Home » Recensioni: serie TV e Film » Il Calendarfilm dell’Avvento -Tredici Dicembre- “Mary Poppins”

Il Calendarfilm dell’Avvento -Tredici Dicembre- “Mary Poppins”

Mary Poppins 1

Bentornate Fenici!

Oggi vi parlerò di un classico film della Disney, un must del periodo natalizio e che tutti nella vita devono aver visto almeno una volta. Mary Poppins.

Trama

Londra, 1906.

Bert è un tuttofare, un giorno il “vento dell’Est” cambia. Vento che secondo lui porterà con sé un cambiamento radicale. In Viale dei ciliegi 17, c’è la famiglia Banks. Il capofamiglia, George gestisce casa e famiglia con il pugno di ferro e, tutto deve funzionare perfettamente.

All’ennesima defezione di una delle innumerevoli tate che badano ai figli Jane e Michael, è lo stesso George che scrive l’annuncio per cercare la tata giusta. Lo farà lui dato che la moglie Winifred è sbadata e pensa solo alla sua causa, quelle delle suffragette.

Il giorno seguente, ci sono moltissime candidate al ruolo di tata alla porta dei Banks ma un vento le spazza via e arriva Mary Poppins, perfetta sotto ogni aspetto.

Lei ha l’annuncio che i bambini avevano scritto e che il padre aveva strappato, adirandosi. In una inversione di ruoli, è Mary che esamina il signor Banks e sarà lei a decidere se accettare o meno il posto.

In questo periodo di prova, Jane e Michael avranno avventure e giochi fantastici mai visti prima.

“Chi ben comincia è a metà dell’opera” dove Mary intona “Un poco di zucchero” fa riordinare le cose dei bambini.

Faranno viaggi nei disegni di Bert, giocheranno su una giostra, Mary e Bert andranno in un bar, serviti da pinguini ballerini, parteciperanno a una strana caccia alla volpe e a una corsa di cavalli dove lei arriverà prima.

I due bambini si affezionano molto alla tata e vorrebbero che stesse con loro per sempre ma Mary dice loro che quando il vento cambierà, dovrà andare via. I bambini conosceranno anche lo zio di Mary, Albert e con lui prenderanno un tè sul soffitto.

Ma al signor Banks non piace questo modo di educare i suoi figli. Vorrebbe che avessero un’educazione ferrea e rigida. Mary gli suggerisce di portare i bambini con lui in banca, dove lavora. Davanti alla cattedrale di St Paul c’è la signora dei piccioni, una delle tante storie che Mary aveva raccontato ai bambini. Michael vorrebbe darle i due penny risparmiati, ma il padre glielo impedisce. Quei soldi verranno messi in banca.

I bambini, spaventati per l’avidità e i modi bruschi degli impiegati e del direttore della banca, scappano. Vengono ritrovati da Bert che ora fa lo spazzacamino. Con Mary vivranno un’altra meravigliosa avventura assieme ad altri spazzacamini.

L’episodio in banca porta al licenziamento di Banks il quale, una volta avuti quei due penny, capisce che la cosa più importante è ritrovare la gioia e l’affetto dei suoi figli e della famiglia e con quei due penny aggiusterà l’aquilone di Michael e andranno tutti a giocare nel parco. Ci sono anche i dirigenti della banca e reintegrano Banks al suo posto.

Il vento cambia, Mary va via ora che tutto è sistemato. Va dove c’è bisogno di lei, Bert la saluta e spera di rivederla presto.

Scheda Tecnica

Mary Poppins è un film del 1964, diretto da Robert Stevenson e basato sui romanzi di Pandra Lyndon Travers. Questo film fa parte di una trilogia della Disney con “Saving Mr Banks” del 2013 e “il ritorno di Mary Poppins” del 2018 (nulla a che vedere con l’originale anzi, pessimo)

Cast

Julie Andrews: Mary Poppins

Dick Van Dyke: Bert/Signor Dawers sr

David Tomlinson: George Banks

Glynis Johns: Winifred Banks

Hermone Baddeley: Ellen

Karen Dotrice: Jane Banks

Matthew Garber: Michael Banks

Elsa Lanchester: Tata Ketty

Arthur Treacher: agente Jones

Reginald Owen: Amm. Boom

Ed Wynn: zio Albert

Reta Show: Clara Bill

Arti Mlet: Signor Dawers jr

Jane Darwell: vecchietta dei piccioni

Colonna sonora

Scritta da Richard M. Sherman, Robert B. Sherman e Irwin Kostol ha raggiunto la prima posizione della Billboard 200 per quattordici settimane, vincitrice di un Oscar, un Golden Globe e un Grammy Award nel 1965. Miglior canzone originale con Cam-Camini.

Cinque Oscar, a Julie Andrews per miglior attrice protagonista. Miglior montaggio, effetti speciali, colonna sonora e canzone (Chim Chim cher-ee)

Considerazioni

Ooook!

La vostra Mal aspetta ogni anno che venga messo in onda “Mary Poppins”.  So che lo daranno in un modo o nell’altro su qualche rete, durante  il periodo natalizio.

LO AMO!

È uno dei miei film preferiti in assoluto e sfido chiunque a non aver mai cantato almeno una volta le sue canzoni.

Da “Un poco di zucchero”, “Supercalifragilistichespiralidoso” a “Cam caminin” a “Come è bello passeggiar con Mary”. Canzoni indelebili.

Così come la storia. Un uomo, il signor Banks, che vive inquadrato e disciplinato e vorrebbe che anche la sua famiglia lo fosse, ma non può. I bambini sono bambini, solo Mary Poppins li capisce, li istruisce, e fa capire loro di voler bene al loro padre che prima o poi capirà che il mondo non è solo bianco o nero ma che ci sono un’infinità di colori e possibilità.

Mary è quell’aiuto in più, una tata magica che realizza l’impossibile. Altro personaggio importante è Bert, un Dick Van Dyke in forma smagliante che fa numeri di danza fantastici. Un giocoliere.

Mary Poppins è un chiaro esempio di due tecniche cinematografiche unite insieme, classica e animazione in un solo film e il risultato è eccezionale.

Inoltre Mary è il solo è unico film dove ci sono spazzacamini danzanti e tutto il resto. Tutto quello che è venuto dopo non è minimamente paragonabile all’originale. Ve lo consiglio? Si, ovvio!

Questo è un perfetto film di Natale.

Alla prossima!

Un saluto dalla vostra Mal

 

Fulvia Elia

Avatar

Lascia un Commento