Home » Recensioni: serie TV e Film » Il calendarfilm dell’avvento: Ventidue Dicembre “Ghost”

Il calendarfilm dell’avvento: Ventidue Dicembre “Ghost”

 

 

 

Genere: Drammatico

Titolo originale: Ghost

Uscita: 1990

Nazionalità: USA

Durata: 116′

Regista: Jerry Zucker

Cast: Patrick Swayze, Susan Breslau, Martina Deignan, Rick Aviles, Vincent Schiavelli, Angelina Estrada, Armelia McQueen, Gail Boggs, Vivian Bonnell, Christopher J. Keene, Stanley Lawrence, Phil Leeds, Demi Moore, Whoopi Goldberg, Tony Goldwyn

 

La vita di Sam e Molly sembra un tranquillo susseguirsi di rassicurante routine quotidiana: i due, che si sono trasferiti a New York per convivere, sono felici e innamorati. Un’armonia che viene distrutta quando Sam muore, in seguito a una colluttazione finita male durante una rapina.

 

Molly è sconvolta dalla morte dell’amato, di cui non riesce a farsi una ragione. Sam dal canto suo si è risvegliato fantasma e ha rinunciato al paradiso per poter continuare a proteggere Molly. Scopre chi lo ha ucciso, e scopre anche con rammarico che il mandante della rapina in cui è morto è il suo amico Carl.

 

Sam infatti faceva il banchiere, e si era per caso imbattuto in 4 milioni di dollari della mafia nascosti in alcuni conti che aveva bloccato con una password. Carl, cercando quella password, aveva assoldato un rapinatore per venire in possesso del portafogli di Sam, ma la rapina era finita come sappiamo.

 

Sam allora cerca l’aiuto di una “truffatrice” di nome Oda Mae, che è in realtà una vera sensitiva. Cerca di avvisare Molly tramite lei del pericolo che corre, ma nessuno crede alle parole della donna. Solo quando Sam imparerà a muovere gli oggetti, finalmente Molly capirà di non essere sola.

(Fonte: PianetaDonna)

 

 

 

Questo film è il film romantico per eccellenza,  qui l’amore supera la morte stessa.

Tutti, anche chi non l’ha mai visto, conoscono la scena del vaso di terracotta, in cui  Sam e Molly modellano la creta abbracciati sulle note di “Unchained melody”: un momento intriso di tenerezza e sensualità, dove il brano musicale si rivela fondamentale per il climax.

È un film profondo commovente ed estremamente divertente.

L’ interpretazione di Whoopi Goldberg è (parola di Fiammetta, mia madre) da Oscar, e l’attrice dà vita a un personaggio esilarante e fintamente superficiale.

La forza dell’ amore è ciò che riscatta tutto.

Sam e Molly si amavano indubbiamente moltissimo, ma Sam non ha mai detto : “Ti amo”, quando lei glielo diceva, si limitava a rispondere: “Idem”. Questo tra loro era diventato un codice e, proprio grazie a questo, un’ Oda Mae perplessa (Sam le dice di dirlo a Molly)  riesce a far capire alla ragazza che non sta cercando di prenderla in giro.

Nel film ci viene spiegato come non solo il male non paga, ma ti si ritorce contro.

Un film da vedere e rivedere, tocca tutta la tavolozza delle emozioni, si piange si ride e ci si commuove per il grande amore che viene narrato.

 

 

Eve

Eve

Lascia un Commento