Home » Recensione libri » Alle sorgenti del fantastico: RECENSIONE – LE CRONACHE DI NARNIA Libro 7 “L’ultima battaglia”

Alle sorgenti del fantastico: RECENSIONE – LE CRONACHE DI NARNIA Libro 7 “L’ultima battaglia”

Trama

Terra 1949 – Narnia 2555. Il ciclo di Narnia è arrivato alla sua conclusione e tutti i personaggi dei sei romanzi precedenti vengono alla ribalta per salutare, dall’aquila Alidifuoco all’unicorno Diamante. Ma i veri eroi di questo “gran finale” sono Tirian, ultimo discendente dei re di Narnia, Jill ed Eustachio, che devono smascherare un assurdo impostore. Le forze del bene e del male si preparano alla battaglia decisiva, ma alla fine è al “cuore delle cose” che tutti dovranno guardare…

Recensione

“Negli ultimi tempi di Narnia, nei pressi della grande cascata a ovest della Landa della Lanterna, viveva una scimmia di dimensioni gigantesche. Era così decrepita e incartapecorita che ormai nessuno ricordava più quando fosse comparsa per la prima volta nella regione. Era uno degli esseri più intelligenti e allo stesso tempo più malvagi che si potessero immaginare. Viveva su una grande quercia, in una piccola capanna con il tetto di foglie e le pareti di legno, costruita sulla biforcazione di due rami enormi.”

Ultimo emozionante capitolo della saga di Narnia, “L’ultima battaglia” racchiude tutto quello che abbiamo visto, letto e imparato in questa lunga storia.
Il romanzo inizia con due personaggi, la scimmia Cambio e l’asino Enigma, che sfruttano una pelle di leone per spacciarsi per Aslan e comandare sul regno di Narnia.
Re Tirian, pronipote di Caspian, è così costretto a richiamare sia Eustachio che Jillian per farsi aiutare contro gli impostori, ma Narnia ormai è stata compromessa, gli abitanti hanno perso la purezza e la sincerità di un tempo e nulla è più recuperabile.
Nonostante i due vengano smascherati nessuno ormai nel Regno ha più fiducia in Aslan, così i due giovani e Tirian decidono di partecipare all’ultima battaglia con la speranza di riportare Narnia all’antico splendore.
La loro decisione risulta però inutile e la scontro è presto perso.
Eustachio, Jillian, Tirian e i fratelli Pevensie, accorsi in seguito per aiutarli nella battaglia, vengono buttati in una cella, dove li raggiunge Aslan.
Il leone ammette che il Regno fantastico è ormai giunto al declino e per non soccombere al male si vede costretto a invocare l’apocalisse.
I fratelli Pevensie, spauriti, chiedono di poter tornare nel loro mondo ed è qui che le cose prendono una piega del tutto inattesa.
Essi, infatti, non possono più tornare indietro.
La cella in cui si trovano è in realtà un passaggio per un nuovo mondo in cui regna la pace e l’armonia. Un mondo in cui i buoni vincono, il male è un lontano ricordo e la magia non ha più confini.

Non posso andare oltre, non voglio rovinare un finale stupendo e inaspettato, che è la degna conclusione di un’avventura fantastica.
Sembra assurdo, ma proprio per questo ultimo capitolo non voglio spingermi troppo in là nel racconto.
Lewis si è superato, ha saputo fondere un’avventura superba con un finale degno di un romanzo per adulti.
Se per i giovani lettori può essere difficile accettare un epilogo del genere, per i ‘grandi’ è la conclusione di una lunga lezione su come sia facile perdere la retta via, cedendo alle tentazioni e su quanto il volere del Creatore sia un qualcosa al quale non ci si può opporre.

Un finale coinvolgente, avventuroso e denso di messaggi in parte velati.
Uno scrittore superbo per una saga stupenda ed è sicuramente difficile lasciare andare i personaggi che abbiamo imparato ad amare.
Ma se da una parte c’è la malinconia che si prova alla fine di un viaggio, dall’altra troviamo un bagaglio di esperienze e insegnamenti di tutto rispetto.
Raccomando la lettura delle “Cronache di Narnia” a giovani e adulti che hanno voglia di imparare sempre qualcosa di nuovo, di rispolverare vecchi valori e di immergersi in un mondo fantastico che difficilmente si trova in altre saghe.

“La lunga notte è finita: inizia il nuovo giorno. Il sogno è terminato e questo è il momento del Grande Risveglio.”

recensione a cura di :DarkBride
Editing: Tayla

StaffRFS

StaffRFS

Lascia un Commento