Home / Recensione libri / Doppia recensione: “Lasciati Svelare – Serie: I padroni del piacere #5” di Lynda Aicher

Doppia recensione: “Lasciati Svelare – Serie: I padroni del piacere #5” di Lynda Aicher

Trama

Da quando suo padre l’ha punito severamente dopo averlo visto baciare un ragazzo, a quattordici anni, Rock Fielding si è sempre sforzato di negare l’attrazione che prova per gli uomini. E continua a farlo anche ora che è adulto e ha lasciato l’esercito per lavorare come responsabile della sicurezza al Den, uno dei più trasgressivi sex-club di Minneapolis. Nel corso degli ultimi mesi ha visto migliaia di corpi passare davanti ai monitor della videosorveglianze, eppure nessuno ha mai suscitato in lui le stesse travolgenti emozioni del bellissimo Carter Montgomery. Guardarlo entrare e uscire dal locale insieme ad altri uomini ha risvegliato in lui un desiderio al quale non può e non vuole più resistere, e così un giorno rompe gli indugi e prenota l’affascinante escort per una serata. La sintonia è immediata, l’attrazione bollente… Ma come si superano vent’anni trascorsi a negare la propria vera natura? Serie “I padroni del piacere” – Vol. 5

Recensione

Ho appena chiuso il libro e mi è rimasto uno strano senso di vuoto… Sicuramente Rock e Carter mi mancheranno incredibilmente.
Sto parlando dei protagonisti del libro Lasciati Svelare, quinto libro della serie “I Padroni del Piacere”, quinto si, ma sicuramente il più bello e il più coinvolgente.
Questa scrittrice è stata una scoperta!!! Amo il suo modo di scrivere, amo i suoi personaggi e amo il modo in cui riesce a farteli entrare nel cuore.
In questo libro troviamo amore, paure, dubbi e una tenerezza che ti scioglie il cuore e ti entra nell’anima.
Rock, duro come la roccia, come dice il  nome, e la roccia è proprio il suo scudo, quello che vuol far vedere agli altri è quello che pensa di essere. Quando finalmente ammette al mondo di essere gay, la roccia piano piano si sgretola lasciando vedere il vero Rock, dolcissimo, insicuro e terrorizzato di essere nuovamente solo.
Troviamo poi Carter, escort per professione, spavaldo, sicuro di se e a volte anche arrogante, ma quando si fa quel mestiere, bisogna saper recitare, e quando la recita finisce, Carter si trova a dover fare i conti con dei sentimenti che non ha mai provato, e finalmente la dolcezza che è in lui e tutte le sue incertezze vengono fuori.
L’incontro tra i due è esplosivo fin dall’inizio, ma quello che veramente colpisce è il bene reciproco che si fanno i due protagonisti.
Si salvano a vicenda!!!
Quello che mi piace particolarmente di questa autrice, è il fatto che in ogni singolo libro, anche se tutti autoconclusivi, ritroviamo i personaggi che abbiamo amato nei libri precedenti.
Che dire… questo libro mi ha lasciato il segno, e spero di leggere ancora di loro.
Consiglio? Leggetelo subito!!!

Recensione a cura di:

Samanta

Editing a cura di:

LadyLeonor

Attenzione possibili spoiler

Recensione

Altro capolavoro della signora Aicher. Dopo aver conosciuto Jake, Deklan, Seth, Marcus, adesso è il momento di Rock il capo della sicurezza del Den. Trentaquattrenne, ex militare solitario per scelta, alcuni rapporti veloci con persone incontrate nei bar e qualche relazione con delle donne in gioventù, poi una sera nei monitor del Den vede Lui...Carter e si rende conto che la reazione del suo fisico è potente, dopo vent’anni trascorsi a nascondere la sua vera essenza adesso vuole approfondire. Chiedendo informazioni a Tayler e altre più personali che trova da solo, in quanto è un hacker molto bravo, organizza un incontro.

Aveva condiviso molti pasti con altri uomini nei suoi trentaquattro anni di vita. Non c’era niente di male in due uomini che mangiavano insieme. Ma non aveva mai cenato da solo con un escort a pagamento. Deglutì il nodo che gli aveva reso la gola secca come il deserto. Non era la cena. Era l’intento dietro l’incontro che lo faceva brancolare nel buio. Nessuno l’avrebbe saputo. Mai. Quello era l’obiettivo principale.
Era più sicuro che abbordare uno sconosciuto nel vicolo sul retro di un bar. Il pensiero gli fece puntare lo sguardo sulla linea raggrinzita che gli deturpava il viso in un arco dall’angolo del sopracciglio fino al profilo della mascella. Poiché nel riflesso sul vetro era indistinta, poteva quasi fingere che la cicatrice non esistesse. Tuttavia il ricordo non poteva essere cancellato con altrettanta facilità.

Dopo il primo appuntamento andato purtroppo male, Rock ci riprova. Carter  si rende conto che Rock è velato, non ha esperienza ed ha delle serie difficoltà ad accettarsi, di conseguenza lo tratta come un amico per metterlo a suo agio e dargli la possibilità di fare pace con la sua vera natura; dal canto suo, in un certo senso, anche Carter è velato, non per quanto riguarda la sua sessualità, ma per quanto riguarda il suo lavoro. Carter è un escort da dieci anni ed ha sempre usato una maschera per staccare la parte lavorativa da tutto il resto, quindi rimane spiazzato e impaurito quando si rende conto che con Rock è tutto diverso.

Stare accoccolato a qualcuno era una novità che di rado gli capitava di volere o di godersi. Un abbraccio per il solo piacere di farlo era qualcosa che la gente si dimenticava di apprezzare quando era un’abitudine. Per lui era una gioia rara.
“Grazie!”

A Carter mancano pochi giorni per finire il suo contratto con l’agenzia di escort e deve decidere del suo futuro, intanto la relazione prosegue e frequentandosi iniziano anche a parlare del loro passato: Rock racconta come è stato “beccato” a quattordici anni mentre si baciava con un suo amico e la reazione violenta del padre, mentre Carter racconta il suo coming out a diciotto anni e la reazione dei  genitori che lo hanno sbattuto fuori di casa e quindi come abbia iniziato a prostituirsi.

«Non sapevo cosa volesse dire, ma mi ricordo che guardavo gli altri bambini e mi piaceva quello che vedevo, anche se non ne comprendevo il senso. Sono stato cresciuto nella convinzione che essere gay fosse un male. Vedevo come mio fratello, mio padre e tutti i loro amici prendevano in giro gli uomini gay e io non ho mai desiderato essere il ragazzo che stavano mettendo in ridicolo. Era degradante e non mi sarei mai messo in quella situazione. Non potevo.»
Si aspettò che Carter dicesse qualcosa, ma lui gli diede solo una leggera stretta alla mano.
«Quando sono arrivato alla pubertà, mi sono rifiutato di ammettere quello che provavo. Uscivo con le ragazze, dicevo parolacce e facevo tutte le solite cose da ragazzi. Finché non ho incontrato Nicholas. Avevo quattordici anni.»

In questo libro viene anche affrontato il tema dei gay nelle forze armate, il famoso “Don’t Tell, Dont’ Ask”, in maniera soft, in quanto romanzo, ma se ne parla, e viene affrontato anche il discorso di come ancora oggi le famiglie ripudiano i figli quando si dichiarano gay ed è vergognoso, una frase riassume tutto:

«Essere gay non è una scelta» disse Carter.
«La gente non capisce che la maggior parte di noi non vuole essere gay» dichiarò Carter. «Non lo sceglieremmo mai. Dubito che qualcuno voglia saltare su, urlando: “Scegli me!”, per diventare oggetto di scherno, disprezzo, percosse o addirittura essere ucciso, tutto a causa di chi amiamo. L’unica scelta che abbiamo nell’essere gay è quanto tenerlo nascosto o negarlo.»

Fra la paura di Carter di essere abbandonato e di non saper come affrontare la vita senza un’ entrata sicura seppur svilente come quella di escort e la maggior sicurezza in sè di Brock nel voler affermare quello che ha sempre negato, il racconto finisce in maniera perfetta.

«Ho passato trentaquattro anni a negare chi fossi e a nascondermi.» Rock sospirò e tirò su leggermente con il naso. Abbassò lo sguardo, poi lo riportò sugli occhi di Carter. «Non avevo capito quanto fossi disperato finché tu non mi hai mostrato quanto potessi essere felice. Ti amo, Carter. Grazie.»

Devo riconoscere che tutti i libri della serie mi hanno emozionata, ovviamente in maniera diversa, ma questo mi ha sciolto il cuore… leggere delle paure, dei dubbi, delle insicurezze dei protagonosti e della cattiveria di chi li circonda, sia di chi non ti aspetteresti mai, che dei clienti di Carter, fa nascere un po’ di rabbia, ma nonostante tutto prevale l’amore, per fortuna! Le scene di sesso sono scritte con erotismo dolce, mai volgare (come tutti gli altri). Libro consigliatissimo a chiama il genere, ma dovrebbe essere letto soprattutto da chi dovrebbe capire che le persone non si giudicano da chi frequentano o con chi vanno a letto ma da come si comportano e dalla profondità dei sentimenti.
Detto questo … vi auguro una buona lettura, in attesa del prossimo libro e Benvenuti al Den

Recensione a cura di:

Tayla

Editing a cura di:

Mirtilla66

Sensualità per entrambe le recensioni:

Fiamme Sensualità super hot

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “The Viking Chronicles 2 – L’ascesa” di Andretta Baldanza

AUTORE: Andretta Baldanza EDITORE: Delos Digital GENERE: fantasy ...