Home / BDSM / Inediti in Italia: Book Tour “Subordination di Katie Ashley

Inediti in Italia: Book Tour “Subordination di Katie Ashley

Are you ready to submit in Subordination by Katie Ashley!

NOW AVAILABLE

Amazon US

Amazon UK

  subordination cover Blurb_NUOVO When Sophie Jameson first became a domme at Club 1740, it was more out of financial necessity than it was for personal pleasure and sexual exploration. But over the years as she rocked her leather corsets and boots while wielding every crop and flogger imaginable, she grew to love the thrill and adulation that her clients brought her. But all along, her path in life and her heart was with a different profession—one she was planning to embark on at the summer’s end. And then he changed everything. Tall, dark, impossibly built—William was the complete opposite of whatever image a male sub conjured up. After all the subs, Sophie finally felt true lust and desire. Although he was the proud stallion who needed breaking, he became the one to make her break all her rules and let down all her walls. But it was just supposed to be for that one night, but an accidental encounter days later outside Club 1740’s protected walls had the two seeing each other in a different light—as simply Sophie and William, not Domme and sub. While they should have parted ways, they couldn’t. While they should never have gone back to her place, they did. And that simple mistake has a serious price for both of them.   SUBORDINATION TEASER   Excerpt_NUOVO My steps faltered as I did a double take at the sight of what appeared to be a shirtless and shoeless Henry Cavill standing before me. The idea wasn’t entirely far-fetched since we’d had a few celebrities in the club. But as one of the strobe lights flickered to illuminate more of his face, I realized he was just a look-alike. His hair was lighter while his eyes were dark brown, rather than blue. He was impossibly tall, and I couldn’t help staring at his muscular chest with its dusting of dark hair that led to an oh-so-happy trail that ended at the low hanging waistband of his jeans. He had an aura of importance about him, and I couldn’t help wondering who he was in real life. He held my gaze for a moment before averting his eyes to the ground. “Good evening, Mistress.” A submissive? I would have never imagined it in a million years. Even though I knew from my own clients that submissive men weren’t simpering pussies, there was something about this man that screamed dominant. Of course, the fact he was shoeless should have given his sub status away, but he wasn’t wearing a collar. A prime piece of submissive man like this usually belonged to someone. And if he didn’t, he would normally be snatched up by a domme practically before he got through the door, least of all across the dance floor. I couldn’t help wondering what his story was. More than anything, I wondered what it might be like to have a session with him. I so rarely took anyone on outside my usual clients. But it might be something fun for my last night in the club. To test his true submissiveness, I commanded, “Look at me.” He jerked his gaze from my boots to meet mine. “Are you looking to play tonight?” “Yes, I am. And if it pleases you, mistress, I would be honored if you chose me.” His voice. Sweet Jesus, was it was panty-melting. It totally went with his body—strong, firm, and deep. Although he had answered my question well, I still had my doubts. With all the strength I had, I reached out to firmly slap his cheek. The resounding smack echoed around us. A man playing at being a sub would have a distinct reaction. His eyes would darken with the rage seething within him at being treated so disrespectfully. Oh, but not him. His face remained impassive. Yet at the same time, he shuddered, and his dark eyes flashed with a combustive mix of lust and desire. His reaction caused moisture to pool between my thighs. He reminded me of our horses back on the farm. He was a spirited stallion who needed a firm hand to break him, and damn me to hell if I didn’t want to be the one to do it. Wanting to build the anticipation, I patted his cheek where I had previously slapped him. “I’ll think about it.” “Yes, Mistress.” He bowed his head before backing up. Damn, someone had truly trained him well. I stepped past him to head to the bar. My mouth had run dry, and I desperately needed a drink. SUBORDINATION TEASER 2   Review_NUOVO It’s an understatement to tell the presentation of “Subordination” had me intrigued, along with his teaser and plot. I was curious to read a book with a Domme for protagonist with a male sub , the premises were very tempting. Ms Ashley’s story amazed me, it’s a bit unusual, different from what I expected, but very nice and well written and above all: THERE IS a story, it isn’t only an erotic novel with lots of sex and little else. I think I can say the beginning is very very hot, given the opportunity and the place where William and Sophie meet, it’s her last day of work as Domme in the club 1740, while he is a sub ostracized in the club from his former Domme, a revenge. Sophie, aka Mistress Juliette, decides to enjoy her last night, letting herself go and she chooses him to play with,  thanks to his appearance who doesn’t go unnoticed. I would say: “never say one-night stand”, because fate always puts a hand in these cases. A few hours after their session as D/s, the two meet each other in the real life, in a completely different and easy occasion and things between them begin to take an unexpected turn. Unexpected because Sophie became a professional Domme just for financial need and in her love life she has never had relations that imply BDSM practices. William is a real sub and I have to say because of him, now I see with different eyes the person man/sub. Sophie is confused by the attraction she feels for him, her life is already very complicated because of her father’s health problems, and she’s close to realize her dream to begin teaching and she is literally overwhelmed by the arrival of William in her life. I loved how the author created the character of Sophie, a very young girl, who makes a lot of mistakes in her relationship with William, she always fails to maintain strictly the role of Domme with him, because that is not part of her life at 100%, but at the same time is a tough girl, who faces several adversity and she has been able to take the reins of her life in the hands and get out big time, she’s also very impulsive and very funny. William is definitely irresistible when he teases and provokes Sophie, but I really loved him when I found out the real man he is, behind the sub. He wants to establish a bond with Sophie, not only a fling, he desires to know her, and he really want to help her with the weight of Sophie’s family burdens, he wants to make her happy , and he does everything to break down barriers that Sophie tries to build up to keep him away . As I said the beginning of the book is definitely hot, there are many scenes where they unleash their passion, and everything is described explicitly and contain BDSM practices, but then the sex goes almost into the background, leaving room for their love story that seems to meet many obstacles since from the beginning and becomes a true challenge for Sophie and William. I really loved Sophie’s father , an amazing character, who despite his illness, did not lose an ounce of his fighting spirit as a real Cowboy and who deeply loves his children and he proves it in any way possible, he is the real spirit that unites their family and thanks to him there were moments in the story very moving.

RATING: 4 STARS

    katie ashley bio About the Author rfs 1 Katie Ashley is a New York Times, USA Today, and Amazon Best-Selling author. She lives outside of Atlanta, Georgia with her daughter, Olivia, and her two very spoiled dogs. She has a slight obsession with Pinterest, The Golden Girls, Harry Potter, Shakespeare, Supernatural, Designing Women, and Scooby-Doo. With a BA in English, a BS in Secondary English Education, and a Masters in Adolescent English Education, she spent 11 1/2 years educating the Youth of America aka teaching MS and HS English until she left to write full time in December 2012. Twitter Facebook Goodreads Amazon Page | Pinterest

GIVEAWAY Kindle (Standard) with Coach Case a Rafflecopter giveawayShare link: http://www.rafflecopter.com/rafl/share-code/MDk5NjRmMDM5ZDM4YTBjYWM0YzAyYzM0NGI2ODRhOjc3Ng==/?

 

Usai il frustino per stuzzicargli l’ombelico. I suoi addominali si contrassero involontariamente al contatto e le braccia tirarono contro la fune. Quando la sua erezione si scontrò con il frustino, ne sfiorai la punta, provocando un sibilo da parte di William.

“Giù ragazzo,” dissi.

Trama Quando all’inizio Sophie Jameson divenne una Dominatrice al Club 1740, era stato più per una necessità finanziaria che per il proprio piacere o per un’esplorazione riguardo al sesso. Ma col passare degli anni sfoggiando corsetti di pelle e stivali mentre maneggiava ogni tipo di frustino e flogger immaginabili, ha cominciato ad amare l’eccitazione e l’adulazione che i suoi clienti le hanno portato. Ma allo stesso tempo il suo percorso nella vita e nel suo cuore era legato a una professione differente – una che stava programmando di abbracciare alla fine dell’estate. E poi lui cambiò tutto. Alto, tenebroso, incredibilmente muscoloso – William era il completo opposto di qualsiasi immagine a cui si potesse pensare per un maschio sottomesso. Dopo tutti gli altri sottomessi, finalmente Sophie provava passione e desiderio. Anche se era lui lo stallone orgoglioso che aveva bisogno di essere spezzato, era diventato l’unico che le aveva fatto infrangere tutte le sue regole e facendo cadere le sue barriere. Doveva essere solo una notte, ma un incontro accidentale alcuni giorni dopo, al di fuori dei muri protetti del Club 1740, ha permesso ad entrambi di vedersi sotto una luce diversa – semplicemente come Sophie e William, non Dominatrice e sottomesso. Anche se si dovevano separare, non sono riusciti a farlo. Anche se non sarebbero mai dovuti andare a casa di lei, lo hanno fatto. E quel semplice errore ha un grave prezzo per entrambi.

Estratto_NUOVO I miei passi incespicarono mentre lanciavo una seconda occhiata a quello che mi stava davanti, che sembrava essere un Henry Cavill senza maglietta e senza scarpe. L’idea non era completamente senza senso, visto che avevamo diverse celebrità nel club. Come una delle luci stroboscopiche guizzò illuminandogli di più il viso, mi accorsi che era solo una somiglianza. I suoi capelli erano più chiari, mentre gli occhi erano castano scuri, invece che blu. Era incredibilmente alto e non potei fare a meno di fissare il suo petto muscoloso con un accenno di peluria scura che che si dirigeva come una traccia molto-felice che andava a finire fino alla vita bassa dei suoi jeans. Aveva un’aura di importanza intorno a lui e non potei fare a meno di chiedermi chi fosse nella vita reale. Sostenne il mio sguardo per un momento prima di abbassare gli occhi verso terra. “Buonasera, Mistress.” Un sottomesso? Non lo avrei mai immaginato nemmeno tra un milione di anni. Sapevo grazie ai miei stessi clienti che gli uomini sottomessi non erano leziose femminucce, ma c’era qualcosa riguardo quest’uomo che gridava dominante. Certo, il fatto che fosse senza scarpe avrebbe dovuto far capire il suo status di sottomesso, ma non stava indossando un collare. Un pezzo di prim’ordine di sottomesso come questo di solito apparteneva a qualcuno. E se non lo era, sarebbe stato catturato da una Dominatrice ancora prima che avesse varcato la porta, o per lo meno una volta arrivato sulla pista da ballo. Non potei fare a meno di chiedermi quale fosse la sua storia. Più di tutto, mi domandai come sarebbe stato avere una sessione con lui. Prendevo raramente qualcuno al di fuori dei miei clienti abituali. Ma sarebbe stato qualcosa di divertente da fare per la mia ultima nottata al club. Per testare la sua reale sottomissione, comandai. “Guardami.” Alzò di scatto il suo sguardo dai miei stivali per incontrare il mio. “Sei alla ricerca di qualcuno per giocare stanotte?” “Sì. E se le facesse piacere, sarei onorato di essere scelto.” La sua voce. Cristo Santo, era in grado di far scogliere le mutandine. Completamente in accordo col suo corpo – forte, ferma e profonda. Anche se aveva risposto bene alla mia domanda, avevo ancora i miei dubbi. Con tutta la forza che avevo, allungai una mano per schiaffeggiare in modo fermo la sua guancia. Il rumore sonoro riecheggiò intorno a noi. Un uomo che facesse finta di essere sottomesso avrebbe avuto una reazione distinguibile. Gli occhi si sarebbero incupiti per la rabbia provata dentro di lui per essere stato trattato in modo così irrispettoso. Oh, ma non lui. Il suo viso era rimasto impassibile. Eppure allo stesso tempo, era stato attraversato da un brivido e i suoi occhi scuri si erano accesi in un mix esplosivo di eccitazione e desiderio. La sua reazione mi fece eccitare e mi bagnai tra le gambe. Mi ricordava i nostri cavalli alla fattoria. Era uno stallone pieno di spirito che aveva bisogno di una mano ferma per essere domato e dannata io se non volevo essere l’unica a farlo. Volendo far aumentare l’anticipazione, gli diedi una piccola pacca sulla guancia che avevo schiaffeggiato in precedenza. “Ci penserò sopra.” “Sí, Mistress.” Si inchinò prima di tirarsi indietro. Dannazione, qualcuno lo aveva addestrato proprio bene. Lo oltrepassai per dirigermi verso il bar. La mia bocca era diventata arsa e avevo disperatamente bisogno di un drink.

“Non sono mai stato legato con una fune.”

Sorrisi. “Uno vergine della fune? Fortunata me.”

“Sono sicuro ad essere io quello fortunato.”

“Lo vedremo, bel ragazzo,” dissi pensierosa.

Recensione Dire che la presentazione di “Subordination” mi aveva intrigato, insieme ai suoi teaser e alla trama è un eufemismo. In questo caso ero curiosa di leggere un libro con una Dominatrice per protagonista e un sub, le premesse erano molto allettanti. La storia raccontata da Ms Ashley mi ha stupito, l’ho trovata un po’ insolita, diversa da come l’aspettavo, ma molto bella e ben scritta e soprattutto: C’È una storia, non si riduce solo a un romanzo erotico con molto sesso e poco altro. Credo di poter dire che inizialmente il libro è molto molto hot, vista l’occasione e il luogo dove si incontrano William e Sophie. Per lei è l’ultimo giorno di lavoro come Dominatrice al Club 1740 e lui è un sub a cui è stata fatta terra bruciata intorno dalla sua ex Domme, che per vendetta ha deciso di rendergli la vita difficile. Sophie, alias Mistress Juliette, decide per una serata di lasciarsi un po’ andare e sceglie proprio lui, che certo grazie al suo aspetto non passa inosservato. Mi verrebbe da dire: mai dire one-night stand o avventura di una notte, perché il destino ci mette sempre lo zampino in questi casi. A poche ore dalla loro sessione D/s i due si rivedono nella vita reale, in un occasione completamente diversa e innocua e le cose tra di loro cominciano a prendere una piega inaspettata. Inaspettata perché Sophie è una divenuta una Domme professionista solo per necessità finanziarie e nella sua vita sentimentale non ha mai avuto relazioni che implicassero pratiche BDSM, William invece è un sub a tutti gli effetti e devo dire che mi ha fatto vedere con occhi diversi la persona uomo/sub. Sophie è confusa dall’attrazione che sente per lui, la sua vita è già molto complicata a causa dei problemi di salute del padre, sta per realizzare il suo sogno di cominciare a insegnare e viene letteralmente travolta dall’arrivo di William nella sua vita. Mi è piaciuto molto come l’autrice ha creato il personaggio di Sophie, una ragazza molto giovane, che in questa sua relazione con William fa i suoi sbagli, non riesce sempre a mantenere un ruolo di Domme con lui, perché quello non fa parte di lei al 100%, ma al tempo stesso è una ragazza forte, di carattere, che di fronte alle avversità ha saputo prendere le redini in mano della situazione e uscirne fuori alla grande ed è anche molto impulsiva e divertente. William all’inizio è irresistibile per come stuzzica e provoca Sophie, ma mi ha colpito molto di più quando ha cominciato a vedersi l’uomo dietro il sub, come vuole stabilire un legame con Sophie che vada bel oltre a una relazione occasionale, il sui desiderio conoscerla davvero, di volerla aiutare a sostenere il peso della situazione familiare di Sophie e renderla felice, fa di tutto per abbattere le barriere che Sophie tenta di costruire per tenerlo lontano e diventa decisamente irresistibile quando stuzzica e provoca Sophie. Come ho detto l’inizio del libro è senz’altro hot e molte scene in cui si scatena la loro passione sono descritte in modo esplicito e contengono pratiche BDSM, ma poi questo passa quasi in secondo piano, per lasciare spazio alla loro storia d’amore, che sembra incontrare per la strada molti ostacoli, sin dall’inizio e diventa per Sophie e William una vera e propria sfida. Ho amato molto il padre di Sophie, un personaggio stupendo, che nonostante la sua malattia, non ha perso un briciolo del suo spirito combattivo da vero cowboy, e che ama profondamente i suoi figli e glielo dimostra in tutti i modi, è il vero spirito che unisce la loro famiglia e grazie a lui nel racconto ci sono stati dei momenti molto commoventi. Fiamme-Sensualità-Super-Hot NUOVA     Biografia Katie Ashley è un’autrice di best-seller per il New York Times, USA Today e Amazon. Vive fuori Atlanta, in Georgia con la figlia, Olivia, e due cani molto viziati. Ha una discreta ossessione per Pinterest, The Golden Girls, Harry Potter, Shakespeare, Supernatural, Designing Women e Scooby Doo. Con una laurea in Letteratura Inglese e una in Insegnamento della Scuola Secondaria e un Master in Educazione Adolescenziale, ha trascorso undici anni e mezzo ad insegnare alla Gioventù d’America, scienze e letteratura inglese, fino a quando ha smesso per scrivere a tempo pieno nel dicembre 2012.   Traduzione amatoriale a cura diAyliss72

baby.ladykira

Avatar
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione inedito: “Bound by Flames” di Jeaniene Frost (serie Night Prince #3)

Care Fenici, oggi La Min ci parla di “Bound ...