Home » Senza categoria » Highlands rivisitate: Sette meraviglie abbandonate della Scozia. -Parte 1-

Highlands rivisitate: Sette meraviglie abbandonate della Scozia. -Parte 1-

Forse c’è qualcosa di particolare nel temperamento Scozzese che spiega la presenza di un così grande numero di meravigliosi ospedali simili a castelli e abbandonati. Un certo apprezzamento per la storia ricoperta da muschio, edera e, inevitabilmente, graffiti, che sono una stridente vista nei muri cadenti delle rurali dimore Gotiche. La Scozia è sede di manicomi abbandonati, stazioni ferroviarie, collegi, residenze lussuose e più di una città fantasma separata dall’isola.

1- Gatloch Insane Asylum, Glasgow

Abandoned-Scotland-Gartloch-Insane-Asylum-1

Abandoned-Scotland-Gartloch-Insane-Asylum-2

Situato al confine orientale di Glasgow, Gartloch Hospital aprì nel 1896 come istituto psichiatrico per persone povere malate di mente (a quel tempo i pazienti non furono descritti così, ma come ‘poveri lunatici’).
Nel 1904 l’ospedale aveva 830 letti ma, al termine della Seconda Guerra Mondiale, Gartloch fu trasformato in un ospedale con servizi medici ed i pazienti psichiatrici vennero trasferiti altrove. L’ospedale chiuse definitivamente nel 1996 e nel 2003 le sue incredibili rovine, simili ad un castello, vennero parzialmente preparate per la trasformazione in appartamenti di lusso.
La maggior parte dell’ospedale fu demolito e molti dei rimanenti elementi architettonici furono trasformati in residenze private, ma alcuni ambienti, come la sala da pranzo e la sala di svago, sono ancora sulla lista scozzese degli ambienti a rischio.

 

2- Botanic Gardens Railway Station, Glasgow

Abandoned-Scotland-Botanic-Gardens-Station-2

Abandoned-Scotland-Botanic-Gardens-Station-1

In profondità, sotto i famosi Giardini Botanici di Glasgow, si trova una stazione ferroviaria solitamente abbandonata, con due piattaforme sotterranee che hanno trascorso gli ultimi 70 anni a decadere, invase da erbacce e ricoperte da graffiti. La stazione ha aperto nel 1896 con molti elogi, in quanto si riusciva a portare carichi pesanti verso un luogo molto utilizzato senza disturbare l’ambiente pittoresco. La stazione vittoriana in mattoni rossi venne chiusa definitivamente ai passeggeri nel 1939 e fu distrutta da un incendio nel 1970. Non c’è traccia della stazione sotterranea al livello del suolo, a parte qualche pozzo di ventilazione coperto di muschio che offre ai potenziali esploratori urbani la possibilità di dare un’occhiata alle gallerie abbandonate sotto. Al momento non ci sono piani di valorizzazione del sito.

 

3- St.  Peter’s Seminary, Cardross

Abandoned-Scotland-Brutalist-Seminary-1

Abandoned-Scotland-Brutalist-Seminary-2

Un esempio impressionante dell’architettura Brutalista che è diventato ancora più notevole, mentre si trasforma lentamente in un monumento scheletrico di cemento nascosto in una foresta troppo cresciuta.
St. Peter Seminary è stato descritto come una delle migliori costruzioni moderniste in Europa ma, fin dal suo abbandono da parte della Chiesa Cattolica nel 1980, è decaduto tra gli “edifici più raccapriccianti della Scozia”.
Gli studenti di Architettura che vogliono dare un’occhiata spesso hanno problemi anche solo a trovarlo nella foresta di più di 56 ettari.
La struttura aprì nel 1966 ma divenne quasi subito antiquata, in quanto la Chiesa Cattolica decise, nello stesso anno, che i preti dovevano essere formati nelle chiese urbane europee piuttosto che in luoghi rurali ed isolati, così non fu mai occupato completamente. Divenne per breve tempo un centro di riabilitazione per drogati, prima di chiudere per sempre. Un nuovo progetto di trasformarlo in un college per le arti e trasformare lo spazio circostante in uno spazio pubblico potrebbe dare speranza per il suo futuro.

 

FONTE: http://weburbanist.com/2013/12/11/haunted-highlands-7-abandoned-wonders-of-scotland/

Traduzione di:

LenaConnolly

Editing:

Babila

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

StaffRFS

Lascia un Commento