Home / Recensione libri / Doppia Recensione: “Lasciati sfiorare” di Lynda Aicher

Doppia Recensione: “Lasciati sfiorare” di Lynda Aicher

Trama

Quinn Andrews è una famosa attrice di Hollywood che ha costruito la sua fortuna sul personaggio di una fanciulla acqua e sapone. Ma per dare una svolta alla propria carriera accetta un ruolo di succube in una nuova serie televisiva decisamente trasgressiva. E quale posto migliore del Den, il famigerato club sadomaso di Minneapolis, per imparare a calarsi in un personaggio che non è nelle sue corde? Ma al Den, si sa, può succedere di tutto…
Quinn viene assegnata al carismatico e sensuale Marcus, un dominatore abituato a tenere saldamente le redini del piacere di chi gli si sottomette. Tuttavia lui trova difficile resistere al fascino enigmatico di quella donna, che rappresenta una sfida a cui non può sottrarsi. Lei è una brava attrice, ma la naturalezza con cui obbedisce alle sue richieste sempre più torbide e provocatorie lo induce a pensare che, nel profondo di sé, Quinn non stia interpretando un ruolo, ma che sia veramente una schiava perfetta… la sua schiava.

Recensione

Finalmente il quarto libro della serie “I padroni del piacere” è arrivato, e proprio come quelli che lo precedono, non delude affatto. In questo capitolo, la Aicher mette come protagonisti il tenebroso, ma affascinante Marcus – che prima d’ora non avevamo avuto modo di conoscere bene – e la bella, nonché talentuosa, Quinn. Due personaggi dal carattere deciso, e per questo gli scontri non mancano insieme alle loro problematiche. Problemi che si rivelano essere anche temi attuali, come i problemi di bulimia avuti da Quinn, le giovani attrici rovinate dall’ambizione di manager e genitori, sogni irrealizzati e così via.
Come i libri precedenti, è un romanzo che non delude nemmeno dal punto di vista di scene erotiche, anzi i momenti erotici che ci sono regalano forti emozioni al lettore. Di fatti, è un libro che a tratti può anche commuovere e sicuramente ci invoglia a continuare a leggere per sapere sempre cosa accadrà.

“Vanessa le posò una mano sulla schiena e Quinn si morse il labbro inferiore per trattenere un altro sussulto. << A proposito>> le sussurrò all’orecchio. << Lui è padron Marcus. Sarà la tua guida e il tuo istruttore per tutta la prossima settimana>> Il cuore di Quinn perse un battito.”

“<<Hai un’ultima possibilità di fermarmi>> l’ammonì, con la bocca sulla sua gola, sentendo che le pulsazioni acceleravano ancora di più. <<Altrimenti sarai la mia schiava.>> Quinn fu scossa da un brivido e gli strinse più forse i fianchi con le cosce. << È  proprio quello che voglio, padrone.>>”

“<< Le impertinenti come te meritano una bella sculacciata.>>
Quinn tornò seria. << E’ un avvertimento anche questo, o una promessa?>>
<<Continua a provocarmi e lo scoprirai.>>”

La storia d’amore tra Quinn e Marcus è ovviamente molto complessa. I due si rendono conto di provare una forte ed inspiegabile attrazione l’uno verso l’altro, e nessuno dei due sa bene come gestire questa situazione. Quinn continua a ripetersi di aver accettato di essere la schiava di Marcus solo per calarsi meglio nella parte assegnatale nel suo prossimo film, mentre Marcus cerca di mantenere le distanze – con ben poco successo – proprio perché sa che il tempo a disposizione con lei è molto limitato. Nonostante tutto però, Marcus sa che Quinn con lui non recita semplicemente come invece lei si ostina a dire e per questo motivo, il suo lato di dominatore cercherà di farle capire chi è lei in realtà. Questo porterà a un lungo tira e molla tra di loro che però aiuterà entrambi a maturare ulteriormente.

“Per la prima volta mentre era sul set non interpretava una parte, non si estraniava da se stessa, ma si stava ritrovando. Sotto i riflettori c’era lei, Quinn Andrews, una succube.”

Sfido inoltre chiunque, a non prendere a calci la madre della ragazza che con la sua avidità nei confronti del successo ha completamente rovinato la vita della figlia, con la solita scusa di pensare di farle un favore. A questo proposito verrà trattato il tema della vita delle star e di che razza di mondo sia quello di Hollywood. Tuttavia tutto è bene quel che finisce bene e dopo vari eventi significativi, di cui non vi parlo perché altrimenti non ci sarebbe gusto, posso dirvi che i nostri due protagonisti creeranno un compromesso e un loro equilibrio, riuscendo finalmente a stare insieme come avevano tanto desiderato.
Per concludere, vi dico solo che è un libro che merita di essere letto in quanto coinvolgente, per nulla lento ed emozionante. Io l’ho finito in due giorni e appena avevo un minuto di tempo – non importa dove mi trovassi – lo tiravo fuori per continuare a leggerlo.

 

Recensione  a cura di:

 Lady Morgana

 Editing a cura di:

Tayla

 

 Recensione

Ritorniamo al Den dopo due mesi di chiusura per la ristrutturazione e l’aver preso altri tre nuovi soci, il locale riapre a Halloween. In questo libro conosciamo Marcus, che già avevamo intravisto in “Lasciati guardare”, professione Dominatore (ovvio) e Quinn, nota attrice, che deve iniziare una serie di telefilm sul mondo BDSM e quindi deve conoscere bene il mondo sommerso. L’incontro è un po’ uno scontro, nel senso che lei assolutamente dice di non essere una sottomessa e vuole solo vedere, lui invece nota i tratti tipici della sottomessa e vuole farli emergere. Inizia così la settimana di preparazione per Quinn dove vede, osserva i vari giochi e intanto viene stuzzicata da Marcus per provare… ma per Quinn si apre un mondo che credeva diverso e che la intriga, quindi accetta di essere la schiava di Marcus per una settimana, mettendo per iscritto su un contratto su cosa entrambi accettano o meno. Durante questi sette giorni i due si innamorano, ma hanno paura di avvicinarsi troppo visto che lei abita in California, fa l’attrice ed è sempre sotto i riflettori, lui per contro vive a Minneapolis, è un Dominatore e nessuno deve saperlo. Come faranno a conciliare tutto ciò? Tra discussioni, sesso, lezioni, e un incidente si arriverà al lieto fine.
Questa avventura mi è piaciuta un filino meno rispetto alle altre, sempre scritta in maniera magistrale, ma… la coppia non mi ha conquistato fino in fondo, riappaiono anche le ragazze degli altri tre libri (Cali, Allie e Kendra) e Tyler solo di sfuggita, intravediamo i due nuovi soci Vanessa e Noah (quindi direi che ci sono altri 2 libri ad attendermi) ma sembra aver perso mordente, lei troppo docile e lui poco “carogna”. Nel libro ci sono scene di sesso esplicito e BDSM, senza mai diventare violente o troppo crude, l’amore prevale e anche il buon gusto. Di più non posso dire per non spoilerare (se parlo di Quinn capite il personaggio quindi…) vi lascio alla lettura, alla prossima e Benvenuti al Den.

Recensione a cura di:

Tayla

Editing a cura di:

LaContessa

Sensualità per entrambe le recensioni:

Fiamme Sensualità super hot

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “The Viking Chronicles 2 – L’ascesa” di Andretta Baldanza

AUTORE: Andretta Baldanza EDITORE: Delos Digital GENERE: fantasy ...