerà a bruciare dal suo interno. Una mattina presto, mentre si sta riprendendo dal suo tormento, incontra una bellissima sconosciuta sulla spiaggia. Nuda dalla cima dei suoi capelli, scuri come la notte, fino alla punta delle sue dita piene di sabbia, che si avvicina a lui con ingenua innocenza e il corpo inequivocabile di una donna adulta.
Ben presto Jaykun viene travolto con la forza di una cometa, il suo desiderio per lei è più incandescente di qualsiasi sole. I suoi fratelli temono sia accecato dalla raggiante bellezza della ragazza e che lei sia stata mandata dal loro nemico per sedurlo e distruggerlo. Jileana proviene davvero da un altro mondo, uno che Jaykun non riuscirebbe nemmeno ad immaginare. Sarà in grado la loro passione di brillare così forte, da illuminare la loro strada attraverso l’oscurità che minaccia di consumare tutto quello che incontra sul suo cammino?

 

Recensione

Bound by Sin è il terzo e penultimo libro della serie Immortal Brothers di Jacquelyn Frank, che racconta le vicende legate a quattro fratelli che dopo aver sfidato l’ira degli dei, bevendo l’acqua di una fontana che li ha resi immortali, si ritrovano affrontare una terribile punizione: ognuno di loro è condannato per l’eternità a subire una forma di tortura diversa dal tramonto al sorgere del sole. Chi è condannato ad ardere vivo, chi invece a trasformarsi in una statua di ghiaccio vivente e così via, per poi guarire grazie alla propria immortalità e dover riaffrontare, la notte successiva, di nuovo il proprio destino.
Il protagonista di questo racconto è Jaykun, il più piccolo dei fratelli, il quale per non far infuriare ulteriormente la Dea Weysa, che tiene nelle sue mani il destino suo e dei fratelli, accetta di assumere il comando dell’armata guidata prima dai fratelli. La loro missione è di conquistare nuove città, dove poi costruire templi in onore della dea del conflitto per mantenere vivo il suo culto.
Questo è, forse, il libro che mi è piaciuto un po’ meno rispetto agli altri.
L’ambientazione è affascinante e particolare, tra mitologia e in un certo senso fiaba, visto che la protagonista femminile, Jileana, è una creatura del mare, una selkie (simile ad una sirena).
Il suo personaggio mi è piaciuto molto per la sua spontaneità, il suo spirito avventuroso, che la induce ad attraversare un portale che fa da tramite tra il suo mondo e quello degli umani. Vuole provare a sperimentare quella libertà che le è negata dalla sua famiglia. È una creatura molto aperta e in un certo senso ingenua, ma allo stesso tempo testarda quando si mette in testa un obiettivo.
È affascinata da Jaykun e dopo aver assistito al suo più grande segreto, averlo visto mentre si trasforma in una torcia umana, è una delle poche persone in grado di dargli conforto con la sua compagnia.
Jaykun, che da tempo si dedica anima e corpo al suo compito di combattente, per una volta decide di lasciarsi andare e vivere quest’avventura “coi giorni contati” insieme a Jileana, per poi tornare alla sua missione di conquistatore.
Inizialmente la storia è abbastanza incentrata sulla loro attrazione fisica e sull’entusiasmo di Jileana nello scoprire tutto il possibile sul mondo degli umani. Successivamente è Jaykun ad avventurarsi nel mondo di Jileana, per tentare pacificamente di convincere l’imperatrice dell’isola dei selkie a costruire dei templi in onore di Weysa.
Non posso dire che il libro non mi sia piaciuto in modo assoluto, all’inizio mi sono divertita molto nel conoscere Jileana e vedere le sue reazioni abbastanza inusuali, mentre viveva la sua avventura, ma poi ho trovato la storia un po’ troppo ripetitiva nei suoi dialoghi e la trama abbastanza monotona, cosa che mi ha rallentato alquanto nella lettura del libro.
Jaykun stesso non mi ha colpito molto come personaggio, rispetto ai suoi fratelli, non è scattata nessuna scintilla per lui.
Il primo libro della serie mi era piaciuto molto, il secondo abbastanza, questo, invece, è un “ní”.
Sono, però, curiosa di leggere il libro conclusivo della serie, sull’ultimo dei quattro fratelli immortali per scoprire la sua storia e il suo destino e, soprattutto, vedere cosa avranno in serbo gli dei per tutti loro.
Fiamme-Sensualità-hot NUOVE
Recensione a cura di Ayliss72
Editing a cura di Maria

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione inedito: “Bound by Flames” di Jeaniene Frost (serie Night Prince #3)

Care Fenici, oggi La Min ci parla di “Bound ...