Home / Recensione libri / Uno sguardo indietro… La saga di Hyperversum di Cecilia Randall

Uno sguardo indietro… La saga di Hyperversum di Cecilia Randall

Care Fenici, è in libreria e on-line l’ultimo romanzo di Cecilia Randall che va a completare la Saga di Hyperversum iniziata con il libro omonimo nel lontano 2006 e che ha conquistato migliaia di fan e riconoscimenti internazionali.

Vi offriamo una piccola guida per chi volesse intraprendere la meravigliosa avventura nella saga raccontandovi in breve i romanzi che compongono la serie.

 

Nella trilogia iniziale troviamo:

Daniel è un asso nel videogame Hyperversum, che gli consente di vivere avventure virtuali 3d nella Storia e in particolare nel Medioevo. Il suo amico fraterno Ian è dottorando in storia medievale e, al rientro da un soggiorno di studi in Francia, non perde l’occasione per giocare con Daniel al loro videogame preferito.

Davanti allo schermo non sono soli: ci sono il piccolo Martin, Jodie – la ragazza di Daniel – e, collegati da un altro computer, Carl e Donna. Mentre vivono la loro avventura virtuale nel xiii secolo, i ragazzi vengono sorpresi da una tempesta che li tramortisce e si ritrovano in Fiandra, nel bel mezzo della guerra che vede contrapposti Francia e Inghilterra, Impero e Papato.

Si apre per loro una nuova vita. Nuove strade, un nuovo amore…

 

 

 

 

 

A due anni di distanza dal primo viaggio e dopo molti vani tentativi, Hyperversum trasporta nuovamente Ian e Daniel nel xiii secolo.

Per riabbracciare l’amata Isabeau e vedere la nascita del suo primogenito, Ian si trova coinvolto nella ribellione dei baroni inglesi contro Giovanni Senza Terra.

Daniel cerca di tornare nel suo tempo ma rimane imprigionato, suo malgrado, nel 1215, tra le grinfie del nemico giurato di Ian: Geoffrey Martewall, barone di Dunchester.

 

 

 

 

 

 

 

Sono passati tre anni dal momento in cui Ian e Daniel si sono salutati prendendo strade (e secoli) molto diversi tra loro. Di tanto in tanto, Daniel non può fare a meno di ritentare una partita con Hyperversum, nella speranza di incontrare nuovamente l’amico.

Inaspettatamente, un giorno, riceve una misteriosa mail firmata “Falco d’argento”, il soprannome con cui Ian è conosciuto nella sua vita medievale.

 

Daniel è sconvolto: come è possibile? È ancora una volta il gioco che si intromette nelle loro vite? È realmente Ian che ha trovato un nuovo varco nel tempo? O qualcuno si cela dietro le ali del Falco? E perché?

 

 

 

 

 

Nella duologia che conclude la saga troviamo:

Alexandra, furiosa perché l’ennesimo brutto voto in fisica la costringe sui libri, rinunciando al primo agognato appuntamento con Brad, si aggira come un animale in gabbia nella biblioteca del padre Daniel, fino a che un antico volume miniato non attrae la sua attenzione. Non l’ha mai visto, quasi fosse un segreto attentamente custodito. All’interno, un enigmatico biglietto e una password.

Alex accende il computer del padre e scopre un’antiquata versione di un videogioco di culto: Hyperversum, celebre per la veridicità con cui sa ricreare l’ambientazione medievale. La tentazione è forte. Alex avvia il gioco e si crea un avatar.

Clois, Francia nord-occidentale, XIII secolo.

Alex si aggira nel cuore di un animato villaggio, ammirando stupita la ricostruzione in dettaglio di botteghe, vicoli e personaggi, ma presto il gioco si trasforma in un incubo. Il medioevo 3d ricreato da Hyperversum si fa vero e tangibile e Alex non sa come tornare nel proprio tempo.

Presto scoprirà di essere in pericolo di vita, giovane donna che deve imparare a muoversi in mezzo a intrighi e scontri all’arma bianca, ma anche a gestire il proprio rapporto con Marc, figlio inquieto e affascinante del Falco del Re.

Ed eccoci al nuovo romanzo appena uscito:

Phoenix, Arizona, futuro prossimo.

Alex ha deciso: tornerà nel medioevo da Marc, che ora è il primo cavaliere di Luigi ix. Nulla può farla rinunciare al suo amore per lui, nemmeno l’ira di suo padre Daniel e il dolore per il distacco dalla famiglia.

Châtel-Argent, Francia nord-orientale, xiii secolo.

Mentre al castello fervono i festeggiamenti per il matrimonio di Michel de Ponthieu, Marc e Alex si ritrovano e decidono di sposarsi, ma Ian impone loro di attendere almeno sei mesi, per conoscersi meglio.

Durante i due anni di distacco, Marc è cambiato: è diventato un uomo di corte e un campione di guerra, sicuro di sé, quasi arrogante. Alex a volte fatica a riconoscerlo, è smarrita e sempre più spesso finisce per confidarsi con il giovane Richard, che ha una sensibilità più affine alla sua. E le cose si complicano quando Luigi ix affida a Marc una missione delicata, sulla quale grava l’ombra di una nuova guerra: a Dunkerque è stato ucciso un templare e occorre investigare per trovare gli assassini

 

Dunque, “Meraviglioso Medioevo” mi sento di dire pensando a questa stupenda saga che ha attraversato indenne un decennio e ha aumentato sempre di più il suo fascino e le emozioni che regala al lettore.

Attualissima con la sua attenzione al 3d e ai giochi di ruolo, eppure sempre saldamente ancorata alla tradizione dei romanzi d’armi, ad Artù e ai cavalieri della tavola rotonda, evoca un mondo di castelli e cavalieri che affascina e cattura l’attenzione.

Scritto con perizia ma scorrevole e avvincente la saga di Hyperversum crea dipendenza, appassiona e non si può smettere di seguirne le vicende.

Daniel e Ian, i protagonisti principali, da giovani scapestrati matureranno e diventeranno due uomini coraggiosi e valorosi e, pur compiendo scelte diverse, resteranno sempre uniti da una profonda amicizia che si trasformerà in parentela quando Marc e Alex uniranno i loro destini.

Re, regine, dame e paggi si muoveranno come pedine in uno scenario di intrighi, guerre, agguati e alleanze, giostre e tornei in un continuum tra il passato e il presente da brivido.

Se volete saperne di più seguite il sito dell’autrice qui http://www.ceciliarandall.it/;vi troverete curiosità sulla saga e sulle altre belle storie che l’autrice ha creato nella sua carriera.

 

 

Emanuela

Emanuela
x

Check Also

Recensione: Connessione persa (Urban love #1) di AE Ryecart

  Innamorarsi è stato facile, farlo funzionare è ...