Home » Recensione libri » Doppia recensione: “Legami – The Mastered Series #1” di Lorelei James

Doppia recensione: “Legami – The Mastered Series #1” di Lorelei James

Trama

Amery Hardwick, timida ragazza di provincia, è riuscita ad aprire un piccolo studio di grafica a Denver, in Colorado. Concentrata sulla nuova attività, ha poco tempo da dedicare alla sua vita privata. Quando una cara amica si iscrive a un corso di autodifesa, dopo aver subìto un’aggressione, Amery accetta di accompagnarla per esserle di sostegno.
È così che conosce Ronin Black. L’affascinante proprietario del dojo si rivela così attratto da Amery da cominciare a prendersi cura della sua formazione sia in palestra che in privato. Sin dall’inizio, l’enigmatico Ronin cerca di spingere la ragazza oltre i propri limiti finché, incontro dopo incontro, Amery non diventa dipendente da lui e dal piacere che è capace di regalarle. Ma quando inizia a intuire che Ronin le sta nascondendo qualcosa, capisce che deve mettere in dubbio la fiducia che ha riposto in lui, anche se è un enorme sacrificio rinunciare al brivido che le dà sapersi in suo possesso…

Recensione

Legami 1Ho finito di leggerlo alle 2,30 del mattino e posso dire che era da parecchio tempo che un libro erotico non mi prendeva così, non vedo l’ora sapere cosa succede nel prossimo libro. Mrs James è riuscita a creare una trama simpatica, ironica, erotica (moooolto), passionale, intrigante e misteriosa. I protagonisti e i personaggi sono unici con i loro pregi e i loro difetti.
Amery è la figlia di un pastore fondamentalista, cresciuta quindi sotto una morale molto pesante, Ronin… beh lui è un mistero (spero per ora) ma è un maestro di Jujitzu, proprietario di un Dojo e insieme ai due amici Deacon e Knox insegna arti marziali (ma sembra faccia anche altro, chissà mai cosa?). Si incontrano per caso in palestra e già c’è da ridere…

«Qualche problema?», disse lui col suo tono secco e profondo.
«No, signore». Amery tentò di afferrargli il collo, ma era così muscoloso che dovette far scorrere le mani su e giù per trovare una posizione soddisfacente. La sua pelle calda, strofinata, rilasciava un profumo celestiale.
Accidenti. Come poteva profumare così? Non avrebbe dovuto puzzare di sudore e rabbia repressa?
«Hai finito di prendermi le misure per una collana?».
Che sfacciato. «Forse sto prendendo le misure per un cappio».
«Allora dovresti avere una presa più salda».

Si piacciono e così iniziano a frequentarsi, fanno sesso bollente ma… eh già c’è un ma… sto benedetto ragazzo (beh con 38 anni potrei dire uomo anche se si comporta come un ragazzino!) non parla di cosa pensa, di cosa vuole fare, è tutto così misterioso e di conseguenza nascono dei pasticci mostruosi, Amery scopre in maniera non proprio piacevole che lui è un maestro di Shibari, lo pratica e lo insegna. Per chi non lo sapesse lo shibari è il bondage con corde in stile giapponese, una pratica che consiste nel creare legature erotiche  sul corpo di una persona.

Tra le voci del passato e la paura di non avere un futuro, si dimenò così violentemente che la panca cominciò a muoversi.
«Amery, fa’ un respiro profondo».
Si calmò per un istante, prima di accorgersi che quel tono rasserenante faceva parte dei suoi giochetti mentali volti a farle abbassare la guardia. «Perché mi hai legata? Cos’è questo posto? Una stanza segreta delle torture?». Amery sentì un cambiamento improvviso nel comportamento di Ronin. Malgrado implorare non sarebbe servito a nulla, non poté trattenersi dal dire: «Ti prego, non uccidermi»

Riescono a chiarirsi, ma nei giorni successivi  altri “inconvenienti” minano il fragile equilibrio e Ronin non si preoccupa di spiegare cosa succede quindi Amery s’arrabbia e lo lascia.

Era uno stronzo crudele, arrogante. Rigirare le sue parole e costringerla a difendersi perché lui non aveva nessun’altra arma offensiva dalla sua parte.
Allora seguila.
Non era l’orgoglio che gli impediva di muoversi, ma la paura. Una paura fiaccante. Gli anni passati ad allenarsi a difendersi avevano represso qualsiasi cosa somigliasse a una autentica emozione, così come il mantra non far vedere che hai paura con cui aveva convissuto per tutta la vita, e che ora riecheggiava nella sua testa, fino a farla esplodere.

E io? Son rimasta con 3.000 domande !!! ODIO LE TRILOGIE !!! Spero che il secondo volume esca al più presto così da rispondere a tutto ciò che adesso mi frulla per la testa, nel frattempo ve lo consiglio e specifico solo che nel libro (almeno in questo) si parla solo di Bondage, niente BDSM, solo corde molto HOT !!!!

 Recensione a cura di:

Tayla

Editing a cura di:

Mirtilla66

 Recensione

Legami 3Faccio una premessa: adoro questo genere, amo l’erotico molto più del romance che mi sembra sempre troppo lento e leggermente noioso. L’editoria però in questo periodo ha spesso esagerato, e proposto anche in questo campo serie ripetitive e a volte squallidissime. Non è certo questo il caso, per quanto le basi seguano gli standard del genere un lui dominante e una lei felice di sottomettersi, anche se Amery ha decisamente carattere da vendere. Lorelei James imbastisce una storia decisamente avvincente e tratteggia molto bene le personalità dei due protagonisti. Come ho detto Amery è una donna di carattere anche se condizionata da un’educazione bigotta, suo padre è un pastore, che la limita nei rapporti con l’alto sesso. A questo aggiungiamo un ex fidanzato particolarmente insensibile e il gioco è fatto.
Ronin, il Sensei del dojo in cui l’amica di Amery si iscrive per il corso di autodifesa, è l’uomo perfetto per lei. Sotto uno strato di acciaio, uno sguardo impenetrabile, un autocontrollo più che ferreo,  si trova invece un fuoco che aspetta solo di essere liberato. La passione che esplode tra i due è un qualcosa di travolgente sia fisicamente che mentalmente. È travolgente anche per noi lettori, qui il sesso e il bondage che lo caratterizza, non è qualcosa all’acqua di rose come in romanzi precedenti. Ronin è un maestro di corda, un esperto nelle tecniche dello Shibari e kinbaku, uno stile di vita,  un’arte riconosciuta in Giappone, suo paese d’origine. Amery non ha problemi a essere legata, anzi in quelle occasioni sente la propria mente liberarsi, raggiungere un sub spazio in cui è realmente se stessa. Una coppia che appare, insomma, perfettamente integrata, ma… c’è sempre un ma in queste storie. I segreti che circondano la vita di Ronin, il suo volersi staccare da una famiglia che non sente più sua, ma che lo tiene ancora ben stretto, inquinano questo rapporto e la perfezione si allontana rapidamente. I dubbi condizionano Amery e portano a quel finale che noi, poveri lettori, proprio non possiamo accettare, o meglio, potremmo accettare più facilmente sapendo quando avremo il piacere di leggere il seguito, la chiusura della storia che riguarda specificatamente questa coppia. Cara CE so che questi finali fanno vendere e comprendo sia voi che l’autrice, ma pensate anche a noi lettori. Dal momento che la serie in lingua originale è già stata pubblicata, perché prolungare l’attesa a tempo indeterminato?
Quindi posso dirvi che il libro è veramente coinvolgente, passionale e decisamente da leggere per chi ama il genere. Legami  3Mai volgare, la James ha saputo trasmettere la passione che brucia nelle vene dei personaggi senza esagerare, anzi creando un clima di aspettativa che costringe ad una lettura con pochissime interruzioni. Il finale, per quanto “aperto” ci sta tutto nello svolgersi della trama, non facciamoci quindi scoraggiare e fiduciose aspettiamo questo benedetto seguito, tifando spudoratamente per il LUI della situazione.

Recensione a cura di:

Madau

Editing a cura di:

Tayla

Sensualità per entrambe le recensioni:

Fiamme Sensualità super hot

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento