Da non perdere
Home / RFS' bloopers / VITA DI UN NEURONE COMPULSIVO. I° EPISODIO: Un’uscita tanto attesa.

VITA DI UN NEURONE COMPULSIVO. I° EPISODIO: Un’uscita tanto attesa.

 

Driiin.

Driiin.

Driiin.

«Qualcuno spenga quella cacchio di sveglia! Stanotte abbiamo fatto le 5.00 per finire l’ultimo della Armentrout!» urlano in coro i neuroni del lobo occipitale, l’area degli stimoli visivi. Sono sfiniti, ronfano come gatto Silvestro, hanno le sinapsi in cortocircuito e che sprizzano scintille da ieri sera.

Tra un po’ scoppia un incendio e di sicuro spunta l’emicrania.

«In piedi, fannulloni!» li rimprovera il neurone capobranco dell’area dell’attenzione. «Non vi ricordate che giorno è oggi? Esce il nuovo libro della Ward!»

Appena sentono quella parolina magica, drizzano tutti le antenne e nonostante la botta di sonno peggiore di un coma al quarto stadio, si mettono sull’attenti come il corpo dei Marines.

«Corteccia motoria e corteccia sensoriale, mi serve coordinazione. Allora ragazzi, accendete il computer, entrate in Amazon, cercate “The King” e poi andate col mouse sul tasto ACQUISTA CON UN CLICK.»

«Capo, non so se è il caso. La ragazza ha già dimezzato lo stipendio con le nuove uscite di Agosto. E non fa altro che comprare nonostante abbia già una lista infinita di roba da leggere…» non c’è niente da fare, il neurone più riflessivo dell’area sensoriale è sempre una palla al piede. E’ più esasperante di una puntata di Pomeriggio 5.

«E’ vero!» lo appoggia il capo-neurone dell’ippocampo, dall’area della memoria. Al secondo posto nel podio per Mister Simpatia. «Ho tentato di immagazzinare l’intera lista. E’ talmente lunga che me ne ricordo meno della metà. Non è mai successa una cosa del genere, i miei compagni hanno le sinapsi al collasso.»

I neuroni della dipendenza patologica si arrabbiano. Sono sempre violenti come ultrà allo stadio. «Zitti, imbecilli! Quel libro deve essere nostro. E’ una questione di vita o di morte.» E così dicendo, tirano fuori le mazze da baseball e gliele sbattono in testa. Ripetutamente. E li sfracellano.

Tutto tace.

«Se qualcun altro ha delle obiezioni, le tiri fuori adesso o mai più» il capobranco scalpita. Ha urgente bisogno di sapere cosa succederà a Wrath e Beth nel nuovo libro.

I neuroni della dipendenza patologica tirano fuori pistole, fucili, coltelli a serramanico e persino i taser. Una bella scarica elettrica e addio sinapsi per una settimana.

Col terrore psicologico si ottiene tutto. Infatti non parla più nessuno.

«Bene allora, che l’acquisto compulsivo abbia inizio!»

 

baby.ladykira

Oltre ad essere l' Admin founder del Sito di Romanticamente Fantasy, sono una libraia ed adoro tutti i libri in genere, dai cartacei ai digitali. Oltre alla passione dei libri, sono una telefilm e film dipendente ^_^
x

Check Also

VITA DI UN NEURONE COMPULSIVO: VI° EPISODIO.

VITA DI UN NEURONE COMPULSIVO: VI° EPISODIO.   LA SERIE INTERROTTA. Nella ...